LO STUDIO Donne: dopo i 40 lo sport è d'obbligo per sfuggire alla demenza

Allenamenti di elevata intensità riducono del 90 per cento il rischio di declino cognitivo

Camminare non basta. Per mantenere il cervello in salute bisogna allenarsi sudando. Uno studio dedicato alle donne di mezza età: un’attività fisica intensa allontana il rischio di disturbi della memoria e défaillance del ragionamento

Palestra, piscina, corsa, bicicletta. Va bene tutto purché si sudi. L’invito a muoversi fino a ad avere il fiatone arriva da uno studio appena pubblicato su Neurology ed è destinato a tutte le donne di mezza età. Un’attività fisica ad alto impatto cardiovascolare riduce del 90 per cento il rischio di sviluppare demenza. E se i disturbi di memoria e di concentrazione dovessero comunque manifestarsi, nelle donne più allenate arriverebbero 11 anni più tardi rispetto a quelle che svolgono un’attività fisica moderata. Due scenari sono possibili. Nel primo, una sportiva quarantenne in ottima forma fisica si allena più volte a settimana fino allo sfinimento: i primi segnali di demenza compariranno a 90 anni. Nel secondo, una coetanea meno attiva si accontenta di allenamenti poco faticosi: le prime defiance del cervello arriveranno a 79 anni. 

I ricercatori hanno analizzato i dati di 191 donne svedesi di età compresa tra i 38 e i 60 anni. All’inizio dello studio, nel 1968, tutte le partecipanti di mezza età sono state sottoposte a un test di prestanza fisica su una cyclette che richiedeva di pedalare a oltranza fino a non poterne più. Il risultato di quel test si è rivelato un affidabile indicatore della futura salute cerebrale. 

Tutte le donne sono state monitorate per 44 anni. Nel gruppo delle donne che avevano ottenuto un punteggio basso, il 32 per cento è andato incontro a demenza durante il periodo di osservazione. La percentuale scendeva al 25 per cento nel gruppo delle donne con un punteggio medio e arrivava al 5 per cento nel gruppo delle sportive vere con le performance atletiche migliori.  I dati più preoccupanti sono emersi nel gruppo delle donne più sedentarie, quelle che non erano riuscite neanche a completare l’esercizio. In questo caso il 45 per cento delle partecipanti ha sviluppato demenza. 

Che la sedentarietà fosse nemica giurata del sistema circolatorio era già noto da tempo, ma gli effetti sul cervello erano meno conosciuti.

I ricercatori sospettano che siano i problemi cardiovascolari, come la pressione alta, a rendere le donne pigre più esposte al rischio di demenza con il passare degli anni. L’associazione tra salute del cuore e salute del cervello resta tuttavia oscura. E ancora non è chiaro come mai una donna di mezza età che si butti a capofitto nell’attività sportiva riesca ad allontanare così tanto il declino cerebrale. 

Potrebbe dipendere, ipotizzano gli scienziati, dal ben noto impatto del movimento sui fattori di rischio cardiaci: abbassamento della pressione, mantenimento del peso forma, riduzione del colesterolo ecc.

Una buona salute cardiovascolare permetterebbe inoltre di aumentare il flusso sanguigno al cervello. 

Lo studio, è vero, possiede alcuni evidenti limiti: il campione analizzato è poco numeroso, il test sulle performance atletiche è stato eseguito una sola volta e le partecipanti erano tutte donne svedesi forse poco rappresentative di altre popolazioni. Nonostante questo il messaggio iniziale resta valido: allenarsi sudando fa bene al cuore e al cervello. 

Fonte: HealthDesk, redazione, 21 marzo 2018

Novità scientifiche ALICe Italia

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no?

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no? Il dibattito politico dell’ultima tornata elettorale ha praticamente ignorato il settore della sanità, focalizzando il confronto sui temi fiscali e previdenziali che avranno comunque un forte riflesso sulla sanità. Si tratta, infatti, di interventi che, se attuati, condizioneranno le risorse a...

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale   Il profondo gap Nord-Sud confermato, con un Paese quasi sempre spaccato in due, quasi a ricalcare il risultato del voto politico del 4 marzo scorso. Solo che, nell'Italia di cui si fotografano dati di salute e di spesa, il gap dura da un numero consistente di anni. Con un federalismo sanitario che...

LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il link al programma aggiornato del LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare". Il Congresso, cui A.L.I.Ce. Italia ha concesso il Patrocinio, quest'anno è stato organizzato in Romagna, presso il Palacongressi di Riccione, e...

IL SONDAGGIO Donne: una vita da caregiver

Il caregiving familiare in Italia è soprattutto nelle mani delle donne, che ne avvertono tutto il peso e che si trovano a dover bilanciare questo impegno con le proprie necessità, i propri interessi e le proprie aspirazioni. Per quasi 9 donne su 10 questa è una realtà quotidiana e per 1 su 5 di tratta di un impegno sentito come gravoso, poiché alto è il...

LE ORIGINI Quel bambino di 7.000 anni fa in cui nacque l’anemia falciforme

La mutazione genetica all'origine della malattia dà un vantaggio evolutivo: protegge dalla malaria Più di 7 mila anni fa la zona del Sahara era verde e umida, un habitat ideale per le zanzare che portano la malaria. È qui, con la nascita di un bambino, che comincia la storia di una mutazione che protegge dalla malaria ma può provocare la grave malattia. Circa...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Due iniziative di ALICe Liguria per il Mese della Prevenzione dell'Ictus

1) - APRILE: MESE DELLA PREVENZIONE: VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ICTUS PER I SOCI DELLA S.O.M.S. “LA CASTAGNA” DI GENOVA Venerdì...

Primo elenco di iniziative di A.L.I.Ce. nelle regioni italiane in occasione del mese della Prevenzione dell'Ictus Cerebrale

ALICe Marche Giornata di screening per il rischio vascolare nell'ambito di un progetto rivolto alla promozione della salute nella donna....

Grande successo per il convegno di A.L.I.Ce. Italia Onlus. Riuniti a La Spezia i principali attori impegnati nella prevenzione e nella cura dell’ictus cerebrale

  La Spezia, 27 marzo 2018 – “Conoscere, educare, prevenire… l’ictus: la parola ai protagonisti”....

GIORNATA SULLA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE

Nell'ambito delle iniziative del mese della PREVENZIONE ALICe Cuneo Onlus è fra gli organizzatori del Convegno "ESPERIENZE PRATICHE...

Manifestazione e convegno a Roma, "L'albero della vita", 25 febbraio 2018

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'invito a partecipare a due eventi che si terranno a Roma domenica 25 febbraio nell'ambito della...

ALICe CUNEO ONLUS CON UN PROPRIO STAND ALLA “GIORNATA PER LA SALUTE “ DI DOMENICA 8 APRILE A BUSCA

ALICe Cuneo Onlus sarà presente con un suo stand ed una folta delegazione di suoi volontari, a BUSCA DOMENICA 8 APRILE, dalle 10 alle 17, alla...