Infermieri, esplode la richiesta privata: gli italiani pagano di tasca propria 6,2 mld. E la metà è in nero

Esplode la spesa privata delle famiglie italiane per ricevere a domicilio l'assistenza degli infermieri: 6,2 miliardi di euro all'anno. Dai prelievi di sangue effettuati in casa (31,5% richieste) alle iniezioni (23,5%), dalla misurazione di parametri vitali come la pressione arteriosa (14,3%) alle medicazioni (13,5%), dalle flebo (13,4%) all'assistenza notturna (4,3%), è insomma boom di domanda di infermieri a domicilio. Sono 12,6 milioni gli italiani che hanno pagato di tasca propria per averle. Di questi, 2,3 milioni per avere assistenza prolungata nel tempo. E sono 6,3 milioni i cittadini che hanno pagato in nero, senza fattura, le prestazioni, per intero o in parte: quasi uno su due.

Sono i principali risultati della ricerca «Il mercato delle prestazioni infermieristiche private e l'intermediazione tra domanda e offerta» realizzata dal Censis per Ipasvi e Enpapi, e presentata oggi a Roma, alla presenza di Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Ipasvi, e Mario Schiavon, numero uno dell'Enpapi. L'Italia che invecchia e con tanti malati cronici ha sempre più bisogno di queste prestazioni.

Il sommerso della spesa privata per infermieri non certo una novità: ma una variante della più ampia nuova spesa sommersa delle famiglie per accedere a sevizi di welfare. Un effetto (boomerang) del taglio delle risorse per i servizi socio-assistenziali che si lega all’aumento della povertà delle famiglie. Quasi, insomma, una triste necessità.

Top fiducia negli infermieri 

L'84,7% degli italiani si fida degli infermieri. La fiducia resta molto alta trasversalmente ai diversi gruppi sociali e ai territori. Si fidano dell'infermiere l'84,1% dei residenti del Nord-Ovest, l'87,3% al Nord-Est, l'85,6% nelle regioni del Centro e l'83,3% nel Sud. Particolarmente alta è la fiducia tra le persone anziane (90,1%).

Il 48% si rivolge a parenti e badanti 

Se la domanda di infermieri è alta e crescente nel tempo, oggi però non ci sono abbastanza professionisti sul territorio per effettuare gli interventi a domicilio e per fornire prestazioni di continuità assistenziale anche minuta. Così gli italiani affidano alcune prestazioni infermieristiche anche a non infermieri. Il 31,1% si rivolge a un parente o a un conoscente, il 16,1% a operatori socio-sanitari, il 14% a personale di assistenza non qualificato come le badanti. E a rivolgersi di più ai non infermieri sono proprio le famiglie con persone non autosufficienti (58%). Le difficoltà nel reperire infermieri quando se ne ha bisogno e il costo delle prestazioni spingono a ricorrere a personale non specializzato, soprattutto per prestazioni infermieristiche considerate semplici (il 62% degli italiani ritiene che non ci sia bisogno di infermieri per fare iniezioni o medicazioni). Per questa via si legittima l'inappropriatezza delle cure, con tutti i rischi conseguenti.

Come lo trovo l'introvabile infermiere quando ne ho bisogno? Invecchiamento e cronicità delle patologie fanno esplodere la domanda di prestazioni infermieristiche. E gli italiani sono costretti ad arrangiarsi nella ricerca quando ne hanno bisogno. Come trovano l'infermiere che pagano privatamente? Il 40,3% degli italiani che hanno trovato un infermiere nell'ultimo anno ha usato il canale della conoscenza diretta, il 29,6% tramite un parente o un amico, il 17% attraverso l'indicazione di un medico, l'8,7% chiedendo in farmacia, l'1,2% tramite annunci sui giornali o su internet. Cresce anche il ricorso agli intermediari, come le cooperative sociali. Il 12,1% dei cittadini che avevano bisogno di un infermiere e non sono riusciti a trovarlo (in particolare il 18% delle famiglie con persone non autosufficienti) si è rivolto proprio a un intermediario.

Infermiere convenzionato, perché no? 

La soluzione per gli italiani è potenziare l'offerta di infermieri professionali presenti sul territorio. Il 53,8% vorrebbe l'infermiere convenzionato sul territorio, come il medico di medicina generale, il 38,5% vorrebbe infermieri reperibili nelle farmacie, il 19,8% l'abolizione del numero chiuso per l'accesso alle facoltà universitarie di scienze infermieristiche, il 16,3% incentivi fiscali per aderire a prodotti assicurativi che includano pacchetti di prestazioni infermieristiche.

