I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia - Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana

I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia

Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana

 

 

Sono stati recentemente presentati i risultati del “Progetto FAI: la Fibrillazione Atriale in Italia”,finanziato dal Centro per il Controllo delle Malattie del Ministero della Salute(Progetti CCM 2015), promosso dal Dipartimento NEUROFARBA dell’Università degli Studi di Firenze,coordinato dalla Regione Toscanae sviluppato incollaborazione con l’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Obiettivo principale del Progetto è stato quello di valutare la frequenza della fibrillazione atriale (FA)determinando il rischio cardioembolico e l’aderenza agli standard internazionali di trattamento, in un campione di popolazione anziana in Italia. 

“Il Progetto FAI ha permesso di stimare, per la prima volta nel nostro Paese, la frequenza della fibrillazione atrialein un campione rappresentativo della popolazione anziana italiana – ha dichiarato il Professor Domenico Inzitari, Responsabile Scientifico del Progetto, presso l’Università di Firenze(Dipartimento di Neuroscienze, Psicologia, Area del Farmaco e Salute del Bambino, NEUROFARBA) e Presidente del Comitato Tecnico Scientifico di A.L.I.Ce. ItaliaI tassi di prevalenza riscontrati indicano una frequenza elevata di questa importante aritmia negli anziani in Italia, che risulta, tuttavia, in linea con le stime più recenti attualmente disponibili nei Paesi occidentali, ed indica che nel nostro Paese, nella popolazione anziana, i pazienti affetti da fibrillazione atriale sono oltre 1.100.000”.

Per garantire la rappresentatività nazionale, il Progetto è stato sviluppato in 3 Unità Operativesituate al nord (in Lombardia, area di Bergamo), al centro(Toscana, Firenze) e al sud (Calabria, Vibo Valentia). Unaquarta Unità Operativa, situata a Firenze, si occupava di validare i dati cardiologici, compresa la lettura centralizzata di tutti gli elettrocardiogrammi effettuatinel Progetto. 

Il campione totale del Progetto era costituito da tutti gli ultrasessantacinquenni assistiti dai MMG partecipanti, per un totale di circa 6000 soggetti, ovvero 2000 per Unità Operativa. I soggetti coinvolti nel Progetto sono stati sottoposti ad una doppia procedura di screening, domiciliare e ambulatoriale, seguita da una fase di conferma diagnostica che prevedeva l’esecuzione di un ECG, eseguito presso lo studio del MMG. Tutti gli ECG venivano poi valutati attraverso una lettura centralizzata da parte dei cardiologi dell’Unità Operativa di Firenze.

Nel campione totale, la prevalenza della fibrillazione atrialenei soggetti ultrasessantacinquenni è del 7,3% e risulta più alta nei maschi, con un tasso dell’8,6%, mentre nelle femmine la prevalenza è del 6,2%. I tassi standardizzati sulla popolazione italiana indicano una prevalenza totale della fibrillazione atriale dell’8,3%, con tassi del 9,1% nei maschi e del 7,3% delle femmine. Questo dato indica che in Italia un anziano su 12 è affetto da fibrillazione atriale.

La prevalenzadella fibrillazione atriale è strettamente correlata all’età: i tassi vanno, infatti, dal 3% nei soggetti nella fascia d’età 65-69 anni al 16,1% nei soggetti ultraottantacinquenni.

Lo studio si è proposto, inoltre, di valutarenei casi di FA già diagnosticati, le terapie in corso e le eventuali motivazioni del non trattamento, applicando i criteri internazionali di valutazione, sviluppando e validando, inoltre, una metodologia di screening e conferma diagnostica della fibrillazione atriale direttamente trasferibile ai MMG e al SSN, nell’ambito delle azioni volte a ridurre gli ingenti costi sociali e sanitari legati a questa patologia. 

La fibrillazione atriale aumenta in maniera significativa il rischio di ictus cerebrale, ma i farmaci anticoagulanti attualmente disponibili consentono una riduzione di tale rischio di oltre il 70%. I dati acquisiti nel Progetto FAI indicano una buona aderenza alle linee guida relativamente al trattamento con farmaci anticoagulanti, con circa il 70% dei pazienti fibrillanti trattati.I dati indicano anche che le percentuali di pazienti trattati con i nuovi anticoagulanti stanno ormai raggiungendo quelle dei pazienti trattati con la vecchia terapia.

Emerge, però, un dato allarmante: il 30,7% dei pazienti del campione non viene ancora trattato con farmaci anticoagulanti.Alcuni per motivazioni obiettivamente valide, ma percentuali non trascurabili di pazienti sono senza trattamento per convinzioni ormai superate dalle linee guida più recenti, come la presenza di fibrillazione atriale parossistica, considerata talvolta meno pericolosa, o la convinzione che i soli farmaci antiaritmici o antiaggreganti forniscano una buona protezione. Ben il 14,3% del campione manifesta, inoltre, una scarsa compliance

I risultati emersi dal Progetto, considerando anche le differenze territoriali rilevate, forniscono la base conoscitiva per ulteriori interventi mirati a ridurre il peso di questa importante e frequente aritmiache costa al SSN, solo prendendo in considerazione i costi diretti determinati dal verificarsi di un ictus cerebrale, oltre un miliardo di Euro ogni anno.  

