Infermieri. Tonino Aceti lascia Cittadinanzattiva e diventa il “portavoce” della Fnopi

"Lavorerò affinché l’Ordine delle Professioni infermieristiche sia sempre più in grado di rispondere alle esigenze e alle aspettative di cittadini e infermieri”, ha dichiarato Aceti. “La nostra professione ha come scopo il rapporto coi pazienti e in questo la figura di Tonino Aceti assume un ruolo determinate e direttamente coinvolgente”, ha affermato la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli.

01 FEB - Tonino Aceti è da oggi il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) che rappresenta gli oltre 445mila infermieri iscritti agli Ordini.
 
Aceti, 39 anni, ha ricoperto fino al gennaio scorso il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva.

Nel 2013 è riconosciuto dalla Rivista Wired.it tra i 50 Under 35 più promettenti d’Italia.

È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ha partecipato ai lavori della Commissione nazionale per la stesura del Piano Nazionale della Cronicità ed è stato componente della sua cabina di regia nazionale. Ha fatto parte del Comitato Tecnico Sanitario del ministero della Salute - sezione Cure Palliative e Terapia del Dolore L. 38/2010 e del Tavolo Innovazione istituito presso lo stesso ministero. È componente del Comitato Nazionale del Programma Nazionale Esiti (PNE) presso l’AGENAS e ha fatto parte della Commissione ministeriale per la stesura del nuovo Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa 2018-2020.

“Il mio impegno non cambia - spiega Aceti - al centro continueranno a esserci sempre la salvaguardia e l’allargamento del perimetro del diritto alla salute delle persone, l’umanizzazione dell’assistenza, il contrasto alle disuguaglianze e il rilancio del Servizio sanitario pubblico. Lo farò insieme ai miei nuovi compagni di viaggio: gli infermieri. Lo farò contribuendo a orientare sempre più le politiche della professione infermieristica verso i diritti dei pazienti, verso i vecchi e nuovi bisogni delle comunità e del Ssn, in tutte le aree del Paese, soprattutto in quelle interne e più disagiate. Lo farò promuovendo il confronto e il dialogo con tutte le altre professioni sanitarie, con le Associazioni di cittadini e di pazienti e con le istituzioni tutte. Ho scelto gli infermieri - ha continuato Aceti - per la loro vicinanza h24 al letto del paziente, per la loro capacità di entrare con rispetto e competenza nelle case delle persone, perché rappresentano una leva fondamentale per ridurre le disuguaglianze, ma anche perché sono un grande motore per l’innovazione e la sostenibilità del Ssn.”

“C’è indubbiamente molto da lavorare perché – prosegue Aceti – una delle vere necessità del nostro servizio sanitario pubblico e che pubblico deve restare, è raggiungere la perfetta sinergia, collaborazione e condivisione tra le professioni che di più sono vicine alle persone”.

“In questo senso – conclude Aceti – a fianco degli infermieri e con l’aiuto dei miei amici e compagni di viaggio in tutti questi anni di Cittadinanzattiva che ringrazio uno ad uno, alle altre organizzazioni di cittadini e pazienti, e dei miei amici medici, farmacisti e rappresentanti di tutte le professioni vicine alla salute dei cittadini, intendo aprire la strada a un nuovo modello, a una nuova era dell’assistenza che assuma consapevolezza delle necessità che ormai sono alle porte, senza alcuna strumentalizzazione di parte, nel rispetto ciascuno del suo ruolo e dei suoi compiti, ma soprattutto nel rispetto primario dei bisogni dei cittadini di cui io stesso mi faccio garante. Lavorerò – ha concluso - affinché l’Ordine delle Professioni infermieristiche sia sempre più in grado di rispondere alle esigenze e alle aspettative di cittadini e infermieri”.

