IL SONDAGGIO Donne: una vita da caregiver

Il caregiving familiare in Italia è soprattutto nelle mani delle donne, che ne avvertono tutto il peso e che si trovano a dover bilanciare questo impegno con le proprie necessità, i propri interessi e le proprie aspirazioni. Per quasi 9 donne su 10 questa è una realtà quotidiana e per 1 su 5 di tratta di un impegno sentito come gravoso, poiché alto è il loro livello di coinvolgimento. Sulle donne tende a riversarsi l’onere del caregiving, e spesso si trovano sole quando sono loro stesse malate.

Sono questi i dati di una ricerca condotta da Ipsos per Farmindustria su un campione di 800 donne adulte in Italia. 

Secondo la ricerca (“Il ruolo della donna come protagonista e influencer nel caregiving”) soltanto per il 14% delle italiane di 18 anni ed oltre, il coinvolgimento come caregiver è nullo o quasi. Per il restante 86%, con diversi gradi di intensità, l’equilibrismo tra molteplici ruoli e compiti è un esercizio quotidiano. 

In particolare, le necessità familiari che ruotano attorno alla sfera della salute, sono in elevata misura di competenza delle donne che sono presenti al momento della prevenzione (66%), vegliano sul percorso terapeutico (65%), sono l’interlocutore privilegiato del medico nella fase della diagnosi (58%), e della terapia (59%).

Questa incombenza è ancor più intensa quando si tratta della salute dei bambini, allorché la donna delega solo in una ristrettissima minoranza di casi al proprio partner la cura (6%) e l’interlocuzione con il pediatra (5%).

Degno di nota anche il livello di autonomia che si rileva quando è la donna stessa ad aver bisogno di cure: nel 46% dei casi di problemi lievi di salute e nel 29% degli eventi più gravi, la donna fa da sé. E fa tanto più da sé, quanto più è già abituata ad assumersi molteplici incombenze (68% delle donne con alto tasso di coinvolgimento nel caregiving si ‘arrangiano da sole’)

In poco meno di un terzo (28%) delle famiglie delle donne intervistate, c’è almeno un soggetto bisognoso di accudimento, perché portatore di una fragilità. In prevalenza si tratta di persone anziane, più o meno autosufficienti (20% in totale) ma in un caso su dieci si tratta di un malato grave o di un soggetto disabile. 

Nelle famiglie in cui la donna si occupa di qualcuno gravemente malato (9% dei casi) si tratta quasi sempre una persona anziana (madri, padri, un coniuge), mentre più rari sono i figli gravemente malati ad essere accuditi.

Anche in questo caso, la delega è quasi nulla: un terzo delle donne fa senza aiuti, circa la metà può contare su un aiuto in famiglia mentre soltanto nel 14% dei casi, ci si appoggia ad un aiuto esterno.

Ovviamente questo incide sulla propria soddisfazione personale (51% insoddisfatte, tra coloro che si occupano di un malato grave).

L’elevato coinvolgimento e lo sforzo che il caregiving richiede loro fanno sì che la percezione delle donne rispetto allo stato delle politiche di welfare in Italia risulti arretrato quando confrontato al resto dell’Europa (per il 69% delle intervistate).

«Le donne oggi sono sempre più superdonne», ha commentato il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi. «Sono loro infatti la vera colonna portante della famiglia e della società. L’industria farmaceutica è consapevole del ruolo della donna – precisa Scaccabarozzi – perché, da anni, è “rosa”: la quota femminile è del 42% sul totale, con punte di oltre il 50% nella R&S. Un dirigente su tre inoltre è donna, mentre negli altri settori la quota è di uno su dieci. Ecco perché le imprese si sono dotate di un welfare che permette di conciliare lavoro e vita privata. Si può fare di più e ne siamo consapevoli. Ma partiamo già da risultati incoraggianti. Le nostre aziende – ha concluso Scaccabarozzi – vogliono avere obiettivi sempre più ambiziosi e diventare un esempio da seguire. Tenaci e forti come le donne».

