Stroke unit merce rara, su strutture e personale dati lontani dal Dm 70/2015

Danilo Toni (responsabile Unità Ictus del Policlinico Umberto I di Roma)

Le Unità neurovascolari o Centri ictus (Stroke unit nella letteratura anglosassone) sono unità operative con personale medico, in genere neurologi, e personale infermieristico esclusivamente dedicato alla diagnosi e cura dell’ictus cerebrale. Nate sul modello delle Unità coronariche, le Unità neurovascolari hanno dimostrato di consentire una gestione ottimale del paziente con ictus, tale da ridurre mortalità e invalidità residua se confrontate con strutture non specializzate.

Nelle Unità neurovascolari si possono effettuare i tre interventi che la letteratura scientifica ha dimostrato essere più efficaci nella cura dell’ictus ischemico: la gestione esperta atta a prevenire/gestire le complicanze neurologiche, cardiologiche, respiratorie, infettive (cosiddetto “effetto stroke unit”) che vale per tutti i pazienti ricoverati e teoricamente per tutti i pazienti con ictus, compreso quello emorragico; la trombolisi intravenosa (i.v.) e i trattamenti endovascolari di riapertura meccanica delle arterie occluse, attuabili rispettivamente in circa il 30% e 15% dei pazienti con ictus ischemico.

Il decreto del ministero della Salute n. 70 del 2 aprile 2015 (Dm 70/2015) ha ufficialmente codificato la necessità di organizzare l’assistenza all’ictus cerebrale su due livelli. Il primo livello è quello dei centri dove effettuare solo la trombolisi i.v., situati in ospedali con bacino d’utenza compreso fra 150.000 e 300.000 abitanti, mentre il secondo livello è quello dei centri dove effettuare, oltre alla trombolisi i.v., anche i trattamenti endovascolari, situati in ospedali con bacino d’utenza compreso fra 600.000 e 1.300.000 abitanti.

L’ampia forchetta dei bacini d’utenza tiene conto delle realtà locali (orografiche, amministrative ecc.), ma facendo media sarebbero necessari un centro di primo livello ogni 200.000 abitanti e un centro di secondo livello ogni milione di abitanti. Quindi, considerando la popolazione italiana, secondo il Dm 70/2015 ci vorrebbero complessivamente circa 300 centri, fra i quali 240 centri con sole funzioni di primo livello e 60 centri con funzioni di secondo livello.

Attualmente in Italia ci sono 189 centri, dei quali 136 di primo livello e 53 di secondo livello, con una distribuzione disomogenea sul territorio nazionale. Per la trombolisi i.v. la copertura globale del fabbisogno è del 62,2% e tutte le Regioni del centro-nord, con l’eccezione di Friuli Venezia Giulia, Trentino, Alto Adige ed Emilia Romagna hanno una copertura superiore a questa media, mentre tutte le Regioni del centro-sud, con la sola eccezione di Abruzzo, Molise e Marche, hanno una copertura inferiore alla media.

Per i trattamenti endovascolari apparentemente la situazione sembra migliore, perché teoricamente la copertura globale del fabbisogno è dell’88,3%, ma ancora con numeri insufficienti nelle Regioni del centro-sud.

Peraltro, se si considerano i trattamenti realmente effettuati si evidenziano problematiche organizzative più diffuse. Infatti, nel 2016 dei 14.400 cittadini colpiti da ictus che teoricamente avrebbero avuto indicazione alla trombolisi i.v., solo il 58% è stato realmente trattato, mentre dei 7.700 pazienti teoricamente candidabili a trattamenti endovascolari solo il 28% ha realmente ricevuto il trattamento.

Quest’ultimo dato evidenzia chiaramente che i centri per i trattamenti endovascolari, pur numericamente vicini alla copertura totale del fabbisogno, hanno importanti problematiche organizzative, essenzialmente in termini di risorse umane, che non ne consentono un’attività h24 come invece prevede il Dm 70/2015. È indispensabile quindi che le Regioni e le Provincie autonome provvedano in tempi rapidi a completare gli organici degli operatori, così da consentire una completa operatività.

I numeri di trattamenti per Regione seguono in linea di massima il gradiente nord-sud già visto per il numero dei centri, con le sole eccezioni delle Regioni Abruzzo e Marche, dove sono stati effettuati numeri di trattamenti molto al di sopra della media nazionale e in linea con le Regioni del centro-nord.

Nel complesso, in genere il buon numero di trattamenti è parallelo a un adeguato numero di centri, ma è presente anche una dicotomia fra numeri di centri e numeri di trattamenti, sia in senso negativo (molti centri e pochi trattamenti) che in senso positivo (pochi centri e molti trattamenti).

