Big Data in Health: Una «miniera d'oro» tutta da scoprire per incrociare dati su salute, stili di vita e ambiente

«I dati sono il nostro nuovo oro. Per beneficiarne dobbiamo sapere come estrarlo, raffinarlo e lavorarlo, mettendo insieme competenze multiple e creatività». Così Antonio Scala - chair della terza edizione della conferenza "Big Data in Health" che si apre oggi al Cnr a Roma fino al 4 ottobre, ricercatore dell’Istituto dei sistemi complessi del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e presidente della Big Data in Health Society che ha promosso la conferenza. «Questa nuova edizione - afferma - si propone come luogo in cui i vari attori del mondo della sanità e della salute si incontrano per fare rete e affrontare insieme i nodi centrali della questione nella speranza di non perdere quella che forse può essere considerata la nostra più importante occasione di migliorare la salute e la sanità italiana». Lo scopo è condividere risultati scientifici e linee di ricerca attuali e future, nonché di affrontare i temi caldi riguardanti la privacy dei pazienti e la sicurezza delle infrastrutture che devono proteggerli.
Potremmo avere sotto il nostro naso la risposta a malattie gravi come il cancro o l’Alzheimer - affermano gli esperti - e non saperlo ancora. Potremmo anche avere i mezzi necessari per rendere il nostro Sistema sanitario nazionale più sostenibile ed efficiente, cioè in grado di rispondere a tutti i bisogni dei cittadini senza sprechi, solo che oggi non li vediamo. E ancora: potremmo sapere già adesso se e in che modo i cambiamenti climatici e l’ambiente in generale stanno influenzando la nostra salute, e quali sono le vere minacce sanitarie del futuro, solo che oggi non lo sappiamo ancora. Semplicemente perché non abbiamo ben compreso come sfruttare tutte le potenzialità dei Big Data. In questa enorme mole di dati, riguardanti le più svariate discipline, potrebbero infatti celarsi tutte le risposte alle più urgenti domande di salute. Risposte che oggi possiamo ottenere grazie a metodi di analisi e tecnologie sempre più sofisticate. Serve solo volontà politica e stretta collaborazione tra università, enti di ricerca, istituzioni e aziende.
La prima giornata, organizzata in collaborazione con la Società italiana di Medicina ambientale (Sima), è dedicata ai Big Data relativi all’ambiente, agli stili di vita e alla salute. Si discute dell’opportunità di integrare queste tre campi per poter disporre di preziosissime informazioni che possono aiutarci a disegnare interventi sanitari più precisi e puntuali. Comprendere nel dettaglio che certe patologie sono collegate a stili di vita poco salubri o a problemi di tipo ambientale può suggerire nuove strategie di prevenzione e cura, così come suggerire ai decisori politici dove e come intervenire.
Ad aprire i lavori della giornata, il Ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, Sergio Costa che sottolinea come «il valore della naturalità esprime una profonda complessità che trova riscontro negli straordinari numeri della biodiversità animale e vegetale e dei parametri ambientali che il nostro Globo registra; ma anche le minacce naturali e antropiche toccano differenti livelli di scala e di complessità procurando alterazioni e cambiamenti nella stabilità degli ecosistemi, riducendo la funzionalità e la resilienza. Gli strumenti matematici e geostatistici per lo studio della complessità ambientale e delle possibili relazioni con la salute umana rappresentano uno strumento fondamentale per la comprensione dei processi che possono impattare sulla qualità della vita».
Nel primo giorno della conferenza gli esperti esplorano anche la possibilità di creare nuove basi di dati che, grazie anche all’interesse ed alla partecipazione dei cittadini, possono arricchire ulteriormente i nostri già preziosi Big Data. Ampio spazio è stato riservato all’accessibilità dei dati e alla necessità di “standardizzarli” per poterli integrare.
Nella seconda giornata della conferenza, il 3 ottobre, verrà trattato il tema del bilanciamento fra il diritto alla privacy e il diritto alla salute. Si affronterà, in particolare, la questione del Gdpr e del suo impatto sull’efficacia del processo di tutela della salute e di cura del paziente, e sulla privacy. «Siamo ora nella situazione di dover capire - dice Scala - cosa è stato fatto, cosa si sta facendo ma soprattutto cosa si può fare in un vicino futuro per permettere ai ricercatori e ai medici di accedere in maniera 'agile' ai dati dei pazienti senza incorrere in violazioni del Gdpr».
«L'uso dei cosiddetti big data e di strumenti analitici sempre più accurati potrebbe contribuire a migliorare assistenza e cure, ridurre i costi associati alle prestazioni sanitarie, predire e prevenire fenomeni epidemici. Nulla è assicurato, ma prepararsi a sfruttare sempre meglio tecnologie innovative è un dovere di chi lavora oggi nella sanità pubblica a livello regionale, nazionale e globale», sostiene Giovanni Rezza, Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate all’Istituto Superiore di Sanità tra i principali partecipanti al Convegno.
«Oggi le aziende sanitarie non possono più operare senza avere quelle informazioni, straordinariamente importanti, che possono derivare dall’impiego - nel rispetto del Regolamento europeo - dei dati sanitari, sia per garantire la continuità delle cure tra settori sanitari specialistici, sia soprattutto tra questi e la rete delle cure primarie - puntualizza Tiziana Frittelli, presidente di FederSanità tra i promotori di Big Data in Health 2019 -. Di pari importanza è l’impiego dei dati per la ricerca finalizzata alla valutazione degli esiti delle cure in rapporto ad esempio ai cambiamenti organizzativi o all’introduzione di nuove tecnologie. Non sempre infatti, le nuove tecnologie significano automaticamente miglioramento degli esiti delle cure, ma talvolta al contrario, producono oltre che miglioramento delle cure stesse, una riduzione dei costi di ospedalizzazione o di tipo previdenziale. Non possiamo perdere questa opportunità».
Il terzo e ultimo giorno della conferenza, il 4 ottobre, sarà dedicato a come i Big Data hanno rivoluzionato e rivoluzioneranno molti ambiti della sanità e della medicina: dalla diagnostica con l’avvento della radiomica, cioè della possibilità di "trasformare" le immagini mediche in informazioni di tipo quantitativo, alla cura con ad esempio gli studi sull’elettroceutica, fino alla gestione dei servizi sanitari, come lo studio di nuove applicazioni per classificare le emergenze mediche. Lo scopo è quello di capire cosa si può fare insieme e come aggregare competenze complementari, coinvolgendo grandi industrie.

