"L'impatto dell'ictus sulla popolazione Europea", finalmente disponibile la traduzione dello studio “The Burden of Stroke in Europe” commissionato da S.A.F.E.

La traduzione in lingua Italiana dello studio “The Burden of Stroke in Europe”: impatto dell’ictus sulla popolazione europea è finalmente disponibile sul nostro sito, nella sua versione finale e integrale, a cura di A.L.I.Ce. Italia Onlus.
I dati che emergono dallo studio “Burden of Stroke”, condotto dai ricercatori del King’s College di Londra su documenti provenienti da 35 nazioni, sono estremamente interessanti e mostrano come, a livello europeo, ci siano notevoli disparità non solo tra i singoli Paesi, ma anche al loro interno. Questo per quanto riguarda l’intero percorso di cura delle persone colpite da ictus cerebrale.
Si evidenzia inoltre come il post-ictus venga trascurato da tutti i Paesi.

La pubblicazione è stata commissionata da SAFE - Stroke Alliance for Europe -, organizzazione cui A.L.I.Ce. Italia Onlus aderisce da anni, che riunisce e rappresenta le associazioni di persone affette da ictus provenienti da tutta Europa, portando all’attenzione della politica e delle Istituzioni i bisogni e le necessità di salute e di benessere dei cittadini colpiti da ictus e delle loro famiglie e segna un cambiamento rispetto al passato per l’ampio coinvolgimento delle associazioni, delle società scientifiche e di quella civile dei Popoli Europei nell’elaborazione del documento.
Un confronto a livello europeo sull’ictus e sull’assistenza sono fondamentali per aiutare ogni singolo Paese a mettere in atto strategie di prevenzione efficace per questa patologia, fornire un’assistenza adeguata e appropriata e offrire sostegno a tutti quelli che ne vengono colpiti.
SAFE ritiene che il modo migliore per combattere l’ictus sia che ogni Paese membro della Comunità Europea abbia una strategia a livello nazionale attivamente supportata e sostenuta dal Governo e che riguardi l’intero percorso di cura dell’ictus: dalla diffusione della conoscenza tra la popolazione alla prevenzione, diagnosi e trattamenti, dai modelli di rete alla riabilitazione specialistica per trattamenti a lungo termine, dall’integrazione sociale alla partecipazione alla vita comune, prendendo in considerazione anche la questione delle cure palliative e del fine vita.

SAFE invita quindi ogni Paese Europeo ad istituire un registro nazionale per l’ictus al fine di mantenere un adeguato controllo sulla patologia e monitorare le risorse e le prestazioni erogate durante l’intero percorso di cura. La condivisone dei risultati permetterà, inoltre, ad ogni Paese di imparare dagli altri e rinforzare e accelerare il processo di miglioramento dei modelli di cura per l’ictus adottati dai singoli Paesi.

Per consultare il volume, cliccare qui

Blog - Commenti (0)
Accedi

Accedi

Recupera password

Registrati

Registrandoti dichiari di aver preso visione e dato il tuo consenso a {privacy}

Argomento del mese - ALICe Italia

I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia - Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana

I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana     Sono stati recentemente presentati i risultati del “Progetto FAI: la Fibrillazione Atriale in Italia”,finanziato dal...

"L'impatto dell'ictus sulla popolazione Europea", finalmente disponibile la traduzione dello studio “The Burden of Stroke in Europe” commissionato da S.A.F.E.

La traduzione in lingua Italiana dello studio “The Burden of Stroke in Europe”: impatto dell’ictus sulla popolazione europea è finalmente disponibile sul nostro sito, nella sua versione finale e integrale, a cura di A.L.I.Ce. Italia Onlus. I dati che emergono dallo studio “Burden of Stroke”, condotto dai ricercatori del King’s College di Londra su...

Donne ed Ictus: pillola anticoncezionale, fumo ed emicrania. Un’associazione pericolosa

Comunicato Stampa Roma, 23 gennaio 2018 – Il 55% delle morti delle donne, in Europa, è causato da cardiopatia ischemica e ictus. Dopo gli 80 anni, le donne colpite da ictus sono il 20% in più rispetto agli uomini. Ma alcune specifiche condizioni rendono il rischio molto più elevato anche nelle fasce di età più giovani. Dal punto di vista epidemiologico,...

ALICe alla SAFE Working Conference e  Assemblea Generale

L’impegno di ALICe Italia nel promuovere la lotta contro l’ictus a livello Europeo è costante: anche nel 2017 abbiamo partecipato attivamente alle attività proposte dal SAFE (Stroke Alliance for Europe), l’organizzazione che raccoglie le associazioni di volontariato che si dedicano alla lotta contro ictus cerebrale.  Il 2017 è stato un anno...

AUGURI!!!

A Volontari, Soci, Collaboratori e Amici di A.L.I.Ce. Italia Auguriamo Serene Festività che siano per tutti occasione di sognare un mondo migliore e di costruirlo intorno a noi con rinnovato entusiasmo, che si avverino i desideri di chi crede ancora nell’amore del prossimo e che pace, letizia e prosperità siano nelle case di ciascuno! Ringraziamo tutti per i costruttivi...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Ferrara: ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello 2018 … come riconoscere con gesti semplici la FIBRILLAZIONE ATRIALE.

Nel mese dedicato all'Ictus, torna come ogni anno a Ferrara la campagna di informazione e prevenzione promossa da A.L.I.Ce Emilia Romagna,...

Giornata di prevenzione dell’Ictus Cerebrale il 26 maggio a Bologna

Ecco l' invito alla Giornata di Prevenzione dell' Ictus Cerebrale che quest' anno avrà una particolare...

Lotta all’ictus cerebrale Una barella di speranza

L’associazione Alice Ferrara ha donato un dispositivo attrezzato all’ospedale Sant’Anna Servirà per aiutare gli...

Non dormiamoci sopra -OSAS patologia silente rumorosa - Sabato 26 maggio 2018 - AOSTA

A.L.I.Ce. VdA è lieta di invitarvi al Convegno, patrocinato da A.L.I.Ce. Valle d'Aosta onlus e organizzato dal Rotary Club di Aosta e...

ICTUS Un disturbo in crescente e preoccupante aumento

A fronte di un costante e preoccupante aumento di casi di ICTUS si registra una insensibilità e disattenzione da parte delle istituzioni...

A Napoli dall' 8 maggio: Mostra “ABILI OLTRE…in Viaggio

Riceviamo da parte del Presidente dell'Associazione No Profit Abili Oltre e volentieri pubblichiamo l'invito a partecipare...

OGGI IL CORO DI ALICE CUNEO ONLUS SI ESIBISCE IN CONCERTO A TORINO

Ritrovare la voce con il canto Il coro che sconfigge la malattia Oggi al San Camillo Il musicoterapista: «Il silenzio non è senza...

A Napoli la prima tappa di Riprenditi la Vita, campagna informativa su Ictus Cerebrale e Fibrillazione Atriale

Napoli, 14 maggio 2018 – Debutta a Napoli la terza edizione di “Riprenditi la vita”, la campagna informativa...