Cosa pensano 100 gruppi di pazienti italiani di 23 aziende farmaceutiche nel 2019

NOTIFICA DI NUOVA PUBBLICAZIONE PATIENTVIEW

Questa è la sesta edizione di "The Corporate Reputation of Pharma - From the Perspective of Italian Patient Groups".

Questi risultati del 2019 sono tratti da un sondaggio condotto su gruppi di pazienti italiani, condotto tra novembre 2019 e febbraio 2020.

 

Informazioni sul sondaggio 2019 dei gruppi di pazienti italiani

I 100 gruppi di pazienti italiani intervistati del 2019 sono specializzati in 45 diverse aree terapeutiche.

I 100 gruppi di pazienti italiani avevano i seguenti compiti geografici: 6% un mandato internazionale; 61% di competenza nazionale; 22% regionale (all'interno di un paese); e l'11% locale.

 

Sulle relazioni che i gruppi di pazienti italiani hanno avuto con Pharma, 2019

Il 63% dei 100 gruppi di pazienti italiani che hanno risposto al sondaggio del 2019 ha lavorato con almeno una società farmaceutica.

Le 23 società incluse per la valutazione nelle analisi di "Corporate-Reputation" italiane del 2019 (in ordine alfabetico):

AbbVie | Amgen | AstraZeneca | Bayer | Biogen | Boehringer Ingelheim | Bristol Myers Squibb | Celgene | Chiesi Farmaceutici | Eli Lilly | GSK | Janssen | Menarini | Merck & Co / MSD | Merck KGaA | Novartis | Novo Nordisk | Pfizer | Roche | Sandoz | Sanofi | Takeda / Shire | Teva

 

Una nota su COVID-19 e i risultati dello studio del 2019

Covid-19 dovrebbe avere un impatto relativamente limitato su molti dei risultati dello studio "Corporate-Reputation" del PatientView 2019, poiché il sondaggio si è svolto (da novembre 2019 a fine febbraio 2020) in gran parte prima che la crisi diventasse globale. Tuttavia, i primi annunci su Covid-19 di alcune aziende farmaceutiche (tra gennaio e febbraio 2020) potrebbero aver influenzato le opinioni dei gruppi di pazienti italiani che hanno risposto al sondaggio sulla "reputazione aziendale" durante gli ultimi due mesi del sondaggio.

 

Cosa contiene questo rapporto

Analisi a livello di settore: il rapporto "Corporate-Reputation" italiano del 2019 esamina le questioni importanti per i gruppi di pazienti italiani, tra cui:

• livelli di innovazione del settore;

• accesso ai trattamenti;

• trasparenza del settore;

• prezzi dei farmaci.

 

Le analisi sono rafforzate da un ampio feedback da parte dei gruppi di pazienti italiani rispondenti del 2019 [che si trovano nell'Appendice I], organizzati in base alle specialità di malattia dei gruppi di pazienti rispondenti.

Analisi delle singole società: le 23 aziende farmaceutiche vengono esaminate dai 100 gruppi di pazienti italiani rispondenti del 2019 per la reputazione aziendale complessiva e per le prestazioni in 12 singoli indicatori di reputazione aziendale.

 

I 12 indicatori utilizzati per misurare la reputazione aziendale dal punto di vista del paziente

Principali risultati a livello di settore per l'Italia, 2019

Nonostante abbiano espresso un atteggiamento generalmente positivo nei confronti dell'industria farmaceutica, i 100 gruppi di pazienti italiani rispondenti nel 2019 erano preoccupati per le politiche sui prezzi dei farmaci e per i livelli di trasparenza del settore.

I gruppi di pazienti italiani intervistati del 2019 (come i loro pari in tutto il mondo) sono stati più positivi sulla reputazione aziendale dell'industria farmaceutica rispetto ai gruppi di pazienti italiani che hanno risposto al sondaggio del 2018. Circa il 59% dei gruppi di pazienti italiani del 2019 ha descritto la reputazione aziendale del settore come “Eccellente” o “Buona”, rispetto al 56% che afferma lo stesso nel 2018.

I gruppi di pazienti italiani hanno, dal 2014, costantemente classificato la reputazione aziendale del settore farmaceutico superiore ai loro pari nella maggior parte delle altre parti del mondo [vedi tabella sotto].

