SORPRESA Anche un paio di sigarette al giorno possono fare male al cuore

Ridurre non basta. Per allontanare il rischio di malattie cardiache e ictus bisogna smettere

 

Non esiste un livello di sicurezza che consenta ai fumatori di stare tranquilli. Anche chi fuma da una a cinque sigarette al giorno è esposto a un alto rischio di malattie cardiache e ictus.

Ridurre non basta, bisogna smettere. È il messaggio lanciato a tutti i fumatori dai ricercatori del Cancer Institute dell’University College London che sulle pagine del British Medical Journal dimostrano, dati alla mano, che chi fuma poco è comunque esposto a un alto rischio di malattie cardiovascolari, molto più alto di quanto finora creduto.

Anche una sola sigaretta al giorno aumenta sensibilmente le probabilità di patologie coronariche e ictus. I ricercatori inglesi sono giunti a questa inaspettata conclusione dopo aver passato in rassegna i risultati di 141 studi sull’impatto del fumo sulla salute. 

Da questa analisi è emerso che per le malattie cardiovascolari non vale la stessa regola probabilistica applicabile ad altre patologie come il cancro ai polmoni. Il rischio di tumore, infatti, si riduce in maniera direttamente proporzionale al numero di sigarette fumate in un giorno. Poche sigarette, basso rischio. Non è così per le malattie cardiovascolari: fumare da una a cinque sigarette al giorno provoca comunque danni consistenti alla salute. Poche sigarette, alto rischio. In questo caso, cioè, la riduzione del rischio non procede di pari passo con quella delle sigarette. Chi si era convinto di poter guadagnare in salute cardiovascolare passando da 20 sigarette al giorno a un paio o poco più, si dovrà ricredere perché la scusa del “tanto fa male, ma poco va bene” non funziona per proteggere il cuore.

E lo dimostrano i calcoli percentuali: negli uomini una sigaretta al giorno incide per il 46 per cento sull’eccesso di rischio dovuto al fumo per malattie cardiache e per il 41 per cento sull’eccesso di rischio per ictus (per le donne i valori sono rispettivamente del 31 per cento e del 34 per cento).

 Per capirci meglio: chi fuma 20 sigarette al giorno ha un rischio di avere problemi cardiaci e ictus molto più alto rispetto a chi non fuma (eccesso di rischio), ma riducendo fino a un massimo di 5 il numero di sigarette quotidiane l’eccesso di rischio si abbassa solamente della metà. Quelle 5 sigarette al giorno pesano sulla salute di chi ne fuma 20 (e sull’eccesso di rischio) molto più di quanto finora pensato (5%).

«Abbiamo dimostrato - spiegano i ricercatori - che una grande percentuale del rischio di malattia coronarica e ictus proviene dal fumo di un paio di sigarette al giorno. Il che probabilmente è una sorpresa per molte persone. Ma ci sono anche meccanismi biologici che aiutano a spiegare il rischio inaspettatamente alto associato a un basso livello di fumo». 

Insomma, se ancora non fosse chiaro, c’è un solo modo per limitare i danni delle sigarette sul sistema cardiovascolare: smettere di fumare.

«Non esiste alcun livello sicuro per le malattie cardiovascolari - concludono i ricercatori - mantenendo il quale i fumatori leggeri possono continuare a fumare senza pericoli. I fumatori devono smettere completamente piuttosto che ridurre se vogliono evitare la maggior parte del rischio associato a malattie cardiache e ictus, i due problemi più comuni causati dal fumo».

 

Fonte: HealthDesk, redazione, 29 gennaio 2018

Scelti per voi

SORPRESA Anche un paio di sigarette al giorno possono fare male al cuore

Ridurre non basta. Per allontanare il rischio di malattie cardiache e ictus bisogna smettere   Non esiste un livello di sicurezza che consenta ai fumatori di stare tranquilli. Anche chi fuma da una a cinque sigarette al giorno è esposto a un alto rischio di malattie cardiache e ictus. Ridurre non basta, bisogna smettere. È il messaggio lanciato a tutti i fumatori dai...