Da una parte, questo significa che è necessario adeguare il numero dei centri ictus al numero degli abitanti, cercando di approssimarsi il più possibile ai rapporti numerici previsti dal Dm 70/2015. Ma dall’altra parte è chiaro come i centri esistenti debbono migliorare le proprie performance, attraverso l’implementazione di un’organizzazione in rete e di procedure interne che consentano di trattare tutti i pazienti che a essi si presentano.

Fonte, Sole 24 Ore Sanità, Danilo Toni, 14 aprile 2017

 

 

 

Novità scientifiche ALICe Italia

IN PARLAMENTO Manovra, 60 mln in tre anni per i caregiver

Nasce il Fondo per il sostegno dei caregiver familiari. La Commissione Bilancio del Senato ha dato via libera all'unanimità all'emendamento (a prima firma Laura Bignami, ma poi sottoscritto da tutti i gruppi e da centinaia di senatori singolarmente) che stanzia 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020 per «la copertura finanziaria di interventi legislativi...

LA MUSICOTERAPIA CLINICA IN AMBITO OSPEDALIERO E TERRITORIALE: ESPERIENZE A CONFRONTO

E' con estremo piacere che pubblichiamo gli Atti del Convegno “LA MUSICOTERAPIA CLINICA IN AMBITO OSPEDALIERO E TERRITORIALE: ESPERIENZE A CONFRONTO”, che si è svolto il 26 Novembre 2016 presso la Sala Congressi dell'Ospedale San Carlo a Milano, cui anche la nostra associazione ha dato il proprio contributo. Si ringrazia in modo particolare la Dott.ssa Anna Vandoni,...

A.L.I.Ce. Italia Onlus accoglie con soddisfazione l’emendamento che istituisce il “Fondo per il sostegno del titolo di cura e assistenza del Caregiver familiare”

Finalmente riconosciuta l’importanza dei "caregiver"! COMUNICATO STAMPA Roma, 28 novembre 2017 – La Commissione Bilancio del Senato ha approvato, ieri, all’unanimità l’emendamento che prevede il “Fondo per il sostegno del titolo di cura e di assistenza del Caregiver familiare” ed A.L.I.Ce. Italia Onlus (Associazione per la Lotta...

LE RACCOMANDAZIONI Cittadinanzattiva: «La nostra ricetta per acquisti in sanità trasparenti e di qualità»

 “La gara che vorrei”. È questo il titolo della Raccomandazione civica realizzata da Cittadinanzattiva, attraverso le sue reti del Tribunale per i diritti del malato e del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei malati cronici, con l’obiettivo di rendere i processi di acquisto in sanità più vicini ai bisogni delle persone, garantendo...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Presentato il XX Rapporto PIT Salute: cittadini stanchi di aspettare e mettere mano al portafoglio. Serve più Servizio Sanitario Pubblico

Comunicato stampa                Roma, 12 dicembre 2017. I cittadini vogliono curarsi nel servizio...

Gli infermieri si mettono in gioco. Osservatorio civico sulla professione promosso con Cittadinanzattiva

Riceviamo da Cittadinanzattiva e volentieri trasmettiamo il Comunicato Stampa intitolato "Gli infermieri si mettono in gioco. E lo fanno per...

FESTA DI NATALE 2017 - ESIBIZIONE DEL CORO

Domenica 3 Dicembre 2017, alle ore 15.30, presso il Teatro Van Pauer di Genova, Via Ayroli, 35, si terrà un'esibizione del Coro degli...

Federazione Alice Abruzzo: manifestazione a Tagliacozzo il prossimo 9 dicembre

  La manifestazione del giorno 9 dicembre nel comune di Tagliacozzo (AQ), di cui alleghiamo la locandina, si...

Prevenire è, da sempre, meglio che curare

L’iniziativa per le giornate mondiali di A.L.I.Ce. ed ARUO celebrate congiuntamente lo scorso 28 ottobre, nella splendida cornice di Palazzo...

Loris Lombardo a Milano il 23 novembre. Ricavato anche a favore di ALICe Italia

Loris Lombardo da Italia's Got Talent https://www.youtube.com/watch?v=UYyY8iiGcvg Milano - Giovedì 23 novembre alle ore 21,00 presso...

IL CORO DEGLI AFASICI DI ALICE CUNEO IN CONCERTO IL 16 DICEMBRE ALLO SPAZIO INCONTRI DI CUNEO

Ezio Bosso, pianista e direttore d’orchestra colpito qualche anno fa da SLA ha coniato questa bella frase “La musica, come la vita, si...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group