L’ALLARME Il diabete cresce in città: entro 20 anni oltre 6 milioni di persone con diabete in Italia

Dare alle amministrazioni locali, di concerto con Istituzioni sanitarie, scientifiche e accademiche, gli strumenti per promuovere strategie per migliorare l’informazione, la rete assistenziale, la prevenzione e la cura delle persone con diabete di tipo 2, limitando i “costi sociali” dovuti alle complicanze e alla mortalità.

È questo lo scopo del documento “Italian Urban Diabetes Charter” firmato a Roma, nella sede di Anci-Associazione nazionale comuni italiani, da Health City Institute, gruppo di lavoro sull'Urban Health di Anci, Istituto superiore di sanità, le società scientifiche della diabetologia (AMD-Associazione medici diabetologi e SID-Società italiana di diabetologia) e della medicina generale (SIMG-Società italiana di medicina generale) e Cittadinanzattiva.

«Il diabete è uno tsunami che avanza: si sta rivelando la malattia più rilevante e potenzialmente pericolosa del nostro secolo, per la crescita continua ed esponenziale della sua prevalenza e per la mortalità e le complicanze invalidanti correlate», ha dichiarato Andrea Lenzi, presidente di Health City Institute.

In Italia, le persone che dichiarano di avere il diabete sono 3,27 milioni, il 5,4 per cento della popolazione, secondo ISTAT, ma «stime effettuate su dati amministrativi dall'Osservatorio ARNO diabete, progetto di collaborazione fra SID e Cineca, indicano che il dato è molto superiore, pari al 6,2 per cento, e studi hanno evidenziato che, in realtà, per ogni tre persone con diabete ne esiste una che non sa di averlo; se la crescita della prevalenza della malattia continuerà ai ritmi attuali, entro 20 anni potrebbero esserci in Italia oltre 6 milioni di persone con diabete», ha aggiunto il presidente SID Giorgio Sesti.

Il fenomeno è particolarmente preoccupante nelle città, tanto che tra gli addetti ai lavori si sta facendo strada il concetto di “diabete urbano o urban diabetes”, che «non è una nuova forma di diabete, ma si riferisce al drastico aumento della prevalenza del diabete tipo 2 che si osserva nelle città a causa dell’urbanizzazione», ha chiarito Lenzi.

Vivere in un’area urbana si accompagna a cambiamenti sostanziali degli stili di vita: cambiano le abitudini alimentari e il modo di vivere, i lavori diventano sempre più sedentari, l’attività fisica diminuisce. «Numerosi studi internazionali hanno messo in risalto come esista un collegamento tra aumento di diabete tipo 2, obesità e urbanizzazione. Gli amministratori della città saranno sempre più in prima linea, nel collaborare con i medici, per contrastare questo fenomeno, che vede già oggi 2 persone con diabete su 3 vivere in un nucleo urbano, con una stima dell’International Diabetes Federation che prevede nei prossimi 25 anni questo rapporto crescere a 3 su 4», ha detto presidente AMD Domenico Mannino.

Il diabete e l’obesità, come tutte le malattie non trasmissibili, soprattutto quelle cardiovascolari, il cancro e i disturbi respiratori cronici, rappresentano oggi il principale rischio per la salute e lo sviluppo umano. «L’Organizzazione mondiale della sanità, come tutta la comunità scientifica internazionale, evidenzia quanto sia indispensabile per lo sviluppo sociale ed economico di tutti i paesi, investire nella prevenzione di queste malattie, e come questa sia una responsabilità in prima battuta dei governi, ma in realtà della società in senso più allargato. Arrestare l’aumento del diabete in ambito urbano è un’impresa difficile, ma possibile grazie alla stretta collaborazione tra politica, mondo sanitario e società civile», ha aggiunto il coordinatore dell’area Prevenzione SIMG Gerardo Medea

Fonte: HealthDesk, redazione, 9 Novembre 2017           

Novità scientifiche ALICe Italia

SALUTE FEMMINILE Avere il ciclo troppo presto aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

Così come la menopausa precoce e gli aborti spontanei I fattori di rischio di infarto e ictus sono ben noti. Ma per le donne la lista si allunga. Contano anche alcuni elementi della salute riproduttiva. Ipertensione, fumo, sovrappeso, diabete, colesterolo alto. Per le donne però la lista dei tradizionali fattori di rischio per malattie cardiovascolari e ictus si allunga. Bisogna...

