Farmaci: l'Oms adotta la risoluzione dell'Italia sulla trasparenza dei prezzi

L'Organizzazione mondiale della sanità riunita a Ginevra ha adottato la risoluzione proposta dall'Italia sulla trasparenza del prezzo dei farmaci. «Una giornata storica», ha salutato il risultato il ministro della Salute Giulia Grillo in un messaggio su Twitter.

La risoluzione, sostenuta da una ventina di Paesi (Algeria, Andorra, Botswana, Brasile, Egitto, Eswatini, Grecia, India, Indonesia, Kenya, Luxembourg, Malesia, Malta, Portogallo, Federazione Russa, Serbia, Slovenia, Sud Africa, Spagna, Sri Lanka, Uganda e Uruguay), è stata discussa a porte chiuse dagli Stati membri, riuniti per oltre una settimana nella 72ª Assemblea mondiale della sanità. Nel testo adottato è stato ribadito il principio della trasparenza dei prezzi con l'esortazione agli Stati affinché "siano adottate misure appropriate per lo scambio pubblico di informazioni sui prezzi netti". Più sfumata la trasparenza riguardo le sperimentazioni cliniche e i costi di produzione dei farmaci. La risoluzione invita inoltre gli Stati a migliorare "la notifica pubblica delle informazioni sulla situazione dei brevetti e l'autorizzazione all'immissione in commercio dei prodotti sanitari".

Il testo della risoluzione prevede:

1) di adottare misure appropriate per condividere pubblicamente le informazioni sui prezzi netti;

2) di adottare le misure necessarie, per supportare la diffusione e il miglioramento di disponibilità e accesso ai dati dei risultati aggregati e i costi delle sperimentazioni cliniche su soggetti umani indipendentemente dai risultati o se i risultati supporteranno un'applicazione per l'approvazione del marketing, assicurando al tempo stesso riservatezza al paziente;

3) di collaborare per migliorare la segnalazione delle informazioni da parte dei fornitori di prodotti autorizzati per la salute, come rapporti sui ricavi di vendita, prezzi, unità vendute, costi di marketing, sussidi e incentivi;

4) di facilitare il miglioramento della segnalazione pubblica delle informazioni sullo stato dei brevetti e dello stato di approvazione dei prodotti sanitari;

5) di migliorare le capacità nazionali, anche attraverso la cooperazione internazionale, la ricerca aperta e collaborativa per lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di prodotti sanitari, specialmente nei paesi in via di sviluppo e nei paesi a reddito medio-basso.

«Il nostro impegno per la trasparenza è concreto - ha spiegato Giulia Grillo - e il successo della nostra risoluzione lo dimostra. Non era facile, non era scontato. Da oggi possiamo iniziare a parlare tutti un nuovo linguaggio. Finalmente nuovi standard per la trasparenza aiuteranno ogni Paese nella contrattazione dei prezzi dei farmaci: da quelli "di base" alle terapie più innovative che solo in pochi oggi possono permettersi. Lo scenario deve cambiare, il mondo chiede la rivoluzione della trasparenza perché tutti, anche i più poveri, possano avere diritto a curarsi e a dare un futuro diverso ai propri figli».

Nei giorni scorsi, una cinquantina di Ong, tra cui Medici senza frontiere, avevano chiesto l'adozione di una risoluzione "forte". Ma alla fine dopo una lunga e serrata trattativa che ha coinvolto, tra gli altri, la Germania, la Svizzera, gli Stati Uniti e il Regno Unito è prevalso un testo più flessibile con un’indicazione chiara, tuttavia, della strada da percorrere in futuro.

«Il mondo intero ha creduto alla nostra proposta di risoluzione - ha concluso Grillo - che rappresenta una sfida per una maggiore equità nell'acceso alle cure e ora gli Stati si impegnano ad adottare i principi che abbiamo portato avanti perché non vi siano più barriere al diritto alla salute. Fino ad oggi mettere in discussione i criteri dei prezzi dei medicinali è stato un tabù, ma adesso qualcosa è cambiato. La decisione dell'Oms apre una nuova rotta nei negoziati sui prezzi dei farmaci, ponendo un principio di trasparenza da cui non si torna indietro. Negoziare sulla base di informazioni più complete porterà a migliorare il dialogo con l'industria, ad avere un mercato più competitivo e innovativo e quindi a comprare più salute a parità di risorse».

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

Comunicato stampa Fish: Ministro nuovo per sfide note

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato stampa, ricevuto dalla Federazione Italiana Superamento Handicap Fish, con l'augurio, assolutamente condiviso, di Buon Lavoro al nuovo Ministro per la disabilità e la famiglia, appena nominato, Alessandra Locatelli.  La FISH augura un buon lavoro al neo-ministro Alessandra Locatelli che da ieri ha ricevuto il testimone da Lorenzo...

Fibrillazione atriale: i pazienti destinati a raddoppiare entro il 2060

Sono stati pubblicati sulla rivista Europace, organo ufficiale della European Society of Cardiology e della European Heart Rhythm Association, i risultati del "Progetto Fai: la Fibrillazione atriale in Italia", finanziato dal Centro per il controllo delle malattie del ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana. Il Progetto Fai ha consentito di stimare, per la prima volta...

Value della spesa sanitaria: quando i numeri non bastano più

Gli approcci tradizionali per analizzare la spesa sanitaria si basano sul presupposto che l’intero ammontare della spesa sanitaria (pubblica, out-of-pocket e intermediata) determini un miglioramento della salute individuale e collettiva. In realtà, se il value è il rapporto tra outcome di salute rilevanti per il paziente e costi, gli sprechi e le inefficienze che consumano...

Farmacia e Cittadini - Compila e diffondi il questionario

Sai che la farmacia sempre più svolge un ruolo di presidio sanitario a disposizione dei cittadini e della loro comunità? Siamo interessati a conoscere la tua opinione, per questo ti chiediamo di dedicare qualche minuto alla compilazione di un breve questionario anonimo, e se ritieni, puoi diffonderlo tra i tuoi contatti. CLICCA QUI PER COMPILARE IL...

C’è sedentarietà e sedentarietà: restare incollati davanti alla Tv è più dannoso che stare seduti in ufficio

Per chi ha un lavoro che richiede di stare seduto per lunghi periodi di tempo, il consiglio è di sostituire il tempo trascorso a casa seduti con un intenso esercizio fisico La sedentarietà fa male. Ma, secondo uno studio della Columbia University, non si può più generalizzare: stare seduti al lavoro è meno dannoso che stare seduti davanti a un televisore. Il...