Infermieri, esplode la richiesta privata: gli italiani pagano di tasca propria 6,2 mld. E la metà è in nero

Esplode la spesa privata delle famiglie italiane per ricevere a domicilio l'assistenza degli infermieri: 6,2 miliardi di euro all'anno. Dai prelievi di sangue effettuati in casa (31,5% richieste) alle iniezioni (23,5%), dalla misurazione di parametri vitali come la pressione arteriosa (14,3%) alle medicazioni (13,5%), dalle flebo (13,4%) all'assistenza notturna (4,3%), è insomma boom di domanda di infermieri a domicilio. Sono 12,6 milioni gli italiani che hanno pagato di tasca propria per averle. Di questi, 2,3 milioni per avere assistenza prolungata nel tempo. E sono 6,3 milioni i cittadini che hanno pagato in nero, senza fattura, le prestazioni, per intero o in parte: quasi uno su due.

Sono i principali risultati della ricerca «Il mercato delle prestazioni infermieristiche private e l'intermediazione tra domanda e offerta» realizzata dal Censis per Ipasvi e Enpapi, e presentata oggi a Roma, alla presenza di Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Ipasvi, e Mario Schiavon, numero uno dell'Enpapi. L'Italia che invecchia e con tanti malati cronici ha sempre più bisogno di queste prestazioni.

Il sommerso della spesa privata per infermieri non certo una novità: ma una variante della più ampia nuova spesa sommersa delle famiglie per accedere a sevizi di welfare. Un effetto (boomerang) del taglio delle risorse per i servizi socio-assistenziali che si lega all’aumento della povertà delle famiglie. Quasi, insomma, una triste necessità.

Top fiducia negli infermieri 

L'84,7% degli italiani si fida degli infermieri. La fiducia resta molto alta trasversalmente ai diversi gruppi sociali e ai territori. Si fidano dell'infermiere l'84,1% dei residenti del Nord-Ovest, l'87,3% al Nord-Est, l'85,6% nelle regioni del Centro e l'83,3% nel Sud. Particolarmente alta è la fiducia tra le persone anziane (90,1%).

Il 48% si rivolge a parenti e badanti 

Se la domanda di infermieri è alta e crescente nel tempo, oggi però non ci sono abbastanza professionisti sul territorio per effettuare gli interventi a domicilio e per fornire prestazioni di continuità assistenziale anche minuta. Così gli italiani affidano alcune prestazioni infermieristiche anche a non infermieri. Il 31,1% si rivolge a un parente o a un conoscente, il 16,1% a operatori socio-sanitari, il 14% a personale di assistenza non qualificato come le badanti. E a rivolgersi di più ai non infermieri sono proprio le famiglie con persone non autosufficienti (58%). Le difficoltà nel reperire infermieri quando se ne ha bisogno e il costo delle prestazioni spingono a ricorrere a personale non specializzato, soprattutto per prestazioni infermieristiche considerate semplici (il 62% degli italiani ritiene che non ci sia bisogno di infermieri per fare iniezioni o medicazioni). Per questa via si legittima l'inappropriatezza delle cure, con tutti i rischi conseguenti.

Come lo trovo l'introvabile infermiere quando ne ho bisogno? Invecchiamento e cronicità delle patologie fanno esplodere la domanda di prestazioni infermieristiche. E gli italiani sono costretti ad arrangiarsi nella ricerca quando ne hanno bisogno. Come trovano l'infermiere che pagano privatamente? Il 40,3% degli italiani che hanno trovato un infermiere nell'ultimo anno ha usato il canale della conoscenza diretta, il 29,6% tramite un parente o un amico, il 17% attraverso l'indicazione di un medico, l'8,7% chiedendo in farmacia, l'1,2% tramite annunci sui giornali o su internet. Cresce anche il ricorso agli intermediari, come le cooperative sociali. Il 12,1% dei cittadini che avevano bisogno di un infermiere e non sono riusciti a trovarlo (in particolare il 18% delle famiglie con persone non autosufficienti) si è rivolto proprio a un intermediario.