Approvata la "Risoluzione sulla diagnosi e la prevenzione dell'Ictus Cerebrale"

E' con grande orgoglio che la Federazione A.L.I.Ce. Italia annuncia che mercoledì 8 novembre 2017 la XII Commissione Affari Sociali della Camera ha approvato (con il n° 8-00268) la Risoluzione sulla diagnosi e la prevenzione dell’Ictus cerebrale: un importantissimo passaggio per le persone colpite da questa patologia e per le loro famiglie, oltre che per tutti i...

L’ictus è un’emergenza europea: +34% nei prossimi dieci anni. Il ruolo delle Stroke unit

  L’ictus è tra le prime cause di morte in Europa, la seconda per deficit cognitivo nell’adulto e in assoluto la prima per disabilità a lungo termine. Nonostante gli sforzi sino ad ora compiuti dai Paesi europei nell’affrontare questa «catastrofe umanitaria», ci si aspetta un aumento del 34% dei nuovi casi nei prossimi anni, soprattutto per...

Riparliamo del Convegno

E’ trascorso un po’ di tempo, ma è con estremo piacere che vogliamo riparlare del Convegno “A.L.I.Ce. 20 ANNI DOPO”, che si è svolto presso il Palazzo Regionale di Aosta il 9 Aprile 2017. Con l’occasione rinnoviamo i complimenti per l'entusiasmo, l'energia e la professionalità di tutti coloro che, con sentita partecipazione, hanno...

Al via la collaborazione con Nestlé Health Science

E’ con grande piacere che la Federazione A.L.I.Ce. Italia Onlus annuncia l’inizio della collaborazione con Nestlé Health Science. Nell’ambito della campagna sul paziente con ictus, l’azienda ha pubblicato uno strumento molto utile: la Guida per l’assistenza a pazienti con ictus (clicca qui per scaricarla), un opuscolo informativo che contiene informazioni e...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
INSIEME CONTRO L’ICTUS: STRATEGIE INTRAPRESE E PROSPETTIVE FUTURE

Anche A.L.I.Ce. Italia è stata invitata a partecipare all'importante convegno intitolato "INSIEME CONTRO L’ICTUS: STRATEGIE...

“Riprenditi la Vita”, una campagna dedicata ai sogni nel cassetto per parlare di ictus cerebrale e fibrillazione atriale

Per chi soffre di fibrillazione atriale, “riprendersi la vita” significa ricominciare a coltivare in sicurezza quelle passioni messe da...

Partecipazione di A.L.I.Ce. Italia al Convegno organizzato in collaborazione con la SPAN, Società degli Psicologi di Area Neuropsicologica

Convegno su“Quali Risposte alle Attese dei Familiari delle Persone con Deficit Cognitivo?” Palazzo Pirelli – Regione Lombardia - 26...

Programma aggiornato del convegno organizzato da Scienze Neurologiche Ospedaliere a Riccione

Il Convegno è previsto dal 2 al 5 maggio 2018. Per tutte le informazioni sul programma aggiornato e sul resto cliccare qui

Ad A.L.I.Ce. Città della Pieve un nuovo servizio gratuito

A.L.I.Ce. Umbria di Città della Pieve con sede presso la Casa della Salute della città del Perugino, ha istituito, a partire da...

FISH LIGURIA - INCONTRO SUL TEMA "IL TERRITORIO E IL NAZIONALE: DUE REALTA' A CONFRONTO"

Il Presidente di Fish Liguria, Antonio Cucco, e il Presidente di Fish Nazionale Vincenzo Falabella, invitano tutte le Associazioni aderenti alla...

Questionario “Osservatorio Civico Professione infermieristica”.

Pubblichiamo il link al questionario “Osservatorio Civico Professione infermieristica” rivolto a Cittadini e Pazienti, alla cui stesura...