Contro gli sprechi una sanità incentrata sulla persona

È il 2008. La crisi economica iniziata un paio di anni prima nei vicini USA non risparmia il Canada e anche al Providence Healthcare, una struttura sanitaria nel cuore di Toronto, specializzata specialmente nella riabilitazione dei pazienti che hanno avuto ictus e nella gestione dei pazienti anziani, tocca correre ai ripari per conciliare la qualità dell’assistenza con le ristrettezze economiche del periodo. 

Josie Walsh, all’epoca dirigente infermieristico e successivamente amministratore della struttura, viene incaricata di sperimentare l’organizzazione di uno dei reparti in cui è articolato l’ospedale.

Comincia con l’ascoltare centinaia di pazienti, le famiglie, i dipendenti dell’ospedale, i medici, gli infermieri, i volontari, rappresentanti degli ospedali per acuti della zona. 

E così capisce che la tempestività dell’intervento rappresenta una priorità per pazienti e famiglia; che la comunicazione in tutte le fasi del ricovero e anche dopo la dimissione è fondamentale, così come l’educazione non solo ai pazienti ma anche ai caregiver; intuisce che senza il coordinamento costante con le strutture per acuti una struttura dedita alla riabilitazione e alla lungodegenza non può funzionare efficacemente. A ciascuno di queste esigenze propone una soluzione che adotta dopo averla discussa ed elaborata con tutti gli attori.

In poco tempo si raccolgono i frutti: il numero di ricoveri cresce di 1.000 pazienti annui dal 2008 al 2014 nonostante il numero di posti letto si sia ridotto da 347 a 245. Il ricovero medio che nel 2008 durava 76 giorni è stato ridotto a 33. La soddisfazione dei pazienti aumenta. 

Quella di Josie Walsh e del Providence Healthcare è solo una delle esperienze di riorganizzazione della sanità ispirata ai principi del Value Based Healthcare, un modello che punta a un’organizzazione sanitaria finalizzata al miglioramento dei benefici alla salute dei pazienti e all’aumento della produttività. Il principio ispiratore dell’Human Value Based, a cui il prossimo 25 novembre è dedicato un convegno (“La persona e la relazione di cura – da Value Based Healthcare a Human Value Based”) promosso da Your Business Partner, è l’attenzione sulla relazione medico-paziente, intesa come relazione umana, personale, prima ancora che professionale.

Pertanto, le novità e le modifiche organizzative non sono più individuate e stabilite dal management secondo un percorso top-down ma costruite in un'ottica collaborativa da tutti gli attori coinvolti. 

Coerentemente con la filosofia che applica in tutti gli ambiti, l’obiettivo del Value Based Healthcare è creare valore tramite la collaborazione, coinvolgendo tutti attori protagonisti del processo.

Forte di queste caratteristiche il Value Based Healthcare si candida a rendere più efficiente la sanità migliorando la qualità dei servizi, la soddisfazione dei pazienti e riducendo gli sprechi. 

Una priorità in un Paese, come l’Italia, dove si stima che circa un quinto della spesa sanitaria (21 miliardi su 113) sia sprecata o spesa in maniera non efficiente. 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

Contro gli sprechi una sanità incentrata sulla persona

È il 2008. La crisi economica iniziata un paio di anni prima nei vicini USA non risparmia il Canada e anche al Providence Healthcare, una struttura sanitaria nel cuore di Toronto, specializzata specialmente nella riabilitazione dei pazienti che hanno avuto ictus e nella gestione dei pazienti anziani, tocca correre ai ripari per conciliare la qualità dell’assistenza con le...

Donne con disabilità: 2 su 3 hanno subito violenza

Il 65 per cento delle donne con disabilità ha subito una qualche forma di violenza anche se la metà di loro non è consapevole della violenza che ha subito o continua a subire.  È uno dei dati emersi da un’indagine della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap condotta su 519 con differenti disabilità. La ricerca, oltre a rilevare...

Il cervello delle donne (e quello che fanno le sigarette)

Pubbblichiamo il link all'articolo "Il cervello delle donne (e quello che fanno le sigarette)", uscito sabato 16 novembre 2019 su "iO Donna", allegato al Corriere della Sera.   http://www.aliceitalia.org/uploaded/Io_Donna.pdf

ESIBIZIONE PRENATALIZIA DEL CORO DI A.L.I.Ce. LIGURIA E DEL CORO A.V.O. SABATO 7 DICEMBRE ALLE ORE 15

SABATO 7 dicembre 2019 alle ore 15.00 presso la Chiesa parrocchiale dei SS. Cosmo e Damiano di Prato, situata in Via Giacomo Raitano, 2 a Genova si terrà un'esibizione canora del Coro degli Afasici di Genova  "La Voce di A.L.I.Ce." Lo spettacolo è gratuito, con offerta libera a favore di A.L.I.Ce. Liguria Associazione per la Lotta all’Ictus...

Giornata Mondiale: Quattro milioni di italiani soffrono di diabete. 1 su 4 non fa nemmeno un controllo all’anno

«La "corsa” del diabete sta forse rallentando, tuttavia questo non può diventare un invito ad abbassare la guardia perché il diabete resta una patologia complessa e pericolosa, per le tante complicanze alle quali può portare. Perché sono comunque 4 milioni gli italiani con diabete diagnosticato e probabilmente un altro milione che non ha ancora...