Stroke unit merce rara, su strutture e personale dati lontani dal Dm 70/2015

Danilo Toni (responsabile Unità Ictus del Policlinico Umberto I di Roma)

Le Unità neurovascolari o Centri ictus (Stroke unit nella letteratura anglosassone) sono unità operative con personale medico, in genere neurologi, e personale infermieristico esclusivamente dedicato alla diagnosi e cura dell’ictus cerebrale. Nate sul modello delle Unità coronariche, le Unità neurovascolari hanno dimostrato di consentire una gestione ottimale del paziente con ictus, tale da ridurre mortalità e invalidità residua se confrontate con strutture non specializzate.

Nelle Unità neurovascolari si possono effettuare i tre interventi che la letteratura scientifica ha dimostrato essere più efficaci nella cura dell’ictus ischemico: la gestione esperta atta a prevenire/gestire le complicanze neurologiche, cardiologiche, respiratorie, infettive (cosiddetto “effetto stroke unit”) che vale per tutti i pazienti ricoverati e teoricamente per tutti i pazienti con ictus, compreso quello emorragico; la trombolisi intravenosa (i.v.) e i trattamenti endovascolari di riapertura meccanica delle arterie occluse, attuabili rispettivamente in circa il 30% e 15% dei pazienti con ictus ischemico.

Il decreto del ministero della Salute n. 70 del 2 aprile 2015 (Dm 70/2015) ha ufficialmente codificato la necessità di organizzare l’assistenza all’ictus cerebrale su due livelli. Il primo livello è quello dei centri dove effettuare solo la trombolisi i.v., situati in ospedali con bacino d’utenza compreso fra 150.000 e 300.000 abitanti, mentre il secondo livello è quello dei centri dove effettuare, oltre alla trombolisi i.v., anche i trattamenti endovascolari, situati in ospedali con bacino d’utenza compreso fra 600.000 e 1.300.000 abitanti.

L’ampia forchetta dei bacini d’utenza tiene conto delle realtà locali (orografiche, amministrative ecc.), ma facendo media sarebbero necessari un centro di primo livello ogni 200.000 abitanti e un centro di secondo livello ogni milione di abitanti. Quindi, considerando la popolazione italiana, secondo il Dm 70/2015 ci vorrebbero complessivamente circa 300 centri, fra i quali 240 centri con sole funzioni di primo livello e 60 centri con funzioni di secondo livello.

Attualmente in Italia ci sono 189 centri, dei quali 136 di primo livello e 53 di secondo livello, con una distribuzione disomogenea sul territorio nazionale. Per la trombolisi i.v. la copertura globale del fabbisogno è del 62,2% e tutte le Regioni del centro-nord, con l’eccezione di Friuli Venezia Giulia, Trentino, Alto Adige ed Emilia Romagna hanno una copertura superiore a questa media, mentre tutte le Regioni del centro-sud, con la sola eccezione di Abruzzo, Molise e Marche, hanno una copertura inferiore alla media.

Per i trattamenti endovascolari apparentemente la situazione sembra migliore, perché teoricamente la copertura globale del fabbisogno è dell’88,3%, ma ancora con numeri insufficienti nelle Regioni del centro-sud.

Peraltro, se si considerano i trattamenti realmente effettuati si evidenziano problematiche organizzative più diffuse. Infatti, nel 2016 dei 14.400 cittadini colpiti da ictus che teoricamente avrebbero avuto indicazione alla trombolisi i.v., solo il 58% è stato realmente trattato, mentre dei 7.700 pazienti teoricamente candidabili a trattamenti endovascolari solo il 28% ha realmente ricevuto il trattamento.

Quest’ultimo dato evidenzia chiaramente che i centri per i trattamenti endovascolari, pur numericamente vicini alla copertura totale del fabbisogno, hanno importanti problematiche organizzative, essenzialmente in termini di risorse umane, che non ne consentono un’attività h24 come invece prevede il Dm 70/2015. È indispensabile quindi che le Regioni e le Provincie autonome provvedano in tempi rapidi a completare gli organici degli operatori, così da consentire una completa operatività.

I numeri di trattamenti per Regione seguono in linea di massima il gradiente nord-sud già visto per il numero dei centri, con le sole eccezioni delle Regioni Abruzzo e Marche, dove sono stati effettuati numeri di trattamenti molto al di sopra della media nazionale e in linea con le Regioni del centro-nord.

