Report Eurostat: in Europa evitabile una morte su tre. Infarti e ictus le priorità d’intervento


 

Nel 2013 l’Unione europea ha registrato 1,7 milioni di morti tra la popolazione che ha meno di 75 anni. Ma ben il 33,7% dei decessi sono da considerare “prematuri”, cioè sarebbe stati evitabili, allo stato attuale delle competenze e tecnologie mediche. L’amaro bilancio arriva dall’ultimo studio di Eurostat - l’ufficio statistico della Ue - sulla mortalità evitabile. Un report che indica a chiare lettere anche le aree dove l’“incuria” è stata maggiore: infarti (184.800 morti) e ictus (circa 94mila morti) - seguiti cancro colorettale e della mammella, da ipertensione e polmonite - che nel complesso cumulano il 48% delle morti premature. Ma cosa significa che questi decessi sarebbero stati “evitabili”? In soldoni, che non si sarebbero verificati a quella data, in presenza di interventi sanitari tempestivi ed efficaci. Tradotto: nei sistemi sanitari dove questo dato è maggiore si registrano performance da correggere; in quelli dove la percentuale è più bassa si è sul giusto (ma sempre migliorabile) binario.
La classifica. Nella classifica Eurostat Romania e Lettonia indossano la maglia nera con, rispettivamente, il 49,4% e il 48,5% delle morti evitabili. A ruota, Lituania (45,4%) e Slovacchia (44,6%). Le best practice, dal 30% in giù, si registrano nella più virtuosa Francia (23,8%) e ancora, a seguire, in Danimarca (27,1%), Belgio (27,5%) e Olanda (29,1%). L’Italia, con il 33%, mostra performance comunque leggermente migliori della media europea. Al di sotto dei capolista, ma più positive rispetto a Paesi con sistemi sanitari universalistici (un tempo) e tradizionalmente efficienti come il Regno Unito. Che a sorpresa presenta ben il 34,2% di morti evitabili.
Il punto dell’Iss. Un aspetto che fa notare il presidente del nostro Istituto superiore di Sanità Walter Ricciardi, che così sintetizza e commenta i dati del rapporto: «Eurostat individua alcune componenti importanti sullo stato di salute del Paese: l’Italia ha performance migliori della media europea e anche di altri servizi sanitari come quelli di Gran Bretagna e Svezia; il lavoro avviato nei passati 3 anni è focalizzato su un ulteriore miglioramento di queste performance attraverso l’appropriatezza organizzativa e professionale perseguita attraverso misure sia regolamentari (come il Regolamento per gli standard organizzativi e funzionali delle strutture ospedaliere) sia di lavoro comune con i professionisti per mettere al centro delle strategie diagnostiche e terapeutiche le migliori pratiche per il paziente; gli investimenti in prevenzione che il Paese intende avviare a partire dai prossimi Livelli essenziali di assistenza consolideranno la strategia di prevenzione di malattie e la riduzione della mortalità evitabile.
La prevenzione che latita. Prevenzione è dunque la parola e l’obiettivo da centrare, se si vuole far sì che l’Italia risalga la china di quel 33% di morti evitabili. In cui come detto il cardiovascolare è un vero e proprio tallone d’Achille. E questo significa lavorare sui corretti stili di vita fin dall’infanzia, sull’equità di accesso alle cure da nord a sud del Paese, sull’alimentazione e su dotazioni anche basilari ma salvavita come i defibrillatori. I governi sono avvertiti. Anche quello italiano, che continua a destinare alla prevenzione un misero 4% più spiccioli rispetto al target 5% indicato da ultimo nel Patto per la salute.

