Fnomceo e Cittadinanzattiva: firmato il Patto per la Salute con tre obiettivi strategici

Rifinanziare il Servizio sanitario nazionale, rivedendo i criteri di riparto del Fondo Sanitario a partire dai reali bisogni di salute della popolazione; superare la logica del superticket; reinvestire i risparmi derivanti da una buona governance sanitaria all'interno dello stesso Ssn. Sono questi i tre punti essenziali del "Patto per la Salute" siglato oggi a Roma, presso la sede di Confcooperative, dalla Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) e Cittadinanzattiva. "Cittadinanzattiva e Fnomceo fanno da anni fronte comune per difendere i diritti, costituzionalmente protetti, alla tutela della salute e all'uguaglianza", spiega il presidente della Federazione degli Ordini, Filippo Anelli. "Il tema della lotta alle disuguaglianze non riguarda solo il rapporto tra Nord e Sud - ha aggiunto Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva - ma anche aree della stessa regione, tra generazioni. Per questo il Ssn deve tornare a essere uno strumento di sviluppo sociale del Paese".

E invece si è assistito al progressivo definanziamento del Servizio sanitario nazionale, alla creazione di 21 servizi sanitari diversi (per liste d'attesa, modelli organizzativi, a diverse procedure di emergenza-urgenza fino all'aumento della spesa out of pocket per cure e prestazioni, nonché alla carenza di personale medico-specialistico e infermieristico. Come rimediare? Ecco la ricetta di Fnomceo e Cittadinanzattiva:

•porre fine alle disuguaglianze, partendo dal lavoro sviluppato dalla Strategia nazionale per le Aree interne;

•riorganizzare le reti dell'offerta ospedaliera e dell'assistenza territoriale;

•valutare i fabbisogni del personale del Servizio Sanitario nazionale e dei cittadini che vi accedono;

•implementare le infrastrutture e i modelli organizzativi per realizzare il sistema di interconnessione dei sistemi informativi del Servizio sanitario nazionale;

•promuovere azioni che valorizzino l'autonomia e l'indipendenza della professione medica, a garanzia del diritto all'autodeterminazione del paziente: tra le più importanti e urgenti, la revisione dei limiti nella prescrizione dei farmaci, da attuarsi coinvolgendo nei Tavoli dell'Aifa le organizzazioni civiche e le federazioni ordinistiche mediche.

«Questo potrebbe essere realizzato rapidamente con l'emanazione dei decreti per la definizione delle tariffe massime delle prestazioni ambulatoriali e dei dispositivi medici - suggeriscono -; con il riordino dell'assistenza territoriale, con il miglioramento e la valorizzazione della comunicazione tra professionisti e cittadini, anche come strumento di prevenzione della violenza; con una revisione complessiva della programmazione legata alla formazione post laurea, garantendo a tutti gli studenti di medicina l'accesso alle scuole di specializzazione e prevedendo nel percorso di studio una specifica formazione che abbia a tema l'umanizzazione delle cure e il rapporto fra medico e paziente".

Per superare le disuguaglianze di salute, infine, cittadini e medici chiedono un Tavolo di confronto sulle proposte di autonomia differenziata, aperto alle Associazioni di cittadini-pazienti e alle organizzazioni rappresentative dei professionisti della salute come ulteriore passo della campagna "Diffondi la salute", lanciata lo scorso anno da Cittadinanzattiva con il sostegno della Fnomceo e di decine di sigle del mondo dei professionisti della salute e delle associazioni civiche.

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

27 ottobre ICTUS RACE: una giornata che può fare la differenza nel tuo futuro!

Abbiamo il piacere di invitarvi Domenica 27 ottobre 2019 dalle ore 9.00 presso lo Stadio Nando Martellini - Terme di Caracalla alla prima edizione della ICTUS RACE, una giornata di prevenzione dedicata a una tra le più feroci malattie causa di morte e invalidità, l'Ictus. Le recenti scoperte e un pronto intervento mirato e tempestivo consentono un netto miglioramento di salute...

Giornata di prevenzione - Puglia

Si tratta di un evento a particolare rilevanza sociale e scientifica, in quanto per la prima volta A.L.I.Ce. Puglia affianca il tema dell'ictus cerebrale a quello della Malattia di Fabry, una malattia genetica ereditaria causata dalla mutazione di un gene specifico. In questa occasione verrà effettuata la misurazione gratuita di importanti parametri per la valutazione del rischio...

INIZIATIVE PER LA GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS CEREBRALE

      INIZIATIVE PER LA GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS CEREBRALE     A.L.I.Ce. Carpi 9 novembre dalle ore 9 alle 14 presso il Centro Commerciale Borgogioioso di Carpipresidio sanitario con 12 infermieri, 4 medici e 1 OSS. Verranno effettuati screening gratuiti con rilievo colesterolo e glicemia oltre a Pressione Arteriosa con controllo aritmie. Scheda...

76 ° Congresso Fimmg-Metis/ Cartabellotta (Gimbe): «La Long Term Care pesa per 12 mld sulle famiglie, va fissato un fabbisogno socio-sanitario»

La Fondazione Gimbe ha presentato oggi al 76° Congresso nazionale Fimmg-Metis nella sessione “Tendenze demografiche e nuove povertà” un report che analizza la spesa sociale di interesse sanitario, in larga parte riconducibile al grande contenitore della long term care (Ltc) e stimata per il 2017 in quasi 42 miliardi di euro. Il presidente Nino Cartabellotta ha...

17 – 23 ottobre 2019: XII Giornata Nazionale dell’Afasia

  La Fondazione Carlo Molo onlus e AITA Piemonte onlus promuovono una campagna di sensibilizzazione alle problematiche legate all’Afasia, attraverso una serie di azioni/eventi. L’AFASIA è un disturbo relativo alla parola e, più genericamente alle difficoltà di comunicazione, che colpisce circa un terzo di coloro che sono vittime di ictus, ischemia,...