Report Eurostat: in Europa evitabile una morte su tre. Infarti e ictus le priorità d’intervento


 

Nel 2013 l’Unione europea ha registrato 1,7 milioni di morti tra la popolazione che ha meno di 75 anni. Ma ben il 33,7% dei decessi sono da considerare “prematuri”, cioè sarebbe stati evitabili, allo stato attuale delle competenze e tecnologie mediche. L’amaro bilancio arriva dall’ultimo studio di Eurostat - l’ufficio statistico della Ue - sulla mortalità evitabile. Un report che indica a chiare lettere anche le aree dove l’“incuria” è stata maggiore: infarti (184.800 morti) e ictus (circa 94mila morti) - seguiti cancro colorettale e della mammella, da ipertensione e polmonite - che nel complesso cumulano il 48% delle morti premature. Ma cosa significa che questi decessi sarebbero stati “evitabili”? In soldoni, che non si sarebbero verificati a quella data, in presenza di interventi sanitari tempestivi ed efficaci. Tradotto: nei sistemi sanitari dove questo dato è maggiore si registrano performance da correggere; in quelli dove la percentuale è più bassa si è sul giusto (ma sempre migliorabile) binario.
La classifica. Nella classifica Eurostat Romania e Lettonia indossano la maglia nera con, rispettivamente, il 49,4% e il 48,5% delle morti evitabili. A ruota, Lituania (45,4%) e Slovacchia (44,6%). Le best practice, dal 30% in giù, si registrano nella più virtuosa Francia (23,8%) e ancora, a seguire, in Danimarca (27,1%), Belgio (27,5%) e Olanda (29,1%). L’Italia, con il 33%, mostra performance comunque leggermente migliori della media europea. Al di sotto dei capolista, ma più positive rispetto a Paesi con sistemi sanitari universalistici (un tempo) e tradizionalmente efficienti come il Regno Unito. Che a sorpresa presenta ben il 34,2% di morti evitabili.
Il punto dell’Iss. Un aspetto che fa notare il presidente del nostro Istituto superiore di Sanità Walter Ricciardi, che così sintetizza e commenta i dati del rapporto: «Eurostat individua alcune componenti importanti sullo stato di salute del Paese: l’Italia ha performance migliori della media europea e anche di altri servizi sanitari come quelli di Gran Bretagna e Svezia; il lavoro avviato nei passati 3 anni è focalizzato su un ulteriore miglioramento di queste performance attraverso l’appropriatezza organizzativa e professionale perseguita attraverso misure sia regolamentari (come il Regolamento per gli standard organizzativi e funzionali delle strutture ospedaliere) sia di lavoro comune con i professionisti per mettere al centro delle strategie diagnostiche e terapeutiche le migliori pratiche per il paziente; gli investimenti in prevenzione che il Paese intende avviare a partire dai prossimi Livelli essenziali di assistenza consolideranno la strategia di prevenzione di malattie e la riduzione della mortalità evitabile.
La prevenzione che latita. Prevenzione è dunque la parola e l’obiettivo da centrare, se si vuole far sì che l’Italia risalga la china di quel 33% di morti evitabili. In cui come detto il cardiovascolare è un vero e proprio tallone d’Achille. E questo significa lavorare sui corretti stili di vita fin dall’infanzia, sull’equità di accesso alle cure da nord a sud del Paese, sull’alimentazione e su dotazioni anche basilari ma salvavita come i defibrillatori. I governi sono avvertiti. Anche quello italiano, che continua a destinare alla prevenzione un misero 4% più spiccioli rispetto al target 5% indicato da ultimo nel Patto per la salute.

Per saperne di più: in allegato, cliccando qui, ultimo studio di Eurostat sulla mortalità evitabile.
Fonte: Sole 24 ore Sanità, articolo di Barbara Gobbi, 25 maggio 2016

Novità scientifiche ALICe Italia

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no?

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no? Il dibattito politico dell’ultima tornata elettorale ha praticamente ignorato il settore della sanità, focalizzando il confronto sui temi fiscali e previdenziali che avranno comunque un forte riflesso sulla sanità. Si tratta, infatti, di interventi che, se attuati, condizioneranno le risorse a...

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale   Il profondo gap Nord-Sud confermato, con un Paese quasi sempre spaccato in due, quasi a ricalcare il risultato del voto politico del 4 marzo scorso. Solo che, nell'Italia di cui si fotografano dati di salute e di spesa, il gap dura da un numero consistente di anni. Con un federalismo sanitario che...

LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il link al programma aggiornato del LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare". Il Congresso, cui A.L.I.Ce. Italia ha concesso il Patrocinio, quest'anno è stato organizzato in Romagna, presso il Palacongressi di Riccione, e...

IL SONDAGGIO Donne: una vita da caregiver

Il caregiving familiare in Italia è soprattutto nelle mani delle donne, che ne avvertono tutto il peso e che si trovano a dover bilanciare questo impegno con le proprie necessità, i propri interessi e le proprie aspirazioni. Per quasi 9 donne su 10 questa è una realtà quotidiana e per 1 su 5 di tratta di un impegno sentito come gravoso, poiché alto è il...

LE ORIGINI Quel bambino di 7.000 anni fa in cui nacque l’anemia falciforme

La mutazione genetica all'origine della malattia dà un vantaggio evolutivo: protegge dalla malaria Più di 7 mila anni fa la zona del Sahara era verde e umida, un habitat ideale per le zanzare che portano la malaria. È qui, con la nascita di un bambino, che comincia la storia di una mutazione che protegge dalla malaria ma può provocare la grave malattia. Circa...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Due iniziative di ALICe Liguria per il Mese della Prevenzione dell'Ictus

1) - APRILE: MESE DELLA PREVENZIONE: VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ICTUS PER I SOCI DELLA S.O.M.S. “LA CASTAGNA” DI GENOVA Venerdì...

Primo elenco di iniziative di A.L.I.Ce. nelle regioni italiane in occasione del mese della Prevenzione dell'Ictus Cerebrale

ALICe Marche Giornata di screening per il rischio vascolare nell'ambito di un progetto rivolto alla promozione della salute nella donna....

Grande successo per il convegno di A.L.I.Ce. Italia Onlus. Riuniti a La Spezia i principali attori impegnati nella prevenzione e nella cura dell’ictus cerebrale

  La Spezia, 27 marzo 2018 – “Conoscere, educare, prevenire… l’ictus: la parola ai protagonisti”....

GIORNATA SULLA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE

Nell'ambito delle iniziative del mese della PREVENZIONE ALICe Cuneo Onlus è fra gli organizzatori del Convegno "ESPERIENZE PRATICHE...

Manifestazione e convegno a Roma, "L'albero della vita", 25 febbraio 2018

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'invito a partecipare a due eventi che si terranno a Roma domenica 25 febbraio nell'ambito della...

ALICe CUNEO ONLUS CON UN PROPRIO STAND ALLA “GIORNATA PER LA SALUTE “ DI DOMENICA 8 APRILE A BUSCA

ALICe Cuneo Onlus sarà presente con un suo stand ed una folta delegazione di suoi volontari, a BUSCA DOMENICA 8 APRILE, dalle 10 alle 17, alla...