Cittadinanzattiva lancia "Segui la Vita", miniserie dedicata a chi ha una patologia cronica

 

Comunicato stampa                                                     Roma, 6 marzo 2017

Una mini web-serie dedicata alla vita di 5 cittadini alle prese con una patologia cronica. Il Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici-Cittadinanzattiva lancia “Segui la vita”. Da oggi online sul canale youtube la prima puntata  http://bit.ly/seguilavita

5 persone, 5 storie di cittadini alle prese con una patologia, 5 ragioni per seguire le cure e seguire la vita. Questo il senso della web serie lanciata oggi da Cittadinanzattiva-Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici “Segui la vita”, che renderà protagoniste 5 persone che quotidianamente affrontano la propria patologia cronica e che raccontano come l’aderenza alle cure, cioè l’aver seguito attentamente le indicazioni di cura, le abbiano aiutate a migliorare la propria qualità di vita. E di vivere con gioia.

Il progetto, realizzato con il sostegno non condizionato di Merck, vede protagonisti Lorenzo, Silvia, Maria Pia, Sara e Giusi, cinque persone che, attraverso la loro esperienza personale, raccontano alcuni dei momenti più importanti del loro percorso di cura. E di vita.

Il tema dell’aderenza alle terapie e alle prescrizioni del medico e degli altri professionisti sanitari riveste importanza nella vita delle persone quando sono malate, ancor di più quando la condizione è cronica e quindi implica una relazione costante e pervasiva nel corso della propria vita con la malattia. L’esperienza della persona che ha una malattia cronica, il momento della scoperta della diagnosi, il rapporto con tutto quel che c’è da fare per cercare di non far deteriorare la salute o non avere limitazioni.

“Sappiamo per certo che circa il 25% dei malati reumatici non seguono la terapia o addirittura la abbandonano senza consultare il proprio medico, e questo è impattante sia sulla sua vita, sia sulla vita lavorativa ma anche dell'intero sistema”, ha dichiarato Silvia Tonolo, presidente di Anmar (Associazione  Nazionale Malati Reumatici)  e tra le protagoniste della miniserie. “L'alleanza tra medico e paziente sembra non funzioni e soprattutto esiste di fondo una disinformazione e poca comunicazione. Sicuramente il vissuto di un malato che si racconta aiuta chi sta vivendo una situazione simile o uguale. Si può attraverso campagne come queste arrivare alle persone che si sentono sole nell'affrontare terapie. Cure e malattie di cui si parla sempre troppo poco!” 

“Asbi (Associazione Spina Bifida) Italia ha accettato con enorme piacere, condividendo l'impegno sociale di Cittadinanzattiva, di partecipare al progetto per la diffusione dell'importanza dell'aderenza alle cure”, ha dichiarato Maria Cristina Dieci, Presidente della Associazione ASBI.  “In realtà ci piace definirla "adesione" alle cure per rendere al meglio il significato di un concetto che più che quello di una semplice obbedienza ad una prescrizione deve avere in sé l'idea di una vera e propria alleanza e condivisione terapeutica. Il primo passo infatti per ridurre l'entità della non adesione e' una maggiore consapevolezza della sua importanza da parte del paziente attraverso un miglioramento della comunicazione e una maggiore conoscenza della tematica sottostante”.

A.Fa.D.O.C. onlus (Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell’Ormone della Crescita ed altre Patologie) è l’associazione italiana che riunisce le famiglie di pazienti, prevalentemente bambini e ragazzi, in terapia con ormone della crescita per patologie croniche e rare come deficit di GH, panipopituitarismo, SGA (nato piccolo per età gestazionale), sindrome di Turner ed altre sindromi rare.

“Il nostro ruolo  è  quello di  informare e supportare  i  genitori e i giovani pazienti durante il  percorso della terapia”, ci ha dichiarato Cinzia Sacchetti, presidente della A.Fa.D.O.C. (Associazione Famiglie di soggetti con deficit dell'ormone della crescita e altre patologie) Onlus. “Nel caso della sindrome di Turner, che ha un lungo e complesso percorso di terapia, l’appartenenza a un’associazione come la nostra, che fornisce informazioni aggiornate e supporto psicologico adeguato sia ai genitori che alle giovani pazienti, il confronto con altre famiglie che vivono la stessa condizione, aiuta ad accettare il proprio stato, a superare le difficoltà che si incontrano e incoraggia le pazienti all’aderenza alla terapia per migliorare sostanzialmente la qualità della propria vita”.

“Nella malattia da HIV”, ha dichiarato Massimo Oldrini, presidente della LILA  (Lega italiana per la Lotta contro l'AIDS), “l’aderenza alla terapia e al percorso di cura (Retention in Care) sono fondamentali, sono la chiave per contrastare efficacemente l’HIV e evitare possibili complicanze indotte dai farmaci o altre infezioni o complicanze”.

"Segui la vita valorizza l'esperienza del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici”, ha dichiarato Tonino Aceti, responsabile del CnAMC-Cittadinanzattiva, “raccontando la mission di alcune delle oltre 100 associazioni che vi aderiscono: avere una malattia cronica non vuol dire rinunciare al proprio progetto di vita. I protagonisti dei video non sono le malattie, ma le persone, con le proprie passioni, paure, progetti, valori, difficoltà. I testimonial sono persone che ogni giorno mostrano che la malattia si può gestire, che le paure sono normali, che assumere più  farmaci e seguire bene una terapia non è una missione impossibile. Un invito a essere protagonisti della propria vita e a prendersi il più possibile cura di se e del proprio progetto di vita. Progetto di vita che deve essere considerato e sostenuto ogni giorno dai professionisti sanitari e dalle Istituzioni”

Le puntate della web serie saranno pubblicate a scadenza settimanale sul canale youtube di Cittadinanzattiva http://bit.ly/seguilavita

Noi di A.L.I.Ce. sollecitiamo anche le persone colpite da ictus a raccontare con la propria esperienza come, grazie all’aderenza alla terapia, sia migliorata la qualità della sua vita.

