Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita

Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita

 

Meglio tardi che mai. Modificare le proprie abitudini a tavola è un buon modo per allontanare il rischio di alcune malattie vascolari e di morte prematura. I vantaggi sono evidenti però solo se la nuova dieta dura nel tempo.

Lo studio sul New England Journal of Medicine

 

Inutile aggrapparsi all’alibi dell’“oramai quel che è fatto è fatto”. Perché gli studi scientifici sono pronti a smentirci con lo spiazzante “meglio tardi che mai”. Cambiare abitudini a tavola, passando da una dieta scorretta a un regime alimentare salutare, procura vantaggi sempre, anche quando si ha la sensazione che tutto sia perduto. L’importante è essere costanti, non basta il sacrificio di un giorno o di una settimana, per intenderci.

A sostenerlo sono i ricercatori dell’Harvard School of Public Health che per dieci anni hanno osservato attentamente cosa c’era nel piatto di 70 mila persone, dimostrando che rispettare a lungo le regole della nuova dieta allunga la vita. Chi per 12 anni sta per lo più attento a ciò che mangia, sgarrando solo in occasioni limitate, riduce il rischio di morte prematura del 20 per cento. 

Quali sono le scelte giuste? Per esempio, suggeriscono i ricercatori di Harvard, ridurre le porzioni giornaliere di carne rossa e lavorata per sostituirle con noci o legumi, come fagioli e lenticchie. Chi segue il suggerimento acquista anni di vita, allontanando la possibilità di soffrire di malattie cardiovascolari. E vale anche il contrario: peggiora l’alimentazione, aumenta il rischio di morte prematura. 

I ricercatori che hanno pubblicato i risultati della loro indagine sul  New England Journal of Medicine non possono spingersi oltre. Cambiare dieta non ha effetti quantificabili sulle probabilità di ammalarsi di cancro. 

I dati che hanno portato a queste conclusioni provengono da due giganteschi studi, fonte preziosa per altre innumerevoli ricerche. Stiamo parlando del Nurses’ Health Study, un monitoraggio della salute femminile e dell’Health Professionals Follow-Up Study, una indagine sulla salute maschile. Entrambi gli studi erano incentrati sul personale sanitario, sono duranti decenni e sono stati condotti ad Harvard. Bastava uscire dai propri uffici, quindi, per trovarsi a portata di mano un patrimonio di informazioni senza precedenti. 

«Abbiamo potuto contare su un campione enorme e un follow-up molto lungo - spiega Mercedes Sotos-Prieto -  che ci ha permesso di esaminare i cambiamenti nella qualità dell’alimentazione e il successivo rischio di mortalità».

I partecipanti ai due studi compilavano ogni quattro anni un questionario su cosa mangiavano, quanto e con quale frequenza. Le loro risposte venivano poi analizzate ricorrendo a tre diversi sistemi di valutazione, tra cui Alternate Healthy Eating Index, la scala più in voga negli Usa per “votare” la qualità del cibo. I risultati hanno mostrato un’associazione tra alimentazione e salute. Trattandosi di un campione omogeneo per condizione socio economica, visto che tutti i partecipanti avevano un impiego simile, le conclusioni non sono influenzate da fattori sociali o economici. 

Fonte: HealthDesk, redazione, 3 agosto 2017

Novità scientifiche ALICe Italia

Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita

Non è mai troppo tardi per cambiare menu. Passare a un’alimentazione sana allunga la vita   Meglio tardi che mai. Modificare le proprie abitudini a tavola è un buon modo per allontanare il rischio di alcune malattie vascolari e di morte prematura. I vantaggi sono evidenti però solo se la nuova dieta dura nel tempo. Lo studio sul New England Journal of...

L'impatto dei tagli al Fsn su nuovi Lea, ticket e personale e l'urgenza di una legge di Bilancio coraggiosa

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'articolo di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, uscito sul Sole 24 Ore Sanità del 1 agosto...

Equità e salute solo con l’Hta

MEDICINA E RICERCA Equità e salute solo con l’Hta   Annual Meeting dell’Health Technology Assessment International (HTAi) e il concomitante Congresso della Società Italiana di Hta (Sihta) hanno posto Roma e l’Italia al centro dell’attenzione della comunità globale della sanità pubblica e dell’Hta. Cinque giorni di dibattiti...

Cure domiciliari solo per il 2,7% degli «over 65» e per uno su 10 disabili gravi. La Babele di costi e servizi

  Cure domiciliari solo per il 2,7% degli «over 65» e per uno su 10 disabili gravi. La Babele di costi e servizi   Pur essendo l’alternativa più efficace ed economicamente sostenibile all'attuale modello che ruota attorno all’ospedale, l’assistenza domiciliare per la cura a lungo termine degli anziani fragili o con patologie croniche ad oggi...

DAL GOVERNO Performance sanitaria: l’eccellenza è in Toscana. Non solo Sud tra i peggiori. Ecco il ranking Crea 2017

PDF L’executive summary Continua a parlare toscano, lombardo e veneto la sanità considerata dagli stakeholder migliore d’Italia. Con la new entry Liguria che ha scalato diverse posizioni dallo scorso anno e l’Emilia Romagna che invece scivola di un paio di posizioni, ma resta comunque in pole tra le eccellenze della sanità pubblica. La maglia nera va ancora una...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Presentato il Rapporto di Cittadinanzattiva sull'assistenza sanitaria territoriale: confusione, difformità e ritardi producono disuguaglianze.

Riceviamo e volentieri inoltriamo il Comunicato inviato dall'Ufficio stampa di Cittadinanzattiva onlus, relativo al rapporto presentato a Roma...

INTERVISTA AL DOTTOR MASSIMO DEL SETTE "Ictus, sicuri di conoscerne i sintomi?"

Il Dottor Massimo Del Sette, Direttore S.C. Neurologia dell’Ospedale Galliera di Genova e Presidente di A.L.I.Ce. Liguria Onlus, ospite del...

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale

Giornata Mondiale del Cervello: l’edizione 2017 è dedicata all’ictus cerebrale...

Un nuovo piccolo passo per l'accessibilità a Città della Pieve

La pubblicizzazione dell'operato e delle proposte per il prossimo futuro da parte del “Tavolo delle disabilità” a Città...

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa

Health technology assessment, solo una regione su due ce la fa   Una Regione su due prevede una regolamentazione relativa...

SCREENING SUL TERRITORIO - CONVEGNO 11 AGOSTO 2017 A COGNE

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

SCREENING SUL TERRITORIO - COGNE SABATO 12 AGOSTO 2017

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

SCREENING SUL TERRITORIO - CONVEGNO 19/07/17 A COURMAYEUR

L’Associazione A.L.I.Ce. Valle d’Aosta onlus comunica che, nell’ambito del programma “SCREENING SUL TERRITORIO”...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group