Donne con disabilità: 2 su 3 hanno subito violenza

Il 65 per cento delle donne con disabilità ha subito una qualche forma di violenza anche se la metà di loro non è consapevole della violenza che ha subito o continua a subire. 

È uno dei dati emersi da un’indagine della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap condotta su 519 con differenti disabilità.

La ricerca, oltre a rilevare la frequenza del fenomeno, conferma la ridotta consapevolezza sull’argomento, dato che molto spesso le donne stesse faticano a riconoscere e definire come “violenza” un atto che le danneggia, se non è di natura strettamente fisica o sessuale.

La forma di violenza più ricorrente è quella psicologica, subita dal 54% delle donne; segue la molestia sessuale – che include anche le violenze a sfondo sessuale che si verificano attraverso il web (37%); la violenza fisica (24%) e la violenza economica (7%).

La violenza è perpetrata prevalentemente da persone note alla vittima (80% dei casi). Nel 51% dei casi si tratta di una persona affettivamente vicina, ossia il partner, attuale o passato, o un altro familiare; nel 21% si tratta di un conoscente e nell’8% di un operatore.

Fra le intervistate, dichiarano di aver subito almeno una forma di violenza l’82% delle donne con una limitazione cognitiva/intellettiva e l’85% di quelle con una disabilità psichiatrica. Le donne con una disabilità plurima hanno subito violenza nel 74% dei casi, rispetto al 64% registrato tra quelle con un solo tipo di limitazione. 

Solo il 37% delle donne che dichiarano di aver subito una qualche forma di violenza tra quelle indicate afferma di aver reagito. Fra queste una quota più residuale di donne ha deciso di confidarsi, in cerca di aiuto, con la propria rete di familiari e amici (6,5%) o si è rivolta al servizio competente, ossia ad un Centro antiviolenza (5,6%).

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

COMUNICAZIONE PAUSA ESTIVA: TEMPO DI VACANZE

  A tutti i nostri soci, lettori e amici Siamo nel pieno dell'estate: agosto è un mese in cui tornare a sorridere, a ricaricare le energie, a dedicare il tempo agli interessi e ai progetti rimasti nel cassetto, quest’anno più che mai. In questi mesi non ci siamo mai fermati e adesso ci prenderemo solo una breve pausa estiva, cercando in questo periodo di continuare...

Coronavirus/Fnopi, infermieri pronti a sostenere il rientro a scuola in sicurezza

LAVORO E PROFESSIONE Garantire la salute nelle scuole fa parte delle caratteristiche proprie della professione infermieristica: professionisti laureati, formati ad hoc, esperti di comunicazione ed educazione sanitaria e anche dipendenti già delle strutture sanitarie. È quanto afferma Barbara Mangiacavalli presidente Fnopi secondo cui "tutta la comunità infermieristica,...

Prima è meglio. La salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di sigarette hanno alle spalle

Lo studio A soffrire di Bpco è il 32,7% delle persone con più di quarant’anni di fumo alle spalle e "solo" il 9,1% di chi ha fumato meno di dieci anni.  Smettere di fumare è la scelta giusta, ma è meglio farla anche al momento giusto. Ossia il prima possibile. Perché la salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di dipendenza dal...

Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal CoVid-19 sta comportando danni collaterali alle persone con condizioni invalidanti di diversa eziologia; le restrizioni imposte, necessarie per contenere la diffusione del virus, limitano l'accesso a molti servizi sanitari, tra cui la riabilitazione....

Diabete: aumentando (anche di poco) il consumo di frutta, verdura e cereali integrali si riduce il rischio di ammalarsi

Chi consuma frutta e verdura in grande quantità ha un rischio del 50% più basso di sviluppare diabete 2. Per ogni 66 grammi al giorno in più di frutta o verdura, le probabilità di andare incontro alla malattia si riducono del 25%. La dieta ideale per prevenire il diabete di tipo 2 si ottiene mettendo insieme i risultati di due studi, entrambi pubblicati sul...