Che cosa significa aderire alla terapia?
Cambiare il proprio comportamento, assumendo i farmaci, seguendo una dieta e/o apportando cambiamenti nel proprio stile di vita in linea con le raccomandazioni concordate con i sanitari.
L’aderenza è una condizione che va esaminata quando le persone sono affette da patologie croniche ovvero quelle “malattie che presentano una o più delle seguenti caratteristiche: sono permanenti, lasciano disabilità residue, sono causate da alterazioni patologiche non reversibili, richiedono un particolare addestramento del paziente per la riabilitazione, oppure ci si aspetta che richiedano un lungo periodo di supervisione, osservazione o assistenza” .

Aspettiamo le vostre storie di vita da condividere.
Grazie per la collaborazione!!

Scelti per voi

Al via Progetto Zero: A.L.I.Ce. Italia Onlus e SIMG ancora una volta insieme per combattere l’ipertensione arteriosa

COMUNICATO STAMPA Ridurre i valori della pressione fa diminuire del 40-50% il rischio di essere colpiti da ictus cerebrale (Cliccare qui per ottenere l'elenco delle farmacie partecipanti al progetto) Roma, 7 maggio 2018 – Prevenire l’ipertensione arteriosa, definita anche “killer silenzioso”: questo l’obiettivo del Progetto Zero, nato dalla proficua...

Due nuovi e importanti studi internazionali relativi all'ictus finanziati dall'Europa

1) Progetto "TENSION" È stato lanciato un nuovo grande studio internazionale con l’obiettivo di estendere i benefici della trombectomia meccanica ad un maggior numero di Pazienti. SI tratta dello Studio TENSION.  La trombectomia è una procedura endovascolare  indicata per alcuni tipi di ictus ischemico acuto, grazie all’impiego di dispositivi...

Verso l'8 marzo. Caregiver: «superdonne» da tutelare e valorizzare

Anche le "superdonne" di oggi hanno bisogno di aiuto e una su due non è soddisfatta del proprio equilibrio vita-lavoro. Divise tra impegni professionali, cure e assistenza ai propri cari, spesso anziani e cronici, vivono (una su cinque) l'impegno di caregiver come «gravoso» e finiscono per ammalarsi o trascurare sé stesse. Per dare valore e sostegno al...

SORPRESA Anche un paio di sigarette al giorno possono fare male al cuore

Ridurre non basta. Per allontanare il rischio di malattie cardiache e ictus bisogna smettere   Non esiste un livello di sicurezza che consenta ai fumatori di stare tranquilli. Anche chi fuma da una a cinque sigarette al giorno è esposto a un alto rischio di malattie cardiache e ictus. Ridurre non basta, bisogna smettere. È il messaggio lanciato a tutti i fumatori dai...

Approvata la "Risoluzione sulla diagnosi e la prevenzione dell'Ictus Cerebrale"

E' con grande orgoglio che la Federazione A.L.I.Ce. Italia annuncia che mercoledì 8 novembre 2017 la XII Commissione Affari Sociali della Camera ha approvato (con il n° 8-00268) la Risoluzione sulla diagnosi e la prevenzione dell’Ictus cerebrale: un importantissimo passaggio per le persone colpite da questa patologia e per le loro famiglie, oltre che per tutti i...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Ferrara: ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello 2018 … come riconoscere con gesti semplici la FIBRILLAZIONE ATRIALE.

Nel mese dedicato all'Ictus, torna come ogni anno a Ferrara la campagna di informazione e prevenzione promossa da A.L.I.Ce Emilia Romagna,...

Giornata di prevenzione dell’Ictus Cerebrale il 26 maggio a Bologna

Ecco l' invito alla Giornata di Prevenzione dell' Ictus Cerebrale che quest' anno avrà una particolare...

Lotta all’ictus cerebrale Una barella di speranza

L’associazione Alice Ferrara ha donato un dispositivo attrezzato all’ospedale Sant’Anna Servirà per aiutare gli...

Non dormiamoci sopra -OSAS patologia silente rumorosa - Sabato 26 maggio 2018 - AOSTA

A.L.I.Ce. VdA è lieta di invitarvi al Convegno, patrocinato da A.L.I.Ce. Valle d'Aosta onlus e organizzato dal Rotary Club di Aosta e...

ICTUS Un disturbo in crescente e preoccupante aumento

A fronte di un costante e preoccupante aumento di casi di ICTUS si registra una insensibilità e disattenzione da parte delle istituzioni...

A Napoli dall' 8 maggio: Mostra “ABILI OLTRE…in Viaggio

Riceviamo da parte del Presidente dell'Associazione No Profit Abili Oltre e volentieri pubblichiamo l'invito a partecipare...

OGGI IL CORO DI ALICE CUNEO ONLUS SI ESIBISCE IN CONCERTO A TORINO

Ritrovare la voce con il canto Il coro che sconfigge la malattia Oggi al San Camillo Il musicoterapista: «Il silenzio non è senza...

A Napoli la prima tappa di Riprenditi la Vita, campagna informativa su Ictus Cerebrale e Fibrillazione Atriale

Napoli, 14 maggio 2018 – Debutta a Napoli la terza edizione di “Riprenditi la vita”, la campagna informativa...