"Per la Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri – ha detto la presidente, Barbara Mangiacavalli – è motivo di grande soddisfazione poter lavorare accanto a chi finora ha difeso quello che è il nostro obiettivo primario: la salute dei cittadini. E lo ha fatto e intende farlo con lo stesso spirito che gli infermieri ritengono l’unica strada percorribile per mantenere un Servizio sanitario nazionale davvero universalistico, senza diseguaglianze e senza divisioni: una multiprofessionalità e una multidisciplinarità basata sulla sinergica collaborazione con i medici e gli altri professionisti sanitari, che riconosca le professionalità acquisite e capaci di contribuire ad innalzare la qualità della risposta assistenziale”.

“La nostra professione – prosegue - ha come scopo il rapporto coi pazienti. È per noi un elemento valoriale importante sia professionalmente che per il ‘patto col cittadino’ che da anni ci caratterizza. Per noi è essenziale avere una relazione privilegiata con loro, per comprendere come ci vedono e come possiamo soddisfare nel modo migliore i loro bisogni di salute. In questo la figura di Tonino Aceti assume un ruolo determinate e direttamente coinvolgente”.

“Lavorare assieme per definire linee guida condivise tra tutti i professionisti della sanità, ognuno per la propria area di competenza e nell’interesse della corretta gestione del paziente – sottolinea Mangiacavalli -  è una necessità ormai indifferibile che non può essere fermata o rallentata da chi non ha capito come si è evoluta la figura e la professionalità dell’infermiere e anche tutte le altre figure professionali, sia nel senso delle capacità clinico-assistenziali, sia per quanto riguarda la responsabilità professionale e tenta, facendo ombra alla sua professionalità, di compiere manovre che con l’assistenza non hanno nulla a che fare e soprattutto non sono lo specchio della multiprofessionalità di cui ha bisogno il nostro sistema sanitario nei prossimi anni”.

“Da oggi in poi – conclude Mangiacavalli – e con una squadra sicuramente più forte, rappresentativa e coesa, questo è il nostro obiettivo”. 

 

Fonte: quotidianosanità.it 01/02/2019

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

MANGIARE MALE UCCIDE PIÙ DEL FUMO

Nel 2017 gli errori della tavola hanno causato 11 milioni di morti. Due milioni sono state causate dallo scarso consumo di frutta   La principale causa di morte nel mondo? Il cibo, o meglio la cattiva alimentazione. Il fumo, per intenderci, fa meno vittime.   Nel 2017 per colpa di diete malsane sono morte nel mondo 11 milioni di persone, mentre il tabacco, secondo i dati...

DAL GOVERNO: Istat: Italia anziana d'Europa e senza ricambio generazionale

Italia prima in Europa per indice di vecchiaia - con 168,9 anziani ogni cento giovani - e tra i primi sei Paesi per indice dipendenza, con 56,1 persone in età non lavorativa ogni cento in età lavorativa. Non si ferma - spiega l'Istat nel focus "Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo", pubblicato sul sito dell'Istituto con dati aggiornati al...

Infermieri: ecco il nuovo Codice deontologico. Più tutele per professionisti e assistiti

CLICCA QUI per scaricare il testo definitivo del Codice Deontologico degli Ordini delle professioni infermieristiche 2019 Il Codice deontologico degli infermieri non è una semplice enunciazione di regole: è il vero e proprio vademecum della professione, come questa deve svolgersi, come deve affrontare e risolvere i problemi, come deve rapportarsi con i pazienti, i colleghi, le...

Giornata mondiale della salute OMS: «Inaccettabile che metà della popolazione mondiale non abbia accesso ai servizi sanitari di base»

Il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus Si celebra oggi la Giornata mondiale della salute. E per l’occasione, il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus invita tutti i Paesi a uno sforzo concreto per raggiungere la copertura sanitaria universale entro il 2030.  Ecco il discorso di Tedros Adhanom Ghebreyesus per la...

Il futuro delle aziende farmaceutiche è trasformarsi in società di servizi per la salute

In un'economia che mostra un rallentamento generalizzato, il farmaceutico è uno dei pochi settori in costante crescita, con un ritmo superiore al 6% annuo. Ha raggiunto un valore complessivo mondiale di quasi 1.000 miliardi di Euro, ed è dello stesso ordine di grandezza l'ammontare di investimenti previsti nel prossimo quinquennio. Per l'economia italiana il farmaceutico...