Fonte: Sole 24 Ore sanità, articolo di Lucilla Vazza, 11 maggio 2017

Novità scientifiche ALICe Italia

IL RAPPORTO Rallenta la crescita del mercato farmaceutico

Il 2016 si chiude con + 6% contro il 13,3% dell’anno precedente. La spesa pro capite in farmacia passa dai 425 euro del 2015 ai 413 di quest’anno. In calo soprattutto i farmaci “over the counter”. I medicinali a carico del Ssn più prescritti sono gli inibitori della pompa acida   Continua a crescere, ma rispetto allo scorso anno il mercato farmaceutico...

Alleanza Italiana per le Malattie Cardio Vascolari sottoscritta lo scorso 18 maggio.

A.L.I.Ce. Italia Onlus è tra i firmatari dell'Alleanza Italiana per le Malattie Cardio-Cerebrovascolari, sottoscritta lo scorso 18 maggio presso il Ministero della Salute, cui hanno aderito Federazioni e Società di Cardiologia, Neurologia, Medicina Interna, Medici di Medicina Generale, Pediatri, Farmacisti e Associazioni di pazienti. Obiettivo comune: promuovere nella...

Future Health Index:?Italia in buona salute, ma i cittadini chiedono più innovazione

Philips rende noti i risultati dell'edizione 2017 del Future Health Index (FHI), studio internazionale condotto da Ipsos su 19 paesi nel mondo inclusa l'Italia (gli altri paesi coinvolti sono: Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Paesi Bassi, Russia, Arabia Saudita, Singapore, Sud Africa, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Stati Uniti e UK), con...

Istat: esplode la rinuncia alle cure. Anziane sole e disoccupati gli ultimi degli ultimi. E al Sud è inferno

Il paradosso-non paradosso, è che a dispetto della crisi lo stato di salute generale degli italiani continua a migliorare. E la longevità cresce, come crescono, ma in modo più contenuto, gli anni di vita senza limitazioni nelle attività quotidiane dopo i 65 anni. Tanto da essere aumentati da 9,0 a 9,9 (per gli uomini) e da 8,9 a 9,6 (per le donne) tra il 2008 e il...

LAVORO E PROFESSIONE Internista “dottore degli adulti” pronto per la sfida cronicità

Siamo il Paese con la più alta percentuale di ultrasessantacinquenni nel mondo, preceduti solo dal Giappone. Dal rapporto dell'Oms sappiamo che in Italia il 21,4% dei cittadini è over 65 e il 6,4% over 80. Nel 2050 si prevedono circa 2 miliardi di over 60 nel mondo. L'innalzarsi della vita media è l'aspetto positivo, legato al generale miglioramento del sistema...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
L’ictus si tinge di rosa: a Valeria Caso il Premio R.O.S.A. per “risultati ottenuti senza aiuti” e il Premio della Critica del R.O.S.A. per il 2017

Nel nostro paese esiste un premio che celebra l’impegno professionale delle donne, il premio R.O.S.A., “risultati ottenuti senza...

Nasce A.L.I.Ce. Federazione Abruzzo Onlus. Incontro ad Avezzano

ICTUS CEREBRALE, COME FRONTEGGIARLO IN TEMPO: INCONTRO AD AVEZZANO Il fattore tempo, decisivo per fronteggiare l’ictus cerebrale, riguarda...

Marta Bassino, campionessa olimpionica di sci, ma anche di solidarietà, madrina di ALICe Cuneo Onlus

“A Stefania Belmondo, ad Elisa Rigaudo si aggiunge ora il nominativo di Marta Bassino quale madrina di ALICe Cuneo Onlus – informa il...

"Raccolte oltre 35mila firme di cittadini per l'abolizione del superticket. Si abolisca subito e non si faccia cassa col ticket sui codici verdi in pronto soccorso"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato stampa del 15 maggio 2017 emesso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del...

Convegno Internazionale “PISA STROKE CHALLENGES”, 27 e 28 novembre 2017

Si segnala la II edizione del Convegno Internazionale “PISA STROKE CHALLENGES”, organizzato per il 27 e 28 Novembre 2017 dalla Clinica...

1° SNOOPY TROPHY e A.L.I.Ce. Valle d'Aosta 15 - 16 - 17 e 18 giugno 2017

Giunto alla 6° edizione il Trofeo Valle d’Aosta Calcio – nel 2017 targato “1° SNOOPY TROPHY” – si ricandida...

ALICe Cuneo tre serate in Tv a TELEGRANDA

L’associazione di Cuneo organizza tre incontri televisivi sulla prevenzione e cura della malattia. Intervengono medici di base, neurologi,...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group