Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
L’ictus si tinge di rosa: a Valeria Caso il Premio R.O.S.A. per “risultati ottenuti senza aiuti” e il Premio della Critica del R.O.S.A. per il 2017

Nel nostro paese esiste un premio che celebra l’impegno professionale delle donne, il premio R.O.S.A., “risultati ottenuti senza...

Nasce A.L.I.Ce. Federazione Abruzzo Onlus. Incontro ad Avezzano

ICTUS CEREBRALE, COME FRONTEGGIARLO IN TEMPO: INCONTRO AD AVEZZANO Il fattore tempo, decisivo per fronteggiare l’ictus cerebrale, riguarda...

Marta Bassino, campionessa olimpionica di sci, ma anche di solidarietà, madrina di ALICe Cuneo Onlus

“A Stefania Belmondo, ad Elisa Rigaudo si aggiunge ora il nominativo di Marta Bassino quale madrina di ALICe Cuneo Onlus – informa il...

"Raccolte oltre 35mila firme di cittadini per l'abolizione del superticket. Si abolisca subito e non si faccia cassa col ticket sui codici verdi in pronto soccorso"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato stampa del 15 maggio 2017 emesso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del...

Convegno Internazionale “PISA STROKE CHALLENGES”, 27 e 28 novembre 2017

Si segnala la II edizione del Convegno Internazionale “PISA STROKE CHALLENGES”, organizzato per il 27 e 28 Novembre 2017 dalla Clinica...

1° SNOOPY TROPHY e A.L.I.Ce. Valle d'Aosta 15 - 16 - 17 e 18 giugno 2017

Giunto alla 6° edizione il Trofeo Valle d’Aosta Calcio – nel 2017 targato “1° SNOOPY TROPHY” – si ricandida...

ALICe Cuneo tre serate in Tv a TELEGRANDA

L’associazione di Cuneo organizza tre incontri televisivi sulla prevenzione e cura della malattia. Intervengono medici di base, neurologi,...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group