Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa

 

Una Regione su due prevede una regolamentazione relativa all’attività di valutazione delle tecnologie sanitarie (Hta). Nel biennio 2014-2015 sono stati prodotti 102 report regionali di Hta, di cui il 44% dei casi relativo ai dispositivi medici e il 22% ai farmaci.

Sono i principali risultati dell’indagine conoscitiva diretta a rilevare lo «stato dell’arte» delle attività di Health Technology Assessment (Hta) nelle regioni italiane condotta da Agenas, in collaborazione con la Sihta (Società Italiana di Health Technology Assessment), a distanza di circa 10 anni dal Piano sanitario nazionale 2006-2008 che ne riconosceva il ruolo strategico nel supportare i diversi livelli decisionali del Servizio sanitario nazionale.

Nello specifico, dalla survey, cui hanno aderito 17 Regioni su 21, è emerso che 11 Regioni hanno adottato leggi e regolamenti in materia: Basilicata, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo. Non hanno legiferato: Valle D’Aosta, Marche, Umbria e Trento, Bolzano e Calabria, pur svolgendo attività di valutazione delle tecnologie sanitarie. Infine: Campania, Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna non hanno risposto al questionario. 

L’indagine ha, inoltre, messo in evidenza che solo 5 Regioni: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Puglia e Sicilia, tutte appartenenti al gruppo delle realtà che hanno regolamentato le attività di Hta, hanno adottato disposizioni relative al conflitto di interesse. Mentre riguardo all'impatto regionale delle valutazioni di Hta, soltanto in Veneto i risultati dei report sono “sempre vincolanti”.

«I risultati dell’indagine conoscitiva evidenziano uno scenario variegato che testimonia lo sviluppo delle attività di Health Technology Assessment in Italia, seppure in forme eterogenee - dichiara Marina Cerbo, dirigente dell’Area innovazione, sperimentazione e sviluppo di Agenas -. Questo patrimonio informativo conforta la scelta del Legislatore di istituire una cabina di regia presso il Ministero della Salute (L. 23 dicembre 2014 n. 190) per assicurare uniformità nella governance del settore, in particolare dei dispositivi medici. Inoltre, costituisce la nuova base per un impianto del Programma nazionale di Hta che tenga conto di quanto realizzato sinora e delle realtà più avanzate e promuova il progresso delle altre, ponendo al centro l’interesse del cittadino in quanto paziente e contribuente ad accedere alle tecnologie sanitarie di maggior valore rispetto ai propri bisogni».

«L’Hta è l’unica risposta strutturale in grado di garantire innovazione e sostenibilità al Servizio sanitario nazionale assicurando, allo stesso tempo, equo accesso alle tecnologie sanitarie di valore per i cittadini - dichiara Americo Cicchetti, presidente della Società italiana di Health Technology Assessment -. L’indagine mostra come molta strada sia stata fatta dalle Regioni in termini di produzione di report, ma che c’è ancora molto da fare in termini di qualità delle valutazioni e per garantire un impatto sistematico degli esiti delle valutazioni stesse sulle decisioni a livello regionale e aziendale. Il nuovo Programma nazionale di Hta promette di mettere a sistema tutte le competenze a livello nazionale, regionale e aziendale sviluppate in questi anni e garantire un reale impatto dell’Hta sulle decisioni politiche e manageriali nel sistema. Importante è fare presto e renderlo operativo senza indugi».

Fonte: Sole 24 Ore sanità, redazione, 17 luglio 2017

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

Presentato il Rapporto di Cittadinanzattiva sull'assistenza sanitaria territoriale: confusione, difformità e ritardi producono disuguaglianze.

Riceviamo e volentieri inoltriamo il Comunicato inviato dall'Ufficio stampa di Cittadinanzattiva onlus, relativo al rapporto presentato a Roma il 19 luglio 2017 su "L'assistenza sanitaria territoriale: confusione, difformità e ritardi producono disuguaglianze. Necessari standard nazionali qualitativi e quantitativi."    Comunicato stampa Roma, 19...

INTERVISTA AL DOTTOR MASSIMO DEL SETTE "Ictus, sicuri di conoscerne i sintomi?"

Il Dottor Massimo Del Sette, Direttore S.C. Neurologia dell’Ospedale Galliera di Genova e Presidente di A.L.I.Ce. Liguria Onlus, ospite del programma “Salute 88” in onda su TeleNord, ci parla di ictus cerebrale a 360°: che cos’è? Quali sono i principali fattori di rischio? Quali i sintomi? Come si può prevenire questa patologia? Quanto è...

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale ______________________________________________________________________ “L’ictus è un attacco cerebrale! Preveniamolo e curiamolo!”: questo lo slogan del World Brain Day 2017 Comunicato Stampa Roma, 20 luglio 2017 – Il 22 luglio si celebra la Giornata Mondiale del...

Un nuovo piccolo passo per l'accessibilità a Città della Pieve

La pubblicizzazione dell'operato e delle proposte per il prossimo futuro da parte del “Tavolo delle disabilità” a Città della Pieve ha fatto scattare la sensibilità dei cittadini riguardo al problema. Un ingegnoso pievese ha, a proprie spese, costruito due pedane per sopperire alle difficoltà rappresentate dal marciapiede e dall'accesso...

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa   Una Regione su due prevede una regolamentazione relativa all’attività di valutazione delle tecnologie sanitarie (Hta). Nel biennio 2014-2015 sono stati prodotti 102 report regionali di Hta, di cui il 44% dei casi relativo ai dispositivi medici e il 22% ai farmaci. Sono i principali risultati dell’indagine...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group