Un mondo più green e solidale, il sondaggio tra Millennial e GenZ

la pandemia non cancella la speranza, ma sul lavoro c’è più paura

Uno studio di Deloitte ha fatto le stesse domande prima e dopo la pandemia a quasi 3mila giovani di 40 Paesi diversi: quel che ne è emerso è un quadro complesso ma per nulla rassegnato

Il disastro climatico è già avvenuto, ma non è troppo tardi per limitarne le conseguenze. Il primato del profitto sull’essere umano è la realtà in cui viviamo, ma non è l’unico mondo possibile. Secondo quanto è emerso da uno studio di Deloitte, i millennial e i giovanissimi della Generazione Z (GenZ) non hanno perso le speranze per il futuro. E pensano che la crisi sanitaria ed economia da Coronavirus possa essere una lezione da cui imparare per ricominciare.

L’epoca tardo-capitalista e post-pandemia non è l’apocalisse – con buona pace di tutte le serie tv sulla fine dell’umanità. Gli effetti del Covid e le rotture provocate dal lockdown con il “vecchio” hanno messo sotto i loro occhi la possibilità concreta del cambiamento. Nello studio «The Deloitte Global Millennial Survey 2020», pubblicato a inizio luglio, i ricercatori hanno analizzato le opinioni di quasi 28mila persone in oltre 40 Paesi tra gli 11 e i 39 anni, sia prima che dopo la diffusione del Covid-19. Quel che ne è emerso è una visione consapevole delle criticità, ma anche la voglia di praticare il cambiamento – rinforzata dalla stessa pandemia.

Screen dallo studio Deloitte «The Deloitte Global Millennial Survey 2020»

«Le giovani generazioni sanno che la società post-pandemia può essere migliore della precedente – scrivono nello studio – e sono tenaci abbastanza da farla diventare realtà». Quel che è emerge è un quadro complicato, ma sicuramente ambizioso:

  • Quasi la metà degli intervistati nel pre-pandemia (il 48%) si sentiva stressata per la maggior parte del tempo. Ma le rotture con i modelli del passato prospettate dalla pandemia hanno fatto scendere i livelli di ansia di 8 punti in entrambe le generazioni;

  • Prima della pandemia, la metà degli intervistati era certa che fosse troppo tardi per riparare ai danni del disastro climatico. Una percezione che è migliorata guardando all’impatto del lockdown sui livelli di inquinamento: vedere come una riduzione dei ritmi produttivi abbia migliorato le cose ha ridato speranza per il futuro;

  • La pandemia ha portato un senso più forte di responsabilità individuale. I tre quarti degli intervistati hanno dichiarato che la pandemia li ha resi più empatici verso gli altri e desiderosi di avere un impatto positivo sulle loro comunità;

  • Entrambe le generazioni hanno dichiarato che da ora in poi saranno più impegnate nel preferire i commercianti locali alle grandi multinazionali

La nota dolente: le prospettive sul lavoro e sull’economia

L’idillio ottimistico resta comunque sporcato dalle preoccupazioni in campo economico e lavorativo. In tutti i Paesi presi in considerazione, le giovani generazioni vedono nelle loro finanze la prima fonte di stress e la maggior parte di loro ha ora più remore nel cambiare posto di lavoro e buttarsi in un’altra realtà.

Screen dallo studio Deloitte «The Deloitte Global Millennial Survey 2020»

In Italia, nello specifico, la fiducia nel fatto che la situazione economica migliorerà nel post-pandemia è scesa di due punti tra i millennial e di 1 tra la GenZ rispetto alla domanda sul futuro posta prima del Covid-19.

Prima della pandemia, il 30% dei millennial e il 40% per cento della GenZ aveva
preso una pausa dal lavoro a causa dello stress. Ora, in questo senso, pare esserci meno coraggio. L’Italia, inoltre, gioca una partita a sé anche per quanto riguarda l’interesse sulle questioni ambientali: dal 43% di gennaio si è passati al 35% di aprile.


 

Fonte: OPEN ONLINE articolo di Giada Ferraglioni 13 luglio 2020


 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

QUESTIONARIO: “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE”

Invito a compilare questionario anonimo per la Campagna informativa sulla Legge 38/2010 “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE” C_17_campagneComunicazione_11_listaFile_itemName_0_file.pdf Riceviamo e volentieri condividiamo l'invito a partecipare alla compilazione del questionario online nell'ambito della Campagna di informazione sulla Legge 38 del 2010, su “Disposizioni...

COMUNICAZIONE PAUSA ESTIVA: TEMPO DI VACANZE

  A tutti i nostri soci, lettori e amici Siamo nel pieno dell'estate: agosto è un mese in cui tornare a sorridere, a ricaricare le energie, a dedicare il tempo agli interessi e ai progetti rimasti nel cassetto, quest’anno più che mai. In questi mesi non ci siamo mai fermati e adesso ci prenderemo solo una breve pausa estiva, cercando in questo periodo di continuare...

Coronavirus/Fnopi, infermieri pronti a sostenere il rientro a scuola in sicurezza

LAVORO E PROFESSIONE Garantire la salute nelle scuole fa parte delle caratteristiche proprie della professione infermieristica: professionisti laureati, formati ad hoc, esperti di comunicazione ed educazione sanitaria e anche dipendenti già delle strutture sanitarie. È quanto afferma Barbara Mangiacavalli presidente Fnopi secondo cui "tutta la comunità infermieristica,...

Prima è meglio. La salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di sigarette hanno alle spalle

Lo studio A soffrire di Bpco è il 32,7% delle persone con più di quarant’anni di fumo alle spalle e "solo" il 9,1% di chi ha fumato meno di dieci anni.  Smettere di fumare è la scelta giusta, ma è meglio farla anche al momento giusto. Ossia il prima possibile. Perché la salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di dipendenza dal...

Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal CoVid-19 sta comportando danni collaterali alle persone con condizioni invalidanti di diversa eziologia; le restrizioni imposte, necessarie per contenere la diffusione del virus, limitano l'accesso a molti servizi sanitari, tra cui la riabilitazione....