Fonte: Sole 24 Ore sanità 2 ottobre 2019

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

27 ottobre ICTUS RACE: una giornata che può fare la differenza nel tuo futuro!

Abbiamo il piacere di invitarvi Domenica 27 ottobre 2019 dalle ore 9.00 presso lo Stadio Nando Martellini - Terme di Caracalla alla prima edizione della ICTUS RACE, una giornata di prevenzione dedicata a una tra le più feroci malattie causa di morte e invalidità, l'Ictus. Le recenti scoperte e un pronto intervento mirato e tempestivo consentono un netto miglioramento di salute...

Giornata di prevenzione - Puglia

Si tratta di un evento a particolare rilevanza sociale e scientifica, in quanto per la prima volta A.L.I.Ce. Puglia affianca il tema dell'ictus cerebrale a quello della Malattia di Fabry, una malattia genetica ereditaria causata dalla mutazione di un gene specifico. In questa occasione verrà effettuata la misurazione gratuita di importanti parametri per la valutazione del rischio...

INIZIATIVE PER LA GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS CEREBRALE

      INIZIATIVE PER LA GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS CEREBRALE     A.L.I.Ce. Carpi 9 novembre dalle ore 9 alle 14 presso il Centro Commerciale Borgogioioso di Carpipresidio sanitario con 12 infermieri, 4 medici e 1 OSS. Verranno effettuati screening gratuiti con rilievo colesterolo e glicemia oltre a Pressione Arteriosa con controllo aritmie. Scheda...

76 ° Congresso Fimmg-Metis/ Cartabellotta (Gimbe): «La Long Term Care pesa per 12 mld sulle famiglie, va fissato un fabbisogno socio-sanitario»

La Fondazione Gimbe ha presentato oggi al 76° Congresso nazionale Fimmg-Metis nella sessione “Tendenze demografiche e nuove povertà” un report che analizza la spesa sociale di interesse sanitario, in larga parte riconducibile al grande contenitore della long term care (Ltc) e stimata per il 2017 in quasi 42 miliardi di euro. Il presidente Nino Cartabellotta ha...

17 – 23 ottobre 2019: XII Giornata Nazionale dell’Afasia

  La Fondazione Carlo Molo onlus e AITA Piemonte onlus promuovono una campagna di sensibilizzazione alle problematiche legate all’Afasia, attraverso una serie di azioni/eventi. L’AFASIA è un disturbo relativo alla parola e, più genericamente alle difficoltà di comunicazione, che colpisce circa un terzo di coloro che sono vittime di ictus, ischemia,...