In Pronto soccorso un milione di pazienti l’anno fermi in attesa di ricovero

Lunedì 13 marzo 2017 non è stata una giornata particolare. Nessun picco influenzale, nessuna allerta caldo. Una giornata normale di Pronto soccorso, insomma. Ebbene, proprio quel giorno, alle 14, i pazienti in attesa di ricovero, che avevano già completato l’iter di Ps, dal triage alla visita alla diagnosi, e avevano bisogno di un posto letto in reparto, arrivavano a 3mila in tutta Italia. A questa stima è arrivata la Simeu (Società italiana della Medicina di emergenza-urgenza), che ha deciso di dedicare la Settimana nazionale del Pronto soccorso - organizzata in collaborazione con il Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva - proprio a quella che è la “bestia nera” di pazienti, personale e manager sanitari: il sovraffollamento che affligge da Nord a Sud le strutture d’emergenza-urgenza, concentrandosi proprio nelle grandi aree metropolitane dove la cronaca racconta di ricoveri di fortuna, su barelle o corridoi, che si protraggono anche per giorni. Una realtà certificata dal Piano nazionale Esiti, che nei maggiori ospedali rileva per il 2015 una permanenza in pronto soccorso di oltre 12 ore nel 10% dei casi.
Intanto, il conteggio dei 3mila pazienti in attesa, in un dato giorno, di un posto letto in reparto, considerando il campione, è presto fatta: il 13 marzo scorso, nei 243 Pronto soccorso che hanno risposto al rilevamento Simeu a campione “Prontosett”, i pazienti in attesa di ricovero alle 14 erano 1.500. Considerando che quelle strutture hanno cumulato nel 2016 il 52% degli accessi in tutto il Paese (11 milioni di pazienti), basta raddoppiare e si arriva a un numero di “accampati” monstre. Tutto da gestire. Senza contare che moltiplicando la stima fatta dalla Simeu per i 365 giorni che compongono un anno, i pazienti in attesa schizzerebbero a oltre il milione.
Anni di proposte organizzative non hanno cambiato sostanzialmente la realtà del sovraffollamento. Come spiega la presidente Simeu Maria Pia Ruggieri: «La Società italiana della medicina di emergenza urgenza - spiega - da anni impegnata nella definizione di modelli organizzativi-strutturali per migliorare l’efficienza del Sistema dell’emergenza, ha già elaborato una proposta dettagliata per affrontare la situazione, individuando una serie di punti fondamentali su cui è necessario un impegno comune delle istituzioni, delle aziende ospedaliere e delle singole strutture, contenuto nel “Policy Statement sul Sovraffollamento dei Pronto Soccorso” di novembre 2015. Con la diffusione del dato di Prontosett, Simeu torna a sollecitare un intervento congiunto per la salvaguardia del Sistema Sanitario Nazionale».
A sollecitare soluzioni che facilitino la vita sanitaria e il ricovero, quando necessario, dei pazienti, è Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva. Che ricorda: « Il Pronto soccorso è l’unico presidio del Ssn attivo h24 e sette giorni su sette, sempre pronto a rispondere al bisogno di salute della collettività, un servizio nel quale i cittadini ripongono molta fiducia nonostante in alcuni casi i disagi dovuti alle attese, un servizio che tra l'altro si fa carico ogni giorno anche di alcune inefficienze che esistono all'interno degli altri reparti ospedalieri e nei servizi sanitari territoriali. Il Ps va sostenuto, rafforzato e migliorato garantendo l'attivazione in tutti i Ps dell’Osservazione breve intensiva (OBI) con posti letto dedicati, ad oggi non attiva in molte realtà, una migliore e più trasparente gestione dei posti letto degli altri reparti ospedalieri, una più attenta politica del personale e attraverso l'adozione da parte di tutte le strutture sanitarie della Carta dei Diritti al Pronto Soccorso di Cittadinanzattiva-TDM e Simeu».

Fonte: Sole 24 Ore Sanità, articolo di Barbara Gobbi, 12/05/2017

Novità scientifiche ALICe Italia

Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita

Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita   Meglio tardi che mai. Modificare le proprie abitudini a tavola è un buon modo per allontanare il rischio di alcune malattie vascolari e di morte prematura. I vantaggi sono evidenti però solo se la nuova dieta dura nel tempo. Lo studio sul New England Journal of...

L'impatto dei tagli al Fsn su nuovi Lea, ticket e personale e l'urgenza di una legge di Bilancio coraggiosa

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'articolo di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, uscito sul Sole 24 Ore Sanità del 1 agosto...

Equità e salute solo con l’Hta

MEDICINA E RICERCA Equità e salute solo con l’Hta   Annual Meeting dell’Health Technology Assessment International (HTAi) e il concomitante Congresso della Società Italiana di Hta (Sihta) hanno posto Roma e l’Italia al centro dell’attenzione della comunità globale della sanità pubblica e dell’Hta. Cinque giorni di dibattiti...

Cure domiciliari solo per il 2,7% degli «over 65» e per uno su 10 disabili gravi. La Babele di costi e servizi

  Cure domiciliari solo per il 2,7% degli «over 65» e per uno su 10 disabili gravi. La Babele di costi e servizi   Pur essendo l’alternativa più efficace ed economicamente sostenibile all'attuale modello che ruota attorno all’ospedale, l’assistenza domiciliare per la cura a lungo termine degli anziani fragili o con patologie croniche ad oggi...

DAL GOVERNO Performance sanitaria: l’eccellenza è in Toscana. Non solo Sud tra i peggiori. Ecco il ranking Crea 2017

PDF L’executive summary Continua a parlare toscano, lombardo e veneto la sanità considerata dagli stakeholder migliore d’Italia. Con la new entry Liguria che ha scalato diverse posizioni dallo scorso anno e l’Emilia Romagna che invece scivola di un paio di posizioni, ma resta comunque in pole tra le eccellenze della sanità pubblica. La maglia nera va ancora una...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Presentato il Rapporto di Cittadinanzattiva sull'assistenza sanitaria territoriale: confusione, difformità e ritardi producono disuguaglianze.

Riceviamo e volentieri inoltriamo il Comunicato inviato dall'Ufficio stampa di Cittadinanzattiva onlus, relativo al rapporto presentato a Roma...

INTERVISTA AL DOTTOR MASSIMO DEL SETTE "Ictus, sicuri di conoscerne i sintomi?"

Il Dottor Massimo Del Sette, Direttore S.C. Neurologia dell’Ospedale Galliera di Genova e Presidente di A.L.I.Ce. Liguria Onlus, ospite del...

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale...

Un nuovo piccolo passo per l'accessibilità a Città della Pieve

La pubblicizzazione dell'operato e delle proposte per il prossimo futuro da parte del “Tavolo delle disabilità” a Città...

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa   Una Regione su due prevede una regolamentazione relativa...

SCREENING SUL TERRITORIO - CONVEGNO 11 AGOSTO 2017 A COGNE

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

SCREENING SUL TERRITORIO - COGNE SABATO 12 AGOSTO 2017

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

SCREENING SUL TERRITORIO - CONVEGNO 19/07/17 A COURMAYEUR

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group