Per saperne di più: in allegato, cliccando qui, ultimo studio di Eurostat sulla mortalità evitabile.
Fonte: Sole 24 ore Sanità, articolo di Barbara Gobbi, 25 maggio 2016

Novità scientifiche ALICe Italia

IN PARLAMENTO Manovra, 60 mln in tre anni per i caregiver

Nasce il Fondo per il sostegno dei caregiver familiari. La Commissione Bilancio del Senato ha dato via libera all'unanimità all'emendamento (a prima firma Laura Bignami, ma poi sottoscritto da tutti i gruppi e da centinaia di senatori singolarmente) che stanzia 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020 per «la copertura finanziaria di interventi legislativi...

LA MUSICOTERAPIA CLINICA IN AMBITO OSPEDALIERO E TERRITORIALE: ESPERIENZE A CONFRONTO

E' con estremo piacere che pubblichiamo gli Atti del Convegno “LA MUSICOTERAPIA CLINICA IN AMBITO OSPEDALIERO E TERRITORIALE: ESPERIENZE A CONFRONTO”, che si è svolto il 26 Novembre 2016 presso la Sala Congressi dell'Ospedale San Carlo a Milano, cui anche la nostra associazione ha dato il proprio contributo. Si ringrazia in modo particolare la Dott.ssa Anna Vandoni,...

A.L.I.Ce. Italia Onlus accoglie con soddisfazione l’emendamento che istituisce il “Fondo per il sostegno del titolo di cura e assistenza del Caregiver familiare”

Finalmente riconosciuta l’importanza dei "caregiver"! COMUNICATO STAMPA Roma, 28 novembre 2017 – La Commissione Bilancio del Senato ha approvato, ieri, all’unanimità l’emendamento che prevede il “Fondo per il sostegno del titolo di cura e di assistenza del Caregiver familiare” ed A.L.I.Ce. Italia Onlus (Associazione per la Lotta...

LE RACCOMANDAZIONI Cittadinanzattiva: «La nostra ricetta per acquisti in sanità trasparenti e di qualità»

 “La gara che vorrei”. È questo il titolo della Raccomandazione civica realizzata da Cittadinanzattiva, attraverso le sue reti del Tribunale per i diritti del malato e del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei malati cronici, con l’obiettivo di rendere i processi di acquisto in sanità più vicini ai bisogni delle persone, garantendo...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Nuove opportunità di cura per chi è stato colpito da ictus cerebrale nella provincia di Messina

Il 2017 è stato un anno ricco di novità nel mondo della lotta all’ictus cerebrale: dall’approvazione della risoluzione...

Messaggio dal nostro Presidente. XIII Premio Andrea Alesini sulle buone pratiche per l'umanizzazione cure in sanità

Carissimi, riceviamo dal CnAMC Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva, di cui ALICe Italia fa parte da...

APERITIVI SCIENTIFICI 2018 - V EDIZIONE

DA FEBBRAIO A GIUGNO SI SVOLGERÀ LA NUOVA EDIZIONE DEGLI APERITIVI SCIENTIFICI - V EDIZIONE ORGANIZZATI DELL'ASSOCIAZIONE A.L.I.Ce. VALLE...

ALICE CUNEO: Concluso il corso di sana e corretta alimentazione

Si è concluso il corso di “sana e corretta alimentazione” di ALICe Cuneo Onlus Una corretta alimentazione contribuisce a...

Spot di A.L.I.Ce. Italia Onlus e Associazione Italiana di Neuroradiologia Diagnostica e Interventistica con Massimo Ranieri

A.L.I.Ce. Italia Onlus e Associazione Italiana di Neuroradiologia Diagnostica e Interventistica insieme per sottolineare l’importanza del...

GRANDE SUCCESSO DEL CORO DEGLI AFASICI DI ALICe CUNEO

La musica è arte, l’arte è bellezza ed a volte può essere anche cura: è il messaggio che ALICe Cuneo onlus ha...

Presentato il XX Rapporto PIT Salute: cittadini stanchi di aspettare e mettere mano al portafoglio. Serve più Servizio Sanitario Pubblico

Comunicato stampa                Roma, 12 dicembre 2017. I cittadini vogliono curarsi nel servizio...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group