Gli infermieri: Piano cronicità ancora non attuato in tutte le Regioni

Si stima che nel 2020 le malattie croniche rappresenteranno l’80% di tutte le patologie nel mondo. Impegnano il 70-80% delle risorse sanitarie a livello mondiale. In Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa sanitaria annua valutabile in 700 miliardi di euro; 24 milioni le persone che in Italia nel 2017 ne soffrono, quasi 67 miliardi di euro la spesa complessiva in Italia.

L’Italia ha un Piano nazionale cronicità da settembre 2016, ma solo sedici Regioni lo hanno recepito, cinque ancora non danno segnali di attenzione e tra chi lo ha recepito solo quattro Regioni lo hanno fatto entro un anno, altre tre entro due e le altre sono arrivate fino ai 33 mesi della Calabria che tuttavia, a onor del vero, lo ha recepito subito dopo l’insediamento del commissario legato al “decreto Calabria”.

L’analisi e la ricognizione sul recepimento del Piano l’ha fatta Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi).

Aceti sottolinea che la mancata o ritardata attuazione ovvero l’attuazione a macchia di leopardo da parte delle Regioni, di leggi e atti di programmazione sanitaria nazionale già approvati «continua a rappresentare una tra le principali criticità dell’attuale governance del Servizio sanitario pubblico, che contribuisce a minare la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni e ad aumentare le attuali disuguaglianze che già esistono tra le Regioni».

Nei tempi di recepimento si passa dai due mesi della Puglia e i tre dell’Umbria sino ai 33 mesi della Calabria. Ci sono poi recepimenti puramente formali come per esempio quello del Molise e della Calabria e recepimenti più sostanziali con strategie e azioni puntuali per attuare concretamente i contenuti e il modello del Piano della cronicità. È il caso, solo per fare alcuni esempi, del Piemonte, dell’Umbria e del Veneto che lo ha recepito direttamente all’interno del proprio Piano sociosanitario regionale 2019-2023.

Secondo Aceti, ad aggravare questa situazione si aggiungono «le pesanti carenze di personale, con particolare riguardo a quello infermieristico». Tra carenze ordinarie e straordinarie di “Quota 100” e pensionamenti ordinari, in Campania mancheranno 8.580 infermieri, in Calabria 3.516, in Sardegna e Sicilia rispettivamente 2.740 e 8.034 unità.

Alla luce di tutto ciò secondo il portavoce Fnopi è prioritario rafforzare il ruolo del ministero della Salute di sostegno, coordinamento, indirizzo, verifica dei Lea (e relativo intervento quando necessario) nei confronti delle Regioni; riconoscere il recepimento e l’attuazione sostanziale del Piano cronicità da parte delle Regioni come vero e proprio “adempimento Lea”; valorizzare e mettere a sistema su tutto il territorio nazionale la figura dell’infermiere di famiglia e di comunità; realizzare e approvare un provvedimento nazionale che definisca gli standard qualitativi, strutturali, tecnologici dei servizi sanitari territoriali da garantire a tutti i cittadini in tutte le aree del Paese; garantire gli incrementi del Fondo sanitario nazionale per gli anni 2020 e 2021 e accelerare sul nuovo Patto per la salute.

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

Comunicato stampa Fish: Ministro nuovo per sfide note

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato stampa, ricevuto dalla Federazione Italiana Superamento Handicap Fish, con l'augurio, assolutamente condiviso, di Buon Lavoro al nuovo Ministro per la disabilità e la famiglia, appena nominato, Alessandra Locatelli.  La FISH augura un buon lavoro al neo-ministro Alessandra Locatelli che da ieri ha ricevuto il testimone da Lorenzo...

Fibrillazione atriale: i pazienti destinati a raddoppiare entro il 2060

Sono stati pubblicati sulla rivista Europace, organo ufficiale della European Society of Cardiology e della European Heart Rhythm Association, i risultati del "Progetto Fai: la Fibrillazione atriale in Italia", finanziato dal Centro per il controllo delle malattie del ministero della Salute e coordinato dalla Regione Toscana. Il Progetto Fai ha consentito di stimare, per la prima volta...

Value della spesa sanitaria: quando i numeri non bastano più

Gli approcci tradizionali per analizzare la spesa sanitaria si basano sul presupposto che l’intero ammontare della spesa sanitaria (pubblica, out-of-pocket e intermediata) determini un miglioramento della salute individuale e collettiva. In realtà, se il value è il rapporto tra outcome di salute rilevanti per il paziente e costi, gli sprechi e le inefficienze che consumano...

Farmacia e Cittadini - Compila e diffondi il questionario

Sai che la farmacia sempre più svolge un ruolo di presidio sanitario a disposizione dei cittadini e della loro comunità? Siamo interessati a conoscere la tua opinione, per questo ti chiediamo di dedicare qualche minuto alla compilazione di un breve questionario anonimo, e se ritieni, puoi diffonderlo tra i tuoi contatti. CLICCA QUI PER COMPILARE IL...

C’è sedentarietà e sedentarietà: restare incollati davanti alla Tv è più dannoso che stare seduti in ufficio

Per chi ha un lavoro che richiede di stare seduto per lunghi periodi di tempo, il consiglio è di sostituire il tempo trascorso a casa seduti con un intenso esercizio fisico La sedentarietà fa male. Ma, secondo uno studio della Columbia University, non si può più generalizzare: stare seduti al lavoro è meno dannoso che stare seduti davanti a un televisore. Il...