Non più a carico solo dei malati le spese per alimenti speciali

Riceviamo da Cittadinanzattiva e volentieri segnaliamo l'articolo uscito domenica 28 gennaio u.s. sul Corriere della Sera intitolato "Non più a carico solo dei malati le spese per alimenti speciali. Estese le detraibilità  ai prodotti di chi ha bisogno di una dieta particolare". Buona lettura! Cliccate qui per l'articolo

Alle Associazioni aderenti al Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici (CnAMC) di Cittadinanzattiva

  Vi segnaliamo con orgoglio che oggi si è tenuta la prima riunione della cabina di regia del Piano Nazionale della Cronicità a cui ha partecipato Tonino Aceti in rappresentanza del Coordinamento nazionale delle Associazioni di Malati Cronici di Cittadinanzattiva. Si tratta di un risultato importante, frutto del lavoro di tutti, che segna il primo passo verso un...

INNOVAZIONI Un Manifesto per una sanità “intelligente”

Accompagnare l’Italia nella sfida della sanità digitale e far sì che il Paese possa cogliere i benefici che derivano dall’impiego di soluzioni tecnologiche innovative, basate sull’intelligenza artificiale. Questo l’obiettivo del Manifesto per una Sanità “intelligente “presentato in anteprima dall’Istituto per la...

IL REPORT L’inquinamento uccide 9 milioni di persone ogni anno

Più esposti i paesi poveri dove i danni alla salute dell’inquinamento sottraggono l’1,3% del PIL Tra le diverse tipologie di inquinamento, quello dell’aria è il più letale: è responsabile di circa 6,5 milioni di morti all’anno, connessi all’insorgenza di malattie cardiache, ictus, cancro e varie malattie respiratorie. Prendiamo i morti...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
INSIEME CONTRO L’ICTUS: STRATEGIE INTRAPRESE E PROSPETTIVE FUTURE

Anche A.L.I.Ce. Italia è stata invitata a partecipare all'importante convegno intitolato "INSIEME CONTRO L’ICTUS: STRATEGIE...

“Riprenditi la Vita”, una campagna dedicata ai sogni nel cassetto per parlare di ictus cerebrale e fibrillazione atriale

Per chi soffre di fibrillazione atriale, “riprendersi la vita” significa ricominciare a coltivare in sicurezza quelle passioni messe da...

Partecipazione di A.L.I.Ce. Italia al Convegno organizzato in collaborazione con la SPAN, Società degli Psicologi di Area Neuropsicologica

Convegno su“Quali Risposte alle Attese dei Familiari delle Persone con Deficit Cognitivo?” Palazzo Pirelli – Regione Lombardia - 26...

Programma aggiornato del convegno organizzato da Scienze Neurologiche Ospedaliere a Riccione

Il Convegno è previsto dal 2 al 5 maggio 2018. Per tutte le informazioni sul programma aggiornato e sul resto cliccare qui

Ad A.L.I.Ce. Città della Pieve un nuovo servizio gratuito

A.L.I.Ce. Umbria di Città della Pieve con sede presso la Casa della Salute della città del Perugino, ha istituito, a partire da...

FISH LIGURIA - INCONTRO SUL TEMA "IL TERRITORIO E IL NAZIONALE: DUE REALTA' A CONFRONTO"

Il Presidente di Fish Liguria, Antonio Cucco, e il Presidente di Fish Nazionale Vincenzo Falabella, invitano tutte le Associazioni aderenti alla...

Questionario “Osservatorio Civico Professione infermieristica”.

Pubblichiamo il link al questionario “Osservatorio Civico Professione infermieristica” rivolto a Cittadini e Pazienti, alla cui stesura...

Copyright © ALICe Italia. All Rights Reserved | cms engineering Estar group