Infermieri, esplode la richiesta privata: gli italiani pagano di tasca propria 6,2 mld. E la metà è in nero

Esplode la spesa privata delle famiglie italiane per ricevere a domicilio l'assistenza degli infermieri: 6,2 miliardi di euro all'anno. Dai prelievi di sangue effettuati in casa (31,5% richieste) alle iniezioni (23,5%), dalla misurazione di parametri vitali come la pressione arteriosa (14,3%) alle medicazioni (13,5%), dalle flebo (13,4%) all'assistenza notturna (4,3%), è insomma boom di domanda di infermieri a domicilio. Sono 12,6 milioni gli italiani che hanno pagato di tasca propria per averle. Di questi, 2,3 milioni per avere assistenza prolungata nel tempo. E sono 6,3 milioni i cittadini che hanno pagato in nero, senza fattura, le prestazioni, per intero o in parte: quasi uno su due.

Sono i principali risultati della ricerca «Il mercato delle prestazioni infermieristiche private e l'intermediazione tra domanda e offerta» realizzata dal Censis per Ipasvi e Enpapi, e presentata oggi a Roma, alla presenza di Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Ipasvi, e Mario Schiavon, numero uno dell'Enpapi. L'Italia che invecchia e con tanti malati cronici ha sempre più bisogno di queste prestazioni.

Il sommerso della spesa privata per infermieri non certo una novità: ma una variante della più ampia nuova spesa sommersa delle famiglie per accedere a sevizi di welfare. Un effetto (boomerang) del taglio delle risorse per i servizi socio-assistenziali che si lega all’aumento della povertà delle famiglie. Quasi, insomma, una triste necessità.

Top fiducia negli infermieri 

L'84,7% degli italiani si fida degli infermieri. La fiducia resta molto alta trasversalmente ai diversi gruppi sociali e ai territori. Si fidano dell'infermiere l'84,1% dei residenti del Nord-Ovest, l'87,3% al Nord-Est, l'85,6% nelle regioni del Centro e l'83,3% nel Sud. Particolarmente alta è la fiducia tra le persone anziane (90,1%).

Il 48% si rivolge a parenti e badanti 

Se la domanda di infermieri è alta e crescente nel tempo, oggi però non ci sono abbastanza professionisti sul territorio per effettuare gli interventi a domicilio e per fornire prestazioni di continuità assistenziale anche minuta. Così gli italiani affidano alcune prestazioni infermieristiche anche a non infermieri. Il 31,1% si rivolge a un parente o a un conoscente, il 16,1% a operatori socio-sanitari, il 14% a personale di assistenza non qualificato come le badanti. E a rivolgersi di più ai non infermieri sono proprio le famiglie con persone non autosufficienti (58%). Le difficoltà nel reperire infermieri quando se ne ha bisogno e il costo delle prestazioni spingono a ricorrere a personale non specializzato, soprattutto per prestazioni infermieristiche considerate semplici (il 62% degli italiani ritiene che non ci sia bisogno di infermieri per fare iniezioni o medicazioni). Per questa via si legittima l'inappropriatezza delle cure, con tutti i rischi conseguenti.

Come lo trovo l'introvabile infermiere quando ne ho bisogno? Invecchiamento e cronicità delle patologie fanno esplodere la domanda di prestazioni infermieristiche. E gli italiani sono costretti ad arrangiarsi nella ricerca quando ne hanno bisogno. Come trovano l'infermiere che pagano privatamente? Il 40,3% degli italiani che hanno trovato un infermiere nell'ultimo anno ha usato il canale della conoscenza diretta, il 29,6% tramite un parente o un amico, il 17% attraverso l'indicazione di un medico, l'8,7% chiedendo in farmacia, l'1,2% tramite annunci sui giornali o su internet. Cresce anche il ricorso agli intermediari, come le cooperative sociali. Il 12,1% dei cittadini che avevano bisogno di un infermiere e non sono riusciti a trovarlo (in particolare il 18% delle famiglie con persone non autosufficienti) si è rivolto proprio a un intermediario.

Infermiere convenzionato, perché no? 

La soluzione per gli italiani è potenziare l'offerta di infermieri professionali presenti sul territorio. Il 53,8% vorrebbe l'infermiere convenzionato sul territorio, come il medico di medicina generale, il 38,5% vorrebbe infermieri reperibili nelle farmacie, il 19,8% l'abolizione del numero chiuso per l'accesso alle facoltà universitarie di scienze infermieristiche, il 16,3% incentivi fiscali per aderire a prodotti assicurativi che includano pacchetti di prestazioni infermieristiche.

