Al via Progetto Zero: A.L.I.Ce. Italia Onlus e SIMG ancora una volta insieme per combattere l’ipertensione arteriosa

COMUNICATO STAMPA

Ridurre i valori della pressione fa diminuire del 40-50% il rischio di essere colpiti da ictus cerebrale

(Cliccare qui per ottenere l'elenco delle farmacie partecipanti al progetto)

Roma, 7 maggio 2018Prevenire l’ipertensione arteriosa, definita anche “killer silenzioso”: questo l’obiettivo del Progetto Zero, nato dalla proficua collaborazione dell’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale (A.L.I.Ce. Italia Onlus) con la Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG).

A.L.I.Ce. Italia Onlus ribadisce l’appello diffuso in occasione di “Aprile mese della prevenzione”, ricordando quanto sia importante il controllo della pressione nella prevenzione primaria e secondaria dell’ictus, perché ridurre i valori della pressione arteriosa fa diminuire di ben il 40-50% il rischio di essere colpiti da questa patologia.

Innovativo per l’approccio multidisciplinare e multifattoriale, Progetto Zero è il primo e più ampio programma per prevenire il rischio cerebro e cardiovascolare e intende offrire un servizio esclusivo, dedicato alle farmacie italiane e alla popolazione mettendo a loro disposizione strumenti e know-how per educare i professionisti della salute e i cittadini.

Progetto Zero arriva, da oggi, in oltre 800 farmacie distribuite sul territorio nazionale. Infermieri formati e specializzati forniranno un’ampia e personalizzata consulenza ai clienti delle farmacie che aderiscono a Progetto Zero: dalla misurazione della pressione sanguigna al test sui valori glicemici, dai suggerimenti per la prevenzione e gestione quotidiana dei disturbi alla compilazione della scheda per identificare il rischio individuale sulla base dei valori rilevati e di fattori come età, patologie, stili di vita.

“Le farmacie sono la prima frontiera del SSN alla quale i cittadini si rivolgono per trovare informazioni e consiglio – dichiara Nicoletta Reale, Presidente di A.L.I.Ce. Italia Onlus. Il farmacista ha un ruolo fondamentale per sviluppare attività di screening, prevenzione ed educazione dei cittadini sui rischi cerebro e cardiovascolari associati all’ipertensione e al diabete. La capillarità del servizio e la specializzazione del personale delle farmacie permette lo sviluppo di un efficace modello di prevenzione e informazione per ipertesi e diabetici, anche quelli che non sanno di esserlo. Obiettivo del Progetto è quello di informare la popolazione e spronarla a seguire comportamenti e stili di vita corretti”.

Il progetto, realizzato grazie al supporto non condizionato di Corman, ha debuttato nel 2017 ed è stato subito premiato al Cosmofarma Innovation & Research Award; nel 2018, prosegue sotto l’egida dell’Osservatorio Ictus Italia per diffondere e rafforzare la pratica della prevenzione contro l’ipertensione arteriosa.

“L’ipertensione è tra i principali fattori di rischio per eventi cardiovascolari e cerebrovascolari, che sono la prima causa di mortalità nei Paesi occidentali - dichiara il Dottor Damiano Parretti, Responsabile Progetti Area Cronicità Società Italiana di Medicina Generale e delle cure primarie. In Italia, colpisce circa il 30% degli individui adulti, molti dei quali neanche lo sanno. Il 19% degli uomini e il 14% delle donne sono in una condizione di rischio; i pericoli aumentano con l’aumentare dei valori pressori. Il rischio è decisamente maggiore nella popolazione diabetica, pari a circa 3,5 milioni di italiani, di cui 1,3 milioni non diagnosticati. Nel 70% dei casi, i pazienti con diabete mellito di tipo II sono ipertesi”.

A.L.I.Ce. Italia Onlus è l’unica realtà associativa italiana che riunisce sia le persone colpite, i loro familiari e i caregiver, sia infermieri, fisioterapisti, logopedisti coinvolti nella prevenzione e cura dell’ictus, sia i medici di medicina generale, fisiatri, neurologi e gli altri medici esperti nella diagnosi e nel trattamento dell’ictus. La grande sfida è la prevenzione: secondo A.L.I.Ce., infatti, occorre diffondere l'informazione sulle condizioni che aumentano la probabilità di essere colpiti dall’ictus.

Anche a questo scopo è stato fondato nel 2016 l’Osservatorio Ictus Italia, grazie ad un’iniziativa congiunta di A.L.I.Ce., dell’Intergruppo Parlamentare sui problemi sociali dell’Ictus, dell’Italian Stroke Organisation e dell’European Stroke Organization, cui hanno immediatamente aderito anche l’Istituto Superiore di Sanità I.S.S. (Dipartimento Malattie Cardiovascolari, Dismetaboliche e dell’Invecchiamento) e la stessa S.I.M.G.

Principale mission dell'’Osservatorio, infatti, è quella di promuovere maggiore consapevolezza e awareness sulle problematiche legate all’ictus, attuando politiche dedicate sia a livello nazionale che regionale, nell’ottica di divenire principale attore e partner delle Istituzioni pubbliche e private, fornendo leadership, indicazioni strategiche e raccomandazioni in campo sanitario-assistenziale, scientifico-accademico e sociale.

Secondo le linee Guida ESC (European Society of Cardiology) e EASD (European Association for the Study of Diabetes), diabete mellito e ipertensione arteriosa sono fattori che hanno tra di loro un effetto moltiplicativo sul rischio di aterosclerosi che è una delle principali cause delle patologie cerebro e cardiovascolari.