Nel complesso, in genere il buon numero di trattamenti è parallelo a un adeguato numero di centri, ma è presente anche una dicotomia fra numeri di centri e numeri di trattamenti, sia in senso negativo (molti centri e pochi trattamenti) che in senso positivo (pochi centri e molti trattamenti).

Da una parte, questo significa che è necessario adeguare il numero dei centri ictus al numero degli abitanti, cercando di approssimarsi il più possibile ai rapporti numerici previsti dal Dm 70/2015. Ma dall’altra parte è chiaro come i centri esistenti debbono migliorare le proprie performance, attraverso l’implementazione di un’organizzazione in rete e di procedure interne che consentano di trattare tutti i pazienti che a essi si presentano.

Fonte, Sole 24 Ore Sanità, Danilo Toni, 14 aprile 2017

 

 

 

Novità scientifiche ALICe Italia

Ictus: la finestra terapeutica delle 24 ore

La Finestra Terapeutica Individuale è il nuovo concetto che si è affacciato nel campo della terapia post ictus: due studi hanno infatti dimostrato l’efficacia del trattamento endovascolare fino a 16-24 ore dal teorico esordio dell’ictus rispetto alle 5-6 ore tradizionalmente ritenute la finestra ottimale. Finestra terapeutica, core ischemico e penombra...

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no?

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no? Il dibattito politico dell’ultima tornata elettorale ha praticamente ignorato il settore della sanità, focalizzando il confronto sui temi fiscali e previdenziali che avranno comunque un forte riflesso sulla sanità. Si tratta, infatti, di interventi che, se attuati, condizioneranno le risorse a...

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale   Il profondo gap Nord-Sud confermato, con un Paese quasi sempre spaccato in due, quasi a ricalcare il risultato del voto politico del 4 marzo scorso. Solo che, nell'Italia di cui si fotografano dati di salute e di spesa, il gap dura da un numero consistente di anni. Con un federalismo sanitario che...

LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il link al programma aggiornato del LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare". Il Congresso, cui A.L.I.Ce. Italia ha concesso il Patrocinio, quest'anno è stato organizzato in Romagna, presso il Palacongressi di Riccione, e...

IL SONDAGGIO Donne: una vita da caregiver

Il caregiving familiare in Italia è soprattutto nelle mani delle donne, che ne avvertono tutto il peso e che si trovano a dover bilanciare questo impegno con le proprie necessità, i propri interessi e le proprie aspirazioni. Per quasi 9 donne su 10 questa è una realtà quotidiana e per 1 su 5 di tratta di un impegno sentito come gravoso, poiché alto è il...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Ferrara: ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello 2018 … come riconoscere con gesti semplici la FIBRILLAZIONE ATRIALE.

Nel mese dedicato all'Ictus, torna come ogni anno a Ferrara la campagna di informazione e prevenzione promossa da A.L.I.Ce Emilia Romagna,...

Giornata di prevenzione dell’Ictus Cerebrale il 26 maggio a Bologna

Ecco l' invito alla Giornata di Prevenzione dell' Ictus Cerebrale che quest' anno avrà una particolare...

Lotta all’ictus cerebrale Una barella di speranza

L’associazione Alice Ferrara ha donato un dispositivo attrezzato all’ospedale Sant’Anna Servirà per aiutare gli...

Non dormiamoci sopra -OSAS patologia silente rumorosa - Sabato 26 maggio 2018 - AOSTA

A.L.I.Ce. VdA è lieta di invitarvi al Convegno, patrocinato da A.L.I.Ce. Valle d'Aosta onlus e organizzato dal Rotary Club di Aosta e...

ICTUS Un disturbo in crescente e preoccupante aumento

A fronte di un costante e preoccupante aumento di casi di ICTUS si registra una insensibilità e disattenzione da parte delle istituzioni...

A Napoli dall' 8 maggio: Mostra “ABILI OLTRE…in Viaggio

Riceviamo da parte del Presidente dell'Associazione No Profit Abili Oltre e volentieri pubblichiamo l'invito a partecipare...

OGGI IL CORO DI ALICE CUNEO ONLUS SI ESIBISCE IN CONCERTO A TORINO

Ritrovare la voce con il canto Il coro che sconfigge la malattia Oggi al San Camillo Il musicoterapista: «Il silenzio non è senza...

A Napoli la prima tappa di Riprenditi la Vita, campagna informativa su Ictus Cerebrale e Fibrillazione Atriale

Napoli, 14 maggio 2018 – Debutta a Napoli la terza edizione di “Riprenditi la vita”, la campagna informativa...