Tavolo Medicina generale, verso iter più rapido e light per le ricette ai malati cronici

 

Stop alla corsa a ostacoli per l'acquisto dei medicinali destinati ai malati cronici, finora prescrivibili solo dopo la predisposizione di un Piano terapeutico da parte dello specialista. Il Tavolo sulla medicina generale avviato in Aifa, ha infatti convenuto sulla necessità di coinvolgere i medici di famiglia nel trattamento delle patologie croniche in sinergia con i medici specialisti.

«Un processo che esamineremo da un punto di vista tecnico già dal prossimo incontro, in modo da garantire appropriatezza prescrittiva e aderenza terapeutica, senza costringere più i pazienti a un faticoso e costoso ping-pong tra noi e i nostri colleghi specialisti per ottenere i medicinali», dichiara al termine dell'incontro Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg, la federazione medici di famiglia.

In Italia 10 milioni di cronici gravi 

Parliamo di medicinali d'uso quotidiano per almeno 10 milioni di pazienti con gravi patologie, come diabete e Bpco, costretti a una continua la corsa ad ostacoli per accedere a farmaci innovativi e salvavita. Si tratta di centinaia di prodotti afferenti a 32 categorie terapeutiche oggi prescrivibili solo dallo specialista e dopo predisposizione di un piano terapeutico che ne garantisca l'uso più appropriato. Un sistema che fino ad oggi ha tagliato fuori i medici di famiglia, costringendo i malati a saltare dallo studio del proprio dottore di fiducia al medico specialista. Il tutto con esborso di un super-ticket da 50 euro, quello appunto dovuto sulla visita specialistica, necessaria ogni qual volta c'è da aggiornare il piano terapeutico. Una corsa ad ostacoli alla quale la stessa Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco, ha annunciato voler porre fine consentendo ai medici di famigli di poter agire in raccordo con gli specialisti, sia sulle modifiche ai piani terapeutici che sulla prescrivibilità dei medicinali.

«Oggi - spiega Scotti - quando valutiamo che un paziente necessita di un prodotto prescrivibile solo dietro definizione di un piano terapeutico dobbiamo dirottarlo dallo specialista. E sono già 50 euro. Spesso però il paziente torna senza piano e con richieste di esami diagnostici da noi già effettuati che ovviamente lo specialista non conosce e siamo così costretti a rinviarlo allo stesso specialista dietro esborso di altri 50 euro oltre che a convincere il paziente che quegli esami non vanno ripetuti. Idem quando il piano, che dura solitamente tra i 3 mesi e un anno, va aggiornato. Cosa che accade spesso trattandosi in molti casi di cure per malattie croniche».

Finita qui? No, perché in alcune Regioni è richiesto anche il passaggio alla farmacia ospedaliera per il rilascio della prima dose di farmaci e il timbro sulla prescrizione per ottenere le successive confezioni nella farmacia sotto casa.

«Dopo incontri, riunioni e tavole rotonde tutto finalmente agli annunci ora dovrebbero però seguire i fatti», annuncia il Segretario nazionale della Fimmg. «L'Aifa ha concordato sulla opportunità di creare un raccordo tra specialisti e medici di medicina generale per poter gestire senza steccati i piani terapeutici dei malati cronici anche utilizzando le piattaforme web. Evitando così ai nostri assistiti di dover affrontare veri e propri percorsi ad ostacoli per poter accedere a farmaci essenziali, con liste d'attesa per l' accesso alle visite specialistiche spesso improponibili».

«Ci auguriamo ora che la nuova convenzione della medicina generale incentivi i medici di famiglia a dotarsi di quegli strumenti diagnostici di primo livello per poter effettuare direttamente a studio accertamenti, come la spirometria per la Bpco, che solitamente precedono la predisposizione dei piani terapeutici per i malati cronici. Una novità - conclude Scotti- che consentirebbe agli assistiti di risparmiare tempo e denaro: quelli fino ad ora spesi per liste d'attesa e superticket su visite specialistiche e accertamenti diagnostici.

Tra i medicinali “a ricetta limitativa” con obbligo di Piano terapeutico figurano gli anticoagulanti di nuova generazione, le incretine per il trattamento del diabete e le associazioni di farmaci per la Bpco».