Nel corso di quest’anno, Progetto Zero continuerà a diffondere la cultura dell’automisurazione pressoria e glicemica. Il corretto monitoraggio, infatti, aiuta a seguire al meglio la propria terapia e a ridurre il rischio di ictus, infarti ed altre complicanze cerebro e cardiovascolari.

Il programma favorirà l’attività di screening per intercettare nuovi pazienti e valutare il loro profilo di rischio, informarli e sensibilizzarli sull’ictus ed indirizzarli al target medico se necessario.

I dati raccolti porteranno alla pubblicazione di una guida per i farmacisti sul corretto management dei pazienti a rischio cerebro e cardiovascolare.

L’elenco completo delle farmacie aderenti e il calendario delle giornate, in continuo aggiornamento, sono disponibili, oltre che cliccando qui sui seguenti altri siti:

www.osservatorioictusitalia.it

www.miafarmaciaitalia.it   

www.corman.it

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa A.L.I.Ce. Italia Onlus

GAS Communication

Tel 06 68134260 – Fax 06 68134876

Mara Cochetti m.cochetti@gascommunication.com  

Cell. 347 8524261

 

Scelti per voi

Al via Progetto Zero: A.L.I.Ce. Italia Onlus e SIMG ancora una volta insieme per combattere l’ipertensione arteriosa

COMUNICATO STAMPA Ridurre i valori della pressione fa diminuire del 40-50% il rischio di essere colpiti da ictus cerebrale (Cliccare qui per ottenere l'elenco delle farmacie partecipanti al progetto) Roma, 7 maggio 2018 – Prevenire l’ipertensione arteriosa, definita anche “killer silenzioso”: questo l’obiettivo del Progetto Zero, nato dalla proficua...

Due nuovi e importanti studi internazionali relativi all'ictus finanziati dall'Europa

1) Progetto "TENSION" È stato lanciato un nuovo grande studio internazionale con l’obiettivo di estendere i benefici della trombectomia meccanica ad un maggior numero di Pazienti. SI tratta dello Studio TENSION.  La trombectomia è una procedura endovascolare  indicata per alcuni tipi di ictus ischemico acuto, grazie all’impiego di dispositivi...

Verso l'8 marzo. Caregiver: «superdonne» da tutelare e valorizzare

Anche le "superdonne" di oggi hanno bisogno di aiuto e una su due non è soddisfatta del proprio equilibrio vita-lavoro. Divise tra impegni professionali, cure e assistenza ai propri cari, spesso anziani e cronici, vivono (una su cinque) l'impegno di caregiver come «gravoso» e finiscono per ammalarsi o trascurare sé stesse. Per dare valore e sostegno al...

SORPRESA Anche un paio di sigarette al giorno possono fare male al cuore

Ridurre non basta. Per allontanare il rischio di malattie cardiache e ictus bisogna smettere   Non esiste un livello di sicurezza che consenta ai fumatori di stare tranquilli. Anche chi fuma da una a cinque sigarette al giorno è esposto a un alto rischio di malattie cardiache e ictus. Ridurre non basta, bisogna smettere. È il messaggio lanciato a tutti i fumatori dai...

Approvata la "Risoluzione sulla diagnosi e la prevenzione dell'Ictus Cerebrale"

E' con grande orgoglio che la Federazione A.L.I.Ce. Italia annuncia che mercoledì 8 novembre 2017 la XII Commissione Affari Sociali della Camera ha approvato (con il n° 8-00268) la Risoluzione sulla diagnosi e la prevenzione dell’Ictus cerebrale: un importantissimo passaggio per le persone colpite da questa patologia e per le loro famiglie, oltre che per tutti i...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
SCENDI IN CAMPO CONTRO L'ICTUS - Sbato 6 ottobre 2018 VENEZIA -Campo SS. Apostoli

VENEZIA, 06 Ottobre 2018 – “Scendi in campo contro l’ictus”   ALICe Venezia Onlus organizza una giornata di test...

ALICe: Percorsi di cura per pazienti post-ictus in Italia - Giovedì 13 settembre 2018 Roma

Quali livelli di cura in Italia per i pazienti colpiti da ictus, dalla fase dell'emergenza a quella della neuriabilitazione fino ai servizi...

CAMPUS SALUTE - Piazza Chanoux ad AOSTA 8 e 9 settembre 2018

Per il terzo anno torna Campus Salute Aosta e per la prima volta anche l'Associazione A.L.I.Ce. vda onlus sarà presente con la sua...

Calabria - ALICe Condofuri: articolo sulla giornata di prevenzione del l'11 agosto u.s.

Articolo pubblicato su "il Quotidiano del Sud" del 26 Agosto 2018. Si ringrazia il giornale per la speciale attenzione riservata...

BUONE VACANZE!!!!

Cari Amici, Soci e lettori del sito web e dei social di A.L.I.Ce. Italia Onlus, è tempo di Vacanze! Qualunque siano i vostri programmi, vi...

A.L.I.Ce. cede un montascale

L'Associazione A.L.I.Ce. Umbria di Città della Pieve cede un montascale mobile a cingoli modelllo TO8 S VIMEC, al momento sfornito di...

Riprenditi la Vita

Il progetto Riprenditi la Vita si prende una pausa per il periodo estivo. Il sito della campagna www.riprenditilavita.it sarà offline dal...

CUORE - Ipertensione: in arrivo le nuove guida europee

CUORE Ipertensione: in arrivo le nuove guida europee Il 60% degli europei affetti da ipertensione arteriosa non assume una terapia. Di questi...