Fonte: HealthDesk, redazione, 8 marzo 2018

 

Novità scientifiche ALICe Italia

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no?

Il Servizio sanitario nazionale è efficace, equo e sostenibile! O no? Il dibattito politico dell’ultima tornata elettorale ha praticamente ignorato il settore della sanità, focalizzando il confronto sui temi fiscali e previdenziali che avranno comunque un forte riflesso sulla sanità. Si tratta, infatti, di interventi che, se attuati, condizioneranno le risorse a...

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale

Osservasalute 2017: solo la prevenzione salverà il Servizio sanitario nazionale   Il profondo gap Nord-Sud confermato, con un Paese quasi sempre spaccato in due, quasi a ricalcare il risultato del voto politico del 4 marzo scorso. Solo che, nell'Italia di cui si fotografano dati di salute e di spesa, il gap dura da un numero consistente di anni. Con un federalismo sanitario che...

LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il link al programma aggiornato del LVIII Congresso Nazionale SNO intitolato "Le neuroscienze di oggi: lo stato dell’arte e il valore dell’interattività multidisciplinare". Il Congresso, cui A.L.I.Ce. Italia ha concesso il Patrocinio, quest'anno è stato organizzato in Romagna, presso il Palacongressi di Riccione, e...

IL SONDAGGIO Donne: una vita da caregiver

Il caregiving familiare in Italia è soprattutto nelle mani delle donne, che ne avvertono tutto il peso e che si trovano a dover bilanciare questo impegno con le proprie necessità, i propri interessi e le proprie aspirazioni. Per quasi 9 donne su 10 questa è una realtà quotidiana e per 1 su 5 di tratta di un impegno sentito come gravoso, poiché alto è il...

LE ORIGINI Quel bambino di 7.000 anni fa in cui nacque l’anemia falciforme

La mutazione genetica all'origine della malattia dà un vantaggio evolutivo: protegge dalla malaria Più di 7 mila anni fa la zona del Sahara era verde e umida, un habitat ideale per le zanzare che portano la malaria. È qui, con la nascita di un bambino, che comincia la storia di una mutazione che protegge dalla malaria ma può provocare la grave malattia. Circa...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Due iniziative di ALICe Liguria per il Mese della Prevenzione dell'Ictus

1) - APRILE: MESE DELLA PREVENZIONE: VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ICTUS PER I SOCI DELLA S.O.M.S. “LA CASTAGNA” DI GENOVA Venerdì...

Primo elenco di iniziative di A.L.I.Ce. nelle regioni italiane in occasione del mese della Prevenzione dell'Ictus Cerebrale

ALICe Marche Giornata di screening per il rischio vascolare nell'ambito di un progetto rivolto alla promozione della salute nella donna....

Grande successo per il convegno di A.L.I.Ce. Italia Onlus. Riuniti a La Spezia i principali attori impegnati nella prevenzione e nella cura dell’ictus cerebrale

  La Spezia, 27 marzo 2018 – “Conoscere, educare, prevenire… l’ictus: la parola ai protagonisti”....

GIORNATA SULLA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE

Nell'ambito delle iniziative del mese della PREVENZIONE ALICe Cuneo Onlus è fra gli organizzatori del Convegno "ESPERIENZE PRATICHE...

Manifestazione e convegno a Roma, "L'albero della vita", 25 febbraio 2018

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'invito a partecipare a due eventi che si terranno a Roma domenica 25 febbraio nell'ambito della...

ALICe CUNEO ONLUS CON UN PROPRIO STAND ALLA “GIORNATA PER LA SALUTE “ DI DOMENICA 8 APRILE A BUSCA

ALICe Cuneo Onlus sarà presente con un suo stand ed una folta delegazione di suoi volontari, a BUSCA DOMENICA 8 APRILE, dalle 10 alle 17, alla...