 

La reputazione aziendale dell'industria farmaceutica, Italia v. Globale, 2014-2019 (percentuale di gruppi di pazienti intervistati che dichiara "Eccellente" o "Buono")

La maggior parte dei gruppi di pazienti italiani apprezza senza dubbio i prodotti di alta qualità dell'industria farmaceutica. Il 50% delle 100 organizzazioni di pazienti italiane intervistate nel 2019 ha descritto il settore come “Eccellente” o “Buono” nella creazione di prodotti di alta qualità (sebbene questa cifra sia scesa sull'equivalente del 2018 del 61%).

 

Tuttavia, a parte la loro valutazione relativamente alta per la capacità dell'industria farmaceutica di fornire prodotti di alta qualità a beneficio dei pazienti, la maggior parte dei gruppi di pazienti italiani intervistati del 2019 ha contrassegnato l'industria in modo meno favorevole per una serie di altre attività importanti per i pazienti italiani.

 

Indubbiamente, il pensiero dei gruppi di pazienti è stato influenzato dal fatto che le questioni relative alla tariffazione dei farmaci e alla trasparenza hanno dominato la scena farmaceutica italiana per tutto il 2019. In effetti, nell'agosto 2019, l'Italia ha pubblicato un decreto sulle nuove regole per la negoziazione dei prezzi dei farmaci con lo Stato, che richiedono maggiori trasparenza negli accordi di attualizzazione precedentemente riservati.

 

Rapporti tra gruppi di pazienti italiani e farmaceutica, 2019

Questi sforzi compiuti dall'Italia per migliorare la trasparenza delle trattative sui prezzi dei farmaci con lo Stato hanno aumentato le tensioni tra l'industria farmaceutica e le organizzazioni di pazienti italiane nel 2019.

Solo il 29% dei 100 gruppi di pazienti italiani intervistati nel 2019 ha giudicato il settore farmaceutico “Eccellente” o “Buono” in relazione con i gruppi di pazienti partner (la percentuale equivalente dei gruppi di pazienti in tutto il mondo era del 42%).

 

Percentuale di gruppi di pazienti italiani intervistati che afferma che il settore farmaceutico è stato "Eccellente" o "Buono" per l'innovazione, 2015-2019

Percentuale di gruppi di pazienti italiani intervistati che afferma che il settore farmaceutico è stato "Eccellente" o "Buono" nelle relazioni gruppo-paziente, 2016-2019

Prezzi, trasparenza e accesso ai medicinali, 2019

> Sulle politiche di prezzi equi: solo l'8% dei 100 gruppi di pazienti italiani intervistati del 2019 ritiene che l'industria farmaceutica sia "eccellente" o "buona" per avere politiche di prezzi equi.

> Sulla trasparenza delle politiche tariffarie: solo il 13% delle 100 organizzazioni di pazienti italiane intervistate nel 2019 ha ritenuto l'industria farmaceutica "eccellente" o "buona" in materia di trasparenza delle politiche di tariffazione (sebbene questo sentimento negativo sia stato echeggiato da gruppi di pazienti in tutto il mondo, il 14% dei 1.850 gruppi di pazienti intervistati nel 2019 in tutto il mondo hanno dichiarato lo stesso).

> Sull'accesso ai medicinali: solo il 22% dei 100 gruppi di pazienti italiani del 2019 ha ritenuto che l'industria farmaceutica fosse "eccellente" o "buona" nell'aiutare i pazienti ad accedere ai loro farmaci (rispetto a una percentuale del 26% dei gruppi di pazienti rispondenti nel 2019 in tutto il mondo).

 

La Lega Italiana Sclerosi Sistemica [APS), ha richiesto un migliore accesso ai farmaci attraverso meccanismi di tariffazione più equi: “Equo accesso, ovvero un prezzo che potrebbe essere sostenuto dal Servizio sanitario italiano e che porti il farmaco a un numero più ampio possibile di pazienti (vedere Biologico vs Biosimilare). Il pagamento ai risultati è stato un compromesso eccellente nelle terapie CAR-T.”