 

Fonte: Sole 24 ore sanità – 24 marzo 2017

Blog - Commenti (0)
Accedi

Accedi

Recupera password

Registrati

Registrandoti dichiari di aver preso visione e dato il tuo consenso a {privacy}

Argomento del mese - ALICe Italia

I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia - Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana

I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana     Sono stati recentemente presentati i risultati del “Progetto FAI: la Fibrillazione Atriale in Italia”,finanziato dal...

"L'impatto dell'ictus sulla popolazione Europea", finalmente disponibile la traduzione dello studio “The Burden of Stroke in Europe” commissionato da S.A.F.E.

La traduzione in lingua Italiana dello studio “The Burden of Stroke in Europe”: impatto dell’ictus sulla popolazione europea è finalmente disponibile sul nostro sito, nella sua versione finale e integrale, a cura di A.L.I.Ce. Italia Onlus. I dati che emergono dallo studio “Burden of Stroke”, condotto dai ricercatori del King’s College di Londra su...

Donne ed Ictus: pillola anticoncezionale, fumo ed emicrania. Un’associazione pericolosa

Comunicato Stampa Roma, 23 gennaio 2018 – Il 55% delle morti delle donne, in Europa, è causato da cardiopatia ischemica e ictus. Dopo gli 80 anni, le donne colpite da ictus sono il 20% in più rispetto agli uomini. Ma alcune specifiche condizioni rendono il rischio molto più elevato anche nelle fasce di età più giovani. Dal punto di vista epidemiologico,...

ALICe alla SAFE Working Conference e  Assemblea Generale

L’impegno di ALICe Italia nel promuovere la lotta contro l’ictus a livello Europeo è costante: anche nel 2017 abbiamo partecipato attivamente alle attività proposte dal SAFE (Stroke Alliance for Europe), l’organizzazione che raccoglie le associazioni di volontariato che si dedicano alla lotta contro ictus cerebrale.  Il 2017 è stato un anno...

AUGURI!!!

A Volontari, Soci, Collaboratori e Amici di A.L.I.Ce. Italia Auguriamo Serene Festività che siano per tutti occasione di sognare un mondo migliore e di costruirlo intorno a noi con rinnovato entusiasmo, che si avverino i desideri di chi crede ancora nell’amore del prossimo e che pace, letizia e prosperità siano nelle case di ciascuno! Ringraziamo tutti per i costruttivi...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Ferrara: ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello 2018 … come riconoscere con gesti semplici la FIBRILLAZIONE ATRIALE.

Nel mese dedicato all'Ictus, torna come ogni anno a Ferrara la campagna di informazione e prevenzione promossa da A.L.I.Ce Emilia Romagna,...

Giornata di prevenzione dell’Ictus Cerebrale il 26 maggio a Bologna

Ecco l' invito alla Giornata di Prevenzione dell' Ictus Cerebrale che quest' anno avrà una particolare...

Lotta all’ictus cerebrale Una barella di speranza

L’associazione Alice Ferrara ha donato un dispositivo attrezzato all’ospedale Sant’Anna Servirà per aiutare gli...

Non dormiamoci sopra -OSAS patologia silente rumorosa - Sabato 26 maggio 2018 - AOSTA

A.L.I.Ce. VdA è lieta di invitarvi al Convegno, patrocinato da A.L.I.Ce. Valle d'Aosta onlus e organizzato dal Rotary Club di Aosta e...

ICTUS Un disturbo in crescente e preoccupante aumento

A fronte di un costante e preoccupante aumento di casi di ICTUS si registra una insensibilità e disattenzione da parte delle istituzioni...

A Napoli dall' 8 maggio: Mostra “ABILI OLTRE…in Viaggio

Riceviamo da parte del Presidente dell'Associazione No Profit Abili Oltre e volentieri pubblichiamo l'invito a partecipare...

OGGI IL CORO DI ALICE CUNEO ONLUS SI ESIBISCE IN CONCERTO A TORINO

Ritrovare la voce con il canto Il coro che sconfigge la malattia Oggi al San Camillo Il musicoterapista: «Il silenzio non è senza...

A Napoli la prima tappa di Riprenditi la Vita, campagna informativa su Ictus Cerebrale e Fibrillazione Atriale

Napoli, 14 maggio 2018 – Debutta a Napoli la terza edizione di “Riprenditi la vita”, la campagna informativa...