RELAZIONI PERICOLOSE Attenzione al girovita: se aumenta il grasso si riduce la materia grigia

Il cervello può rimpiccolirsi di 12 centimetri cubici

C'è un’associazione tra grasso addominale e atrofia della materia grigia. Ma restano dei punti da chiarire: è il sovrappeso a causare le anomalie cerebrali o viceversa? E poi: dimagrendo il volume del cervello aumenta?

Si allarga il girovita, si restringe il cervello. Secondo uno studio recentemente pubblicato su Neurology esiste un’associazione tra i chili di troppo accumulati intorno all’addome (obesità centrale) e la riduzione del volume della materia grigia cerebrale. È un legame pericoloso quello messo in luce dai ricercatori della Loughborough University nel Regno Unito visto che l’atrofia della materia grigia sembrerebbe aumentare il rischio di sviluppare forme di demenza.

Gli scienziati hanno analizzato l’indice di massa corporea (body mass index, Bmi) e il rapporto tra vita e fianchi (waist-to-hip ratio, Whr) di 9.652 abitanti del Regno Unito dall’età media di 55 anni. I due parametri non danno scampo: chi ha un indice di massa corporea superiore a 30 viene considerato obeso e chi ha un rapporto tra vita e fianchi superiore a 0,90, se si tratta di un uomo, e 0,85, se è donna, ha un girovita pericolosamente fuori misura. In base a questi criteri i ricercatori hanno giudicato obeso un partecipante su cinque.

Il volume del cervello è stato poi misurato con la risonanza magnetica. Cosa si è scoperto? Le persone che superavano i valori normali di entrambi gli indici, Bmi e Whr, avevano un ridotto volume di materia grigia. I ricercatori hanno osservato che il rapporto tra chili di troppo e dimensioni del cervello è inversamente proporzionale: aumenta il grasso, soprattutto intorno alla vita, diminuisce il volume della materia grigia. Lo dimostrano i numeri che riportiamo di seguito.

Nelle 1.291 persone che avevano un indice di massa corporea superiore a 30 e un elevato rapporto tra vita e fianchi il volume della materia grigia era in media di 786 centimetri cubici, il più basso registrato nello studio. Nelle 514 persone con un Bmi superiore a 30 ma con un girovita nella norma la sostanza grigia misurava in media 793 centimetri cubici. Infine, nei 3mila individui con valori normali di Bmi e Whr le dimensioni della materia grigia salivano a 798 centimetri cubici. Insomma, la “ciccia” fa perdere 12 centimetri cubici di materia grigia.

«La combinazione di un aumento del Bmi e del Whr può essere considerata un importante fattore di rischio per l’atrofia della materia grigia», scrivono gli scienziati nelle conclusioni.

Le immagini della risonanza magnetica hanno dimostrato che il grasso in eccesso produce un restringimento della materia grigia in specifiche regioni del cervello: il globo pallido, il nucleus accumbens, il putamen e il nucleo caudato. Il fatto che tutte queste aree siano coinvolte nei processi di motivazione e ricompensa non può essere sottovalutato.

Potrebbe darsi infatti che proprio queste anomalie del cervello siano all’origine dell’obesità.

Il legame tra obesità e cervello non è del tutto nuovo. Era già emerso in precedenti studi ma non era mai stato dimostrato in un campione così ampio. Inoltre, non era ancora stato attribuito un ruolo chiave a uno specifico tipo di grasso, quello che si accumula intorno alla vita.

Restano però ancora un paio di aspetti non marginali da chiarire: qual è il meccanismo che lega il grasso addominale al volume della materia grigia? E poi, soprattutto, perdendo peso le dimensioni del cervello possono aumentare?

Da queste domande prenderanno il via le future ricerche sull’associazione tra obesità e cervello.

Fonte: HealthDesk redazione 14 gennaio 2019

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

L'ictus pediatrico colpisce un bimbo su mille. Sintomi e prevenzione

L'ictus è una patologia neurologica che colpisce ogni anno 9mila persone. L'età si sta abbassando, sempre più. Abbiamo incontrato Clara, una bimba che nella sua disabilità è diventata pittrice https://www.rainews.it/tgr/veneto/video/2019/04/ven-ictus-pediatrico-colpisce-un-bimbo-su-mille-sintomi-e-prevenzione-efbcec5d-b3ed-4402-92df-c0b9f7c79a92.html

“Caregiver Day” 2019: radici di cura e nuove traiettorie

COMUNICATO STAMPA Buone pratiche, servizi e tecnologie per sostenere i familiari che assistono propri cari Clicca qui per scaricare la locandina   “Radici di cura e nuove traiettorie” è il filo conduttore della nuova edizione del “Caregiver Day”: giornate dedicate al caregiver familiare (chi si prende cura di un proprio caro malato, disabile,...

Eventi A.L.I.Ce. Piacenza

http://www.alicepiacenza.it http://www.aliceitalia.org/uploaded/LOCANDINA afasia coro e mostra .pdf   http://www.aliceitalia.org/uploaded/LOCANDINA afasia def con loghi.pdf

MANGIARE MALE UCCIDE PIÙ DEL FUMO

Nel 2017 gli errori della tavola hanno causato 11 milioni di morti. Due milioni sono state causate dallo scarso consumo di frutta   La principale causa di morte nel mondo? Il cibo, o meglio la cattiva alimentazione. Il fumo, per intenderci, fa meno vittime.   Nel 2017 per colpa di diete malsane sono morte nel mondo 11 milioni di persone, mentre il tabacco, secondo i dati...

DAL GOVERNO: Istat: Italia anziana d'Europa e senza ricambio generazionale

Italia prima in Europa per indice di vecchiaia - con 168,9 anziani ogni cento giovani - e tra i primi sei Paesi per indice dipendenza, con 56,1 persone in età non lavorativa ogni cento in età lavorativa. Non si ferma - spiega l'Istat nel focus "Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo", pubblicato sul sito dell'Istituto con dati aggiornati al...