Si discute da tempo sul fatto se la pressione arteriosa sistolica, la pressione diastolica o entrambe contribuiscano al rischio cardiovascolare.

A quanto pare sono importanti entrambi

Entrambi i valori della pressione arteriosa, massima e minima (sistolica e diastolica) sono fortemente e in modo indipendente associati al rischio di ictus e di infarto. È il risultato di uno studio della Kaiser Permanente condotto su 36 milioni delle misurazioni della pressione da parte di più di un milione di persone che contraddice una consolidata convinzione: decenni di ricerche avevano spinto a ritenere che i valori elevati della sistolica fossero un indicatore più affidabile del pericolo di problemi cardiovascolari rispetto a valori alti della diastolica. Il nuovo studio, pubblicato sul new England Journal of Medicine, non passerà inosservato perché è la più ampia indagine mai condotta finora sull’impatto di entrambi i valori pressori presi separatamente l’uno dall’altro. Il risultato della ricerca con molta probabilità costringerà le società di cardiologia a modificare le linee guida sul rischio cardiovascolare invitando i medici a smettere di concentrarsi solo su un valore, ignorando l’altro come per lo più si è fatto finora.

Come abbiamo anticipato, i ricercatori hanno analizzato i risultati di 36 milioni di misurazioni della pressione raccolti durante le visite effettuate da 1,3 milioni di pazienti tra il 2007 e il 2016 nelle strutture della Kaiser Permanente, il consorzio sanitario americano con sede a Oakland in California costituito da 39 centri medici e 690 strutture sanitarie.

Val la pena ricordare in sintesi di cosa stiamo parlando: la sistolica, o massima, è il valore di pressione arteriosa nel momento in cui il cuore è in fase di contrazione, la diastolica rappresenta invece il valore della pressione arteriosa nel momento in cui il cuore si rilassa a cavallo tra due battiti cardiaci.

Mettendo a confronto separatamente i dati sui due valori della pressione e la salute cardiovascolare delle persone coinvolte nello studio, i ricercatori hanno osservato che, nonostante la pressione sistolica avesse effettivamente un impatto predittivo maggiore sul benessere del cuore, anche la diastolica influenzava il rischio di ictus e infarto indipendentemente dai valori della massima. Chi ha una pressione massima nella norma, ma una minima troppo alta, insomma, non può stare del tutto tranquillo.   

I partecipanti che avevano una pressione sistolica inferiore a 140mm/Hg (valore soglia oltre al quale si parla di ipertensione) e una distolica superiore o pari a 90mm/Hg (valore massimo considerato nella norma) erano più esposti al rischio di eventi cardiovascolari rispetto a pazienti con valori pressori normali tanto della massima quanto della minima. 

«Si discute da tempo sul fatto se la pressione arteriosa sistolica, la pressione diastolica o entrambe contribuiscano al rischio cardiovascolare. Questo studio che utilizza una grande quantità di dati longitudinali dimostra in modo convincente che entrambi i valori sono importanti e mostra che nelle persone che sono altrimenti in buona salute, valori della pressione sanguigna più bassi sono migliori», ha dichiarato ha detto Deepak L. Bhatt, professore di medicina alla Harvard Medical School e autore senior dello studio.

Così, nel valutare il rischio cardiovascolare di un paziente bisognerà tenere conto anche della pressione diastolica, offrendo interventi mirati nel caso in cui quest’ultima superi i valori normali anche in assenza di ipertensione sistolica. 

Fonte: HealthDesk redazione 23 luglio 2019

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

ANCHE QUEST’ANNO A.L.I.Ce. ITALIA ONLUS HA PARTECIPATO AL CONGRESSO SAFE

Nel mese di giugno si è tenuto il Convegno organizzato dalla Stroke Alliance for Europe (SAFE) al quale ha partecipato, come delegato di A.L.I.Ce. Italia Onlus, Claudio Mari, Presidente di A.L.I.Ce. Ferrara Onlus. Qui di seguito, un breve riepilogo di quanto discusso nel corso del Convegno. La Stroke Alliance for Europe è, come ben sapete, composta da organizzazioni benefiche ed...

Farmaci/Osmed certifica la spesa a 29 miliardi e praterie di efficientamento.

Li Bassi: «Sprint su generici e biosimilari». Garattini: «Si applichi la nuova governance» Spesa farmaceutica pubblica e privata ferma a 29 miliardi di euro sui livelli dell'anno scorso - con il 77% rimborsato dal Ssn e un pro capite di 482 euro - e con le componenti principali, territoriale e di acquisto da parte degli ospedali, rispettivamente a 20.781 milioni di...

La montagna d’estate è accessibile anche per chi ha avuto un ictus. I consigli di A.L.I.Ce. Italia Onlus

Roma, 18 luglio 2019 – La montagna è una meta molto ambita per la villeggiatura anche in estate perché consente di scappare dal caldo della città e dall’affollamento delle spiagge. Intraprendere viaggi lunghi e faticosi per raggiungere una località montuosa, spesso lontana dal luogo in cui si vive è però assolutamente sconsigliato per coloro...

Nelle regioni del mondo più povere, se i diritti delle donne vengono rispettati gli indicatori della salute sono più alti della media anche se i posti letto negli ospedali scarseggiano e il numero dei medici non è adeguato ai bisogni.

  La parità di genere fa bene. I Paesi in cui le donne possono vantare solidi diritti hanno una popolazione più sana e una crescita economica più rapida rispetto ai Paesi dove le pari opportunità sono ancora un miraggio. L’associazione vale anche per i Paesi con minori risorse economiche. È il risultato di un'indagine pubblicata sul British...

Anziani: semplificare la terapia anti-ipertensiva favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

Passando da chi usa un solo farmaco antipertensivo a chi invece ne utilizza tre l’aderenza quasi si dimezza, crollando dal 68% al 40%. Al contrario, passando da tre compresse con altrettanti principi attivi a una sola compressa che li contiene tutti e tre l’aderenza raggiunge l’85%. È quanto risulta da un'indagine di Senior Italia Federanziani, presentata...