 

Principali risultati dell'azienda per l'Italia, 2019

Roche è stata classificata al 1 ° posto su 23 aziende per reputazione aziendale in Italia nel 2019 dai 74 gruppi di pazienti italiani che hanno avuto familiarità con l'azienda. Roche è stata classificata al 2 ° posto su sette tra i 33 partner italiani del gruppo di pazienti.

 

Novo Nordisk è stato classificato al 2 ° posto su 23 aziende per reputazione aziendale in Italia nel 2019 dai 26 gruppi di pazienti italiani intervistati che hanno familiarità con l'azienda. Troppi dei partner italiani del gruppo di pazienti di Novo Nordisk hanno risposto al sondaggio del 2019 per consentire analisi lavorative della società.

 

Pfizer è stata classificata al 3 ° posto su 23 aziende per reputazione aziendale in Italia nel 2019 dai 64 gruppi di pazienti italiani che hanno familiarità con l'azienda. Pfizer è stata classificata al primo posto nel 2019 su sette aziende dai suoi 22 partner del gruppo di pazienti italiani intervistati.

 

Confrontando solo le 14 maggiori aziende farmaceutiche ("big pharma"), Italia, 2019 vs 2018

Per consentire confronti peer-to-peer dei risultati, PatientView ricalcola le classifiche globali per i 12 indicatori di reputazione aziendale solo per le 14 più grandi aziende farmaceutiche multinazionali e multinazionali.

Questi risultati del "big-pharma" forniscono una prospettiva diversa su come le più grandi aziende farmaceutiche valutano la reputazione aziendale, consentendo analisi peer-to-peer reali. (Takeda / Shire è stato aggiunto a questo elenco nel 2019 per la prima volta.)

 

Per ulteriori informazioni sull'ultima pubblicazione di PatientView, "The Corporate Reputation of Pharma — From the Perspective of Italian Patient Groups, 2019", utilizzare contattare Alex Wyke ~ Tel.: + 44- (0) 7960-855-019 ~ Email: report@patient-view.com

 

Per scaricare il contenuto della pubblicazione, l'elenco di tabelle e grafici e materiali di esempio, link a pagine campione dell'analisi italiana 2019

 

Data di pubblicazione: martedì 21 luglio 2020

 

 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

QUESTIONARIO: “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE”

Invito a compilare questionario anonimo per la Campagna informativa sulla Legge 38/2010 “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE” C_17_campagneComunicazione_11_listaFile_itemName_0_file.pdf Riceviamo e volentieri condividiamo l'invito a partecipare alla compilazione del questionario online nell'ambito della Campagna di informazione sulla Legge 38 del 2010, su “Disposizioni...

COMUNICAZIONE PAUSA ESTIVA: TEMPO DI VACANZE

  A tutti i nostri soci, lettori e amici Siamo nel pieno dell'estate: agosto è un mese in cui tornare a sorridere, a ricaricare le energie, a dedicare il tempo agli interessi e ai progetti rimasti nel cassetto, quest’anno più che mai. In questi mesi non ci siamo mai fermati e adesso ci prenderemo solo una breve pausa estiva, cercando in questo periodo di continuare...

Coronavirus/Fnopi, infermieri pronti a sostenere il rientro a scuola in sicurezza

LAVORO E PROFESSIONE Garantire la salute nelle scuole fa parte delle caratteristiche proprie della professione infermieristica: professionisti laureati, formati ad hoc, esperti di comunicazione ed educazione sanitaria e anche dipendenti già delle strutture sanitarie. È quanto afferma Barbara Mangiacavalli presidente Fnopi secondo cui "tutta la comunità infermieristica,...

Prima è meglio. La salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di sigarette hanno alle spalle

Lo studio A soffrire di Bpco è il 32,7% delle persone con più di quarant’anni di fumo alle spalle e "solo" il 9,1% di chi ha fumato meno di dieci anni.  Smettere di fumare è la scelta giusta, ma è meglio farla anche al momento giusto. Ossia il prima possibile. Perché la salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di dipendenza dal...

Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal CoVid-19 sta comportando danni collaterali alle persone con condizioni invalidanti di diversa eziologia; le restrizioni imposte, necessarie per contenere la diffusione del virus, limitano l'accesso a molti servizi sanitari, tra cui la riabilitazione....