Infermiere convenzionato, perché no? 

La soluzione per gli italiani è potenziare l'offerta di infermieri professionali presenti sul territorio. Il 53,8% vorrebbe l'infermiere convenzionato sul territorio, come il medico di medicina generale, il 38,5% vorrebbe infermieri reperibili nelle farmacie, il 19,8% l'abolizione del numero chiuso per l'accesso alle facoltà universitarie di scienze infermieristiche, il 16,3% incentivi fiscali per aderire a prodotti assicurativi che includano pacchetti di prestazioni infermieristiche.

Fonte: Sole 24 Ore sanità, articolo di Lucilla Vazza, 11 maggio 2017

Novità scientifiche ALICe Italia

Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita

Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita   Meglio tardi che mai. Modificare le proprie abitudini a tavola è un buon modo per allontanare il rischio di alcune malattie vascolari e di morte prematura. I vantaggi sono evidenti però solo se la nuova dieta dura nel tempo. Lo studio sul New England Journal of...

L'impatto dei tagli al Fsn su nuovi Lea, ticket e personale e l'urgenza di una legge di Bilancio coraggiosa

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'articolo di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, uscito sul Sole 24 Ore Sanità del 1 agosto...

Equità e salute solo con l’Hta

MEDICINA E RICERCA Equità e salute solo con l’Hta   Annual Meeting dell’Health Technology Assessment International (HTAi) e il concomitante Congresso della Società Italiana di Hta (Sihta) hanno posto Roma e l’Italia al centro dell’attenzione della comunità globale della sanità pubblica e dell’Hta. Cinque giorni di dibattiti...

Cure domiciliari solo per il 2,7% degli «over 65» e per uno su 10 disabili gravi. La Babele di costi e servizi

  Cure domiciliari solo per il 2,7% degli «over 65» e per uno su 10 disabili gravi. La Babele di costi e servizi   Pur essendo l’alternativa più efficace ed economicamente sostenibile all'attuale modello che ruota attorno all’ospedale, l’assistenza domiciliare per la cura a lungo termine degli anziani fragili o con patologie croniche ad oggi...

DAL GOVERNO Performance sanitaria: l’eccellenza è in Toscana. Non solo Sud tra i peggiori. Ecco il ranking Crea 2017

PDF L’executive summary Continua a parlare toscano, lombardo e veneto la sanità considerata dagli stakeholder migliore d’Italia. Con la new entry Liguria che ha scalato diverse posizioni dallo scorso anno e l’Emilia Romagna che invece scivola di un paio di posizioni, ma resta comunque in pole tra le eccellenze della sanità pubblica. La maglia nera va ancora una...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Presentato il Rapporto di Cittadinanzattiva sull'assistenza sanitaria territoriale: confusione, difformità e ritardi producono disuguaglianze.

Riceviamo e volentieri inoltriamo il Comunicato inviato dall'Ufficio stampa di Cittadinanzattiva onlus, relativo al rapporto presentato a Roma...

INTERVISTA AL DOTTOR MASSIMO DEL SETTE "Ictus, sicuri di conoscerne i sintomi?"

Il Dottor Massimo Del Sette, Direttore S.C. Neurologia dell’Ospedale Galliera di Genova e Presidente di A.L.I.Ce. Liguria Onlus, ospite del...

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale...

Un nuovo piccolo passo per l'accessibilità a Città della Pieve

La pubblicizzazione dell'operato e delle proposte per il prossimo futuro da parte del “Tavolo delle disabilità” a Città...

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa   Una Regione su due prevede una regolamentazione relativa...

SCREENING SUL TERRITORIO - CONVEGNO 11 AGOSTO 2017 A COGNE

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

SCREENING SUL TERRITORIO - COGNE SABATO 12 AGOSTO 2017

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

SCREENING SUL TERRITORIO - CONVEGNO 19/07/17 A COURMAYEUR

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group