Fonte: Sole 24 Ore sanità, articolo di Lucilla Vazza, 11 maggio 2017

Novità scientifiche ALICe Italia

L’INDAGINE Gli over 70 di oggi: fotografia della “generazione argento”

Attivi, autosufficienti e tutto sommato in buona salute. «La “generazione argento” nel 2017 è contraddistinta nel complesso da un buono stato fisico, psichico ed emotivo»,  afferma Francesca Merzagora, Presidente di Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna, in occasione della presentazione dell’indagine “Essere anziani nel 2017”...

ROMA Fondazione Santa Lucia. «Dopo confronto con Regione Lazio sempre più difficile assicurare cure di neuro-riabilitazione»

Nessun passo avanti nel confronto tra Fondazione Santa Lucia Irccs e Regione Lazio dopo un mese di trattative. Ieri, l’incontro conclusivo al Ministero della Salute in cui la Regione Lazio è rimasta ferma sulle condizioni imposte alla Fondazione Santa Lucia che dimezzano i posti letto della Fondazione destinati alla neuro-riabilitazione ad alta specialità per la cura di...

Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva su medicina convenzionata: rivedere l’atto di indirizzo per sbloccare lo stallo del rinnovo delle convenzioni e rispondere meglio alle esigenze dei cittadini

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato  dell'Ufficio stampa di Cittadinanzattiva onlus   Comunicato stampa                                  ...

Cosa fare se la terza età supera l'infanzia?

Il fatto che la popolazione stia progressivamente invecchiando non è una novità. È di recente la notizia, diffusa dall’ultimo rapporto Istat, secondo cui il 22% degli italiani ha più di 65 anni. Ciò che dovrebbe farci riflettere è che la redistribuzione demografica in atto farà sì che, per la prima volta nella storia...

Ictus: le cure in Italia. Rapporto di Cittadinanzattiva

Al sud mancano le stroke unit e si investe tropo poco in prevenzione   Troppo poche le stroke unit sul territorio, soprattutto al Sud, troppo scarsi gli investimenti per la prevenzione della malattie cerebrovascolari. Sono i due principali punti critici dell’assistenza sanitaria per l’ictus nel nostro Paese denunciati nel Report “Ictus: le cure in Italia. Analisi...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
YESLOGO, bando per un concorso nazionale per la realizzazione di un Logo del SSN

Lo scorso martedì 13 giugno anche A.L.I.Ce. Italia Onlus ha partecipato all'insediamento ufficiale della giuria multistakeholders...

In Lombardia: “Facciamo rete contro l’ictus cerebrale”

______________________________________________________________________ Le sezioni lombarde di A.L.I.Ce. Italia onlus, Federfarma e Simg presentano...

ALICe Ferrara annuncia una giornata di beneficenza al Golf Club Argenta il 25 giugno

  Il GOLF CLUB ARGENTA dedica all'Associazione A.L.I.Ce Onlus (Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale) una giornata di...

STANDING OVATION PER IL CORO DEGLI AFASICI DELLA PROVINCIA DI CUNEO

Ha ottenuto un grandissimo successo di pubblico la prima esibizione del Coro degli afasici della Provincia di Cuneo. La Chiesa dei battuti bianchi...

Servizio di supporto psicologico A.L.I.Ce.

  Servizio di supporto psicologico A.L.I.Ce. Il Servizio di supporto psicologico è un servizio che l’Associazione A.L.I.Ce....

Convegno : Il diritto negato. Persone con disabilità e salute

Pubblichiamo questo invito pervenutoci  dal Centro di Ateneo di Bioetica   “Convegno : Il diritto negato. Persone con...

IL CORO DEGLI AFASICI DELLA PROVINCIA DI CUNEO IN CONCERTO IL 17 GIUGNO A FOSSANO

CON LA MUSICOTERAPIA E IL CANTO SI RITROVA LA CAPACITÀ DI COMUNICARE il Coro degli Afasici della Provincia di Cuneo in concerto sabato...

Raccomandazioni utili contro le truffe

Raccomandazioni utili contro le truffe dall'Assemblea annuale A.L.I.Ce. di Città della Pieve All'Assemblea ordinaria di A.L.I.Ce. di...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group