Blog - Commenti (0)
Accedi

Accedi

Recupera password

Registrati

Registrandoti dichiari di aver preso visione e dato il tuo consenso a {privacy}

Argomento del mese - ALICe Italia

NOVEMBRE - 2018

Riceviamo da Vincenzo Falabella Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap Fish Onlus e volentieri pubblichiamo: Appello: Molestie, abusi e violenze su donne con disabilità A tutte le associazioni delle persone con disabilità e dei loro familiari Una decina di giorni fa abbiamo lanciato, assieme a Differenza Donna, il progetto VERA (acronimo per...

Nuova Tappa del progetto SmartCARE

Il 19 luglio si svolgerà a Roma il prossimo meeting del progetto smartCARE_2, cofinanziato dalla Agenzia Spaziale Europea (ESA) e finalizzato alla erogazione di un servizio di tele-riabilitazione neuromotoria e cognitiva, a domicilio.   Il meeting ha carattere propedeutico rispetto allo svolgimento della seconda ed ultima campagna di prova e validazione in...

Sostieni A.L.I.Ce. Italia Onlus con il TUO 5xmille!

Cari Amici, A.L.I.Ce. Italia è iscritta al registro nazionale delle Onlus ed è fra i beneficiari del 5xmille sulla dichiarazione dei redditi. Sostieni A.L.I.Ce. Italia Onlus con il TUO 5xmille! Scegliendo di versare il 5 per mille a favore di A.L.I.Ce. Italia Onlus ci aiuterete a crescere e a sostenere tutte le nostre...

I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia - Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana

I veri numeri della Fibrillazione Atriale in Italia: ne soffre 1 anziano su 12; ben il 30,7% non è in terapia Presentati i risultati del Progetto FAI, finanziato dal CCM del Ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana     Sono stati recentemente presentati i risultati del “Progetto FAI: la Fibrillazione Atriale in Italia”,finanziato dal...

"L'impatto dell'ictus sulla popolazione Europea", finalmente disponibile la traduzione dello studio “The Burden of Stroke in Europe” commissionato da S.A.F.E.

La traduzione in lingua Italiana dello studio “The Burden of Stroke in Europe”: impatto dell’ictus sulla popolazione europea è finalmente disponibile sul nostro sito, nella sua versione finale e integrale, a cura di A.L.I.Ce. Italia Onlus. I dati che emergono dallo studio “Burden of Stroke”, condotto dai ricercatori del King’s College di Londra su...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Italiani, siamo di meno e più vecchi

Dopo un secolo di crescita costante, la popolazione italiana oggi diminuisce. E nello stesso tempo invecchia: nel 2050 saremo due milioni e mezzo in...

NON È MAI TROPPO TARDI! Over 65: il declino cognitivo si combatte con l’attività fisica

Allenandosi tre volte a settimana per sei mesi si ringiovanisce il cervello di 10 anni Chi mostra segnali di declino cognitivo dovrebbe tirar fuori...

Malattie non trasmissibili: ancora troppe morti premature nel mondo

IL RAPPORTO Malattie non trasmissibili: ancora troppe morti premature nel mondo Cancro, malattie cardiovascolari e respiratorie, diabete sono...

Italiani ossessionati dallo smartphone, ma non allenano il cervello

Solo il 5% degli Italiani allena e stimola correttamente il proprio cervello durante la giornata, mentre il 24% se ne dimentica completamente e non...

40 miliardi la spesa sanitaria privata nel 2018. Malati cronici e anziani i big spender

Gli ultrasessantenni hanno speso oltre la metà (23 miliardi) dei 40 miliardi complessivi di euro che nel 2018 gli italiani hanno speso di...

"CittadinanzAttiva": bene il nuovo Piano per le liste d'attesa

Cittadinanzattiva giudica «positivamente» il nuovo Piano nazionale delle liste di attesa del Governo perché «volto ad...

L'ALLARME: Dalle stelle alle stalle e ritorno. Così le fluttuazioni di reddito fanno impazzire il cuore

L’instabilità economica raddoppia il rischio di infarti e ictus e di morte prematura Chi non può contare su entrate stabili da...

AZIENDE E REGIONI: Partecipazione civica in sanità, Italia ai primordi. Serve un Patto per implementare le politiche e ridurre le disparità

«L'attuazione del Servizio sanitario nazionale compete allo Stato, alle Regioni e agli enti locali territoriali, garantendo la...