Istruzione e reddito fanno la differenza nelle malattie del cuore

Inferiore livello di scolarità e disagio sociale peggiorano la salute cardiovascolare anche se si riescono a correggere i fattori di rischio.

La conferma viene dai dati dell’Osservatorio epidemiologico cardiovascolare Iss e Amco-Hcf che sono stati presentati alla Conferenza di Prevenzione cardiovascolare (21 e 22 settembre) all’Istituto superiore di sanità. Il Report rileva infatti che anche in Italia le differenze socio-economiche si ripercuotono sulla salute.

«Questi dati – commenta Walter Ricciardi, presidente dell’Iss – ci confermano la necessità di costruire un’azione tempestiva in termini di prevenzione primaria a partire dall’educazione a corretti stili di vita sin dalla scuola primaria. Se questa tendenza si stabilizza o si conferma è infatti a rischio la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale».

L'ipertensione arteriosa, per esempio, è ancora un fattore di rischio preoccupante perché colpisce più della metà degli uomini e quasi il 40% delle donne, con una certa differenza nei due livelli socio-economici, più elevata nelle donne (+8%), meno negli uomini (+4%). Strettamente legato ai valori pressori il consumo di sale nell'alimentazione, che risulta più elevato nelle classi sociali più basse: circa il 6% in più in coloro che hanno livello di scolarità elementare rispetto al livello universitario e più elevato al Sud rispetto al Nord.

L'ipercolesterolemia. Riguarda circa il 30% della popolazione adulta (35-74 anni), ma più spesso le persone nel livello socio-economico più disagiato (38% degli uomini e 39% delle donne rispetto a coloro che hanno scolarità più elevata che si attestano rispettivamente al 35 e al 36%). Inoltre solo il 18% delle donne con scolarità più bassa hanno una dislipidemia ben controllata con la terapia rispetto al 27% di quelle che hanno una scolarità più elevata.

Il diabete. È più frequente negli uomini con scolarità più bassa (14% contro il 10% in coloro che hanno raggiunto un livello di scolarità superiore). Nelle donne il fenomeno è ancora più evidente: 10% in quelle con bassa scolarità e 5% in quelle con livello di istruzione più elevato.

L'obesità. Il 27% degli uomini con scolarità più bassa è obeso, mentre lo è il 22% in quelli con scolarità più elevata; il 32% delle donne a scolarità più bassa è in condizione di obesità mentre quelle che hanno un livello di scolarità elevata sono il 18%.

Analizzando i dati di diversi Paesi, è stato dimostrato che i fattori socio economici e psicosociali influenzano il rischio di malattia cardiovascolare in modo indipendente e oltre a determinare un aumento del rischio di primo evento e peggiorare la prognosi, possono ostacolare l’aderenza alla terapia e vanificare gli sforzi per migliorare lo stile di vita e promuovere la salute e il benessere della popolazione e dei pazienti.

«È dimostrato anche che questi fattori non si presentano singolarmente - dice infine Simona Giampaoli, direttore del Dipartimento Malattie cardiovascolari dismetaboliche e dell’invecchiamento dell’Iss - ma tendono a riunirsi: abitudine al fumo, alimentazione inappropriata, inattività fisica si accompagnano spesso a depressione, povertà e basso livello di scolarità».

Fonte: HealthDesk, redazione, 21 Settembre 2017

Novità scientifiche ALICe Italia

Il tabacco «infrange i cuori». L'allarme dell'Oms sui rischi cardiovascolari: «Tre milioni di morti l'anno»

Il cancro, purtroppo, ma anche l'altissimo di rischio di malattie cardiovascolari. Che sono tra i big killer mondiali. In occasione della Giornata mondiale senza tabacco, l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) in un nuovo Rapporto registra la netta diminuzione del consumo della sostanza a partire dal 2000, ma avvisa che «la riduzione è insufficiente per...

Ictus: la finestra terapeutica delle 24 ore

La Finestra Terapeutica Individuale è il nuovo concetto che si è affacciato nel campo della terapia post ictus: due studi hanno infatti dimostrato l’efficacia del trattamento endovascolare fino a 16-24 ore dal teorico esordio dell’ictus rispetto alle 5-6 ore tradizionalmente ritenute la finestra ottimale. Finestra terapeutica, core ischemico e penombra...

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no?

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no? Il dibattito politico dell’ultima tornata elettorale ha praticamente ignorato il settore della sanità, focalizzando il confronto sui temi fiscali e previdenziali che avranno comunque un forte riflesso sulla sanità. Si tratta, infatti, di interventi che, se attuati, condizioneranno le risorse a...

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale   Il profondo gap Nord-Sud confermato, con un Paese quasi sempre spaccato in due, quasi a ricalcare il risultato del voto politico del 4 marzo scorso. Solo che, nell'Italia di cui si fotografano dati di salute e di spesa, il gap dura da un numero consistente di anni. Con un federalismo sanitario che...

LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il link al programma aggiornato del LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare". Il Congresso, cui A.L.I.Ce. Italia ha concesso il Patrocinio, quest'anno è stato organizzato in Romagna, presso il Palacongressi di Riccione, e...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Genova City Marathon, novità sulle iscrizioni

UN AIUTO PER I BAMBINI COLPITI DA ICTUS Lunedi 18 giugno, apriranno finalmente le iscrizioni per la corsa non competitiva, la nostra Fantozzi...

Istat: per farmaci e visite le famiglie spendono 123 euro al mese (+8%)

DAL GOVERNO Istat: per farmaci e visite le famiglie spendono 123 euro al mese (+8%)   Non decolla la spesa delle famiglie e si allargano le...

Le attività recenti di ALICe Federazione Abruzzo

1. Ordine degli Avvocati. La federazione A.L.I.Ce. Abruzzo Onlus, con il patrocinio della Camera Penale del Tribunale di Avezzano, ha partecipato...

Migliorare l’assistenza infermieristica e rafforzare il rapporto cittadini-infermieri. Undici proposte dall’Osservatorio civico promosso da Cittadinanzattiva e FNOPI

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato Stampa su "Come migliorare l’assistenza infermieristica e rafforzare il rapporto...

Giornata di prevenzione dell’Ictus Cerebrale il 26 maggio a Bologna

Ecco l' invito alla Giornata di Prevenzione dell' Ictus Cerebrale che quest' anno avrà una particolare...

CUORE - Ipertensione: in arrivo le nuove guida europee

CUORE Ipertensione: in arrivo le nuove guida europee Il 60% degli europei affetti da ipertensione arteriosa non assume una terapia. Di questi...

Non dormiamoci sopra -OSAS patologia silente rumorosa - Sabato 26 maggio 2018 - AOSTA

A.L.I.Ce. VdA è lieta di invitarvi al Convegno, patrocinato da A.L.I.Ce. Valle d'Aosta onlus e organizzato dal Rotary Club di Aosta e...