Liste di attesa e spesa privata: dati che confermano quanto denunciamo da anni.

Roma, 13 giugno 2019

Liste di attesa e spesa privata: dati che confermano quanto denunciamo da anni. Ora si finanzi adeguatamente il SSN e si rendano davvero esigibili e effettivi i LEA.

“Da tempo denunciamo che il definanziamento di fatto del SSN avvenuto in questi anni ha effetti deleteri sull’intero sistema. Non solo obbliga i cittadini a far ricorso al privato, ma ingenera un senso di frustrazione anche negli operatori, che molto spesso si vedono non messi in grado di rispondere alle esigenze di salute delle persone. I dati pubblicati oggi non fanno altro che certificare come reali i nostri timori”. Questo il commento di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva sui dati pubblicati oggi e relativi ad una ricerca Rbm-Censis.

“Abbiamo in più occasioni sottolineato come la somma di liste di attesa lunghe, costi spesso più convenienti nel privato (a causa, ad esempio del superticket che da solo sposta 2 milioni di cittadini dal sistema pubblico al privato - fonte Istat), piani di rientro e scarsa capacità di programmazione avrebbero acuito la distanza tra cittadini e uno dei pilastri fondamentali del nostro welfare che è appunto il SSN e aumentato il ricorso alle prestazioni a pagamento, e che da solo contribuisce a circa l’11% del Pil a fronte di un investimento intorno al 6,6%. La paventata soluzione di apertura ai sistemi assicurativi non può essere una soluzione, perché avrebbe in sé il paradosso, in mancanza del rispetto dei Lea, di acuire le disuguaglianze invece che diminuirle. E’ ora piuttosto di dare dei segnali chiari, e rimettere davvero i cittadini al centro, finanziando adeguatamente il Fondo sanitario nazionale affinché fornisca risposte adeguate e permettendo la reale esigibilità e effettività di quanto previsto nei LEA. Così come di attuare le norme che prevedono che in caso di non rispetto del recente Piano nazionale delle liste di attesa si proceda alla rimozione dei Direttori Generali delle ASL e AO responsabili”.

 
 
 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

27 ottobre ICTUS RACE: una giornata che può fare la differenza nel tuo futuro!

Abbiamo il piacere di invitarvi Domenica 27 ottobre 2019 dalle ore 9.00 presso lo Stadio Nando Martellini - Terme di Caracalla alla prima edizione della ICTUS RACE, una giornata di prevenzione dedicata a una tra le più feroci malattie causa di morte e invalidità, l'Ictus. Le recenti scoperte e un pronto intervento mirato e tempestivo consentono un netto miglioramento di salute...

Giornata di prevenzione - Puglia

Si tratta di un evento a particolare rilevanza sociale e scientifica, in quanto per la prima volta A.L.I.Ce. Puglia affianca il tema dell'ictus cerebrale a quello della Malattia di Fabry, una malattia genetica ereditaria causata dalla mutazione di un gene specifico. In questa occasione verrà effettuata la misurazione gratuita di importanti parametri per la valutazione del rischio...

INIZIATIVE PER LA GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS CEREBRALE

      INIZIATIVE PER LA GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS CEREBRALE     A.L.I.Ce. Carpi 9 novembre dalle ore 9 alle 14 presso il Centro Commerciale Borgogioioso di Carpipresidio sanitario con 12 infermieri, 4 medici e 1 OSS. Verranno effettuati screening gratuiti con rilievo colesterolo e glicemia oltre a Pressione Arteriosa con controllo aritmie. Scheda...

76 ° Congresso Fimmg-Metis/ Cartabellotta (Gimbe): «La Long Term Care pesa per 12 mld sulle famiglie, va fissato un fabbisogno socio-sanitario»

La Fondazione Gimbe ha presentato oggi al 76° Congresso nazionale Fimmg-Metis nella sessione “Tendenze demografiche e nuove povertà” un report che analizza la spesa sociale di interesse sanitario, in larga parte riconducibile al grande contenitore della long term care (Ltc) e stimata per il 2017 in quasi 42 miliardi di euro. Il presidente Nino Cartabellotta ha...

17 – 23 ottobre 2019: XII Giornata Nazionale dell’Afasia

  La Fondazione Carlo Molo onlus e AITA Piemonte onlus promuovono una campagna di sensibilizzazione alle problematiche legate all’Afasia, attraverso una serie di azioni/eventi. L’AFASIA è un disturbo relativo alla parola e, più genericamente alle difficoltà di comunicazione, che colpisce circa un terzo di coloro che sono vittime di ictus, ischemia,...