Ripartire dalle micro reti: così la pandemia può innovare il Ssn e sviluppare nuovi modelli gestionali

Creare "micro reti tecnologiche" tra medici, operatori sanitari e caregivers. Seguire le linee guida e le buone pratiche per la riduzione dei rischi da Covid-19 e attuare correttamente i percorsi diagnostici terapeutici assistenziali delle persone malate già fragili è fondamentale sempre, lo è ancora di più oggi per evitare la diffusione dell’epidemia, e cercare di limitare l’invio di casi complessi ai reparti di malattie infettive e rianimazione. È questa la nostra raccomandazione principale come Società Italiana di Leadership e Management in Medicina (Simm) per le società scientifiche italiane di riferimento per le patologie croniche. Ma è solo un punto di partenza che deve servire a guardare al futuro quando dovranno essere altri i punti chiave alla base del Sistema sanitario nazionale e dell’assistenza medica e sanitaria. Devono cioè cambiare i modelli gestionali, valorizzando le micro reti assistenziali sul territorio formate da medici, operatori sanitari, e pazienti con i loro caregivers, coordinate da un sistema di management scientifico e gestionale centrale. Oggi, naturalmente, serve fare di necessità virtù, per cui è fondamentale seguire poche e semplici regole: dalla valutazione sanitaria telefonica (triage) prima di ogni visita con lo specialista, al triage il giorno della visita in appositi spazi dedicati, dalla creazione di percorsi specifici per la gestione dei diversi casi, all’educazione delle persone al rispetto delle indicazioni ad ogni accesso alle strutture, dall’avvio della consegna dei farmaci a domicilio alla somministrazione, quando possibile (ad esempio quelli orali o quelli sottocute) direttamente a casa dei pazienti. Infine, utilizzare la telemedicina per consulti da remoto e diffondere le norme comuni a pazienti, familiari, caregivers attraverso comunicazioni strutturate con le associazioni. Questi nostri suggerimenti derivano da approfondimenti e studi compiuti negli ultimi anni sui temi delle azioni inappropriate, della sostenibilità del Sistema sanitario nazionale e del valore dei percorsi di cura. Ma accelerano il passaggio verso prospettive innovative nel campo della gestione manageriale della sanità.
Non dimentichiamo che il 23% della popolazione italiana ha più di 65 anni, di questi il 50% ha già più di due patologie e il contagio da Covid-19 potrebbe portare potenzialmente oltre 10 milioni di pazienti anziani a dover fronteggiare un rischio ancora maggiore. Il problema della cronicità qui emerge in tutta la sua importanza. Ma questa epidemia/pandemia, nel dramma di chi sta soffrendo e perdendo persone care, sta agendo anche come "incubatore" di innovazione e come tale richiede caratteristiche di leadership e management, affinché gli sforzi messi in campo siano indirizzati al miglior valore, organizzati e resi sinergici. Dobbiamo fare oggi quello che avremmo potuto fare ieri e quello che è già possibile fare guardando al futuro. Occorre sviluppare e implementare un modello gestionale attraverso il quale valutare l’opportunità di delocalizzare tutte quelle attività che oggi per necessità, domani per miglioramento dell’efficienza e garanzia di efficacia devono essere svolte in prossimità al domicilio o al posto di lavoro del paziente. Medico, operatore sanitario, paziente, caregiver costituiscono 'micro reti' che devono essere supportate e coordinate dalla tecnologia per massimizzare il valore delle azioni svolte, quali ad esempio la distribuzione del farmaco orale al domicilio o la somministrazione di un farmaco sottocute presso le strutture territoriali.
Tornando all’oggi la Simm suggerisce da sempre di attivare partnership pubblico-privato, di individuare criteri e priorità per definire le popolazioni di pazienti e personale candidato all’esecuzione del tampone per il test di positività al Covid 19: ad esempio, in oncologia, 75 pazienti ogni 100mila abitanti sarebbero candidati al tampone in quanto soggetti a terapie che aumentano la probabilità di contagio o accentuano le conseguenze della malattia polmonare. Infine, raccomanda di identificare metodi di comunicazione strutturati, anche attraverso le Associazioni dei pazienti, per depotenziare i canali di informazione non veritieri e insegnare a pazienti e caregiver come utilizzare correttamente i dispositivi di protezione individuale come le mascherine. In linea anche con le indicazioni già suggerite da Periplo, Cittadinanzattiva e Fondazione per la medicina personalizzata, esortiamo le Società Scientifiche Italiane di riferimento per le patologie croniche nell’attuazione dei percorsi diagnostici terapeutici assistenziali delle persone malate già fragili, a definire e distribuire linee guida e buone pratiche per la riduzione dei rischi da Covid-19. Oggi come mai anche in questo settore serve leadership. Per garantire credibilità è necessario modellare la direzione di marcia, ispirare una visione condivisa, sfidare lo status quo, mettere gli altri in grado di agire e incoraggiare lo spirito della squadra.

Fonte: Sole 24 Ore sanità articolo di Mattia Altini * 30/03/2020

* Presidente della Società Italiana di Leadership e Management in Medicina (Simm)
Direttore sanitario dell’Istituto Tumori della Romagna (Irst) Irccs di Meldola

 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

QUESTIONARIO: “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE”

Invito a compilare questionario anonimo per la Campagna informativa sulla Legge 38/2010 “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE” C_17_campagneComunicazione_11_listaFile_itemName_0_file.pdf Riceviamo e volentieri condividiamo l'invito a partecipare alla compilazione del questionario online nell'ambito della Campagna di informazione sulla Legge 38 del 2010, su “Disposizioni...

COMUNICAZIONE PAUSA ESTIVA: TEMPO DI VACANZE

  A tutti i nostri soci, lettori e amici Siamo nel pieno dell'estate: agosto è un mese in cui tornare a sorridere, a ricaricare le energie, a dedicare il tempo agli interessi e ai progetti rimasti nel cassetto, quest’anno più che mai. In questi mesi non ci siamo mai fermati e adesso ci prenderemo solo una breve pausa estiva, cercando in questo periodo di continuare...

Coronavirus/Fnopi, infermieri pronti a sostenere il rientro a scuola in sicurezza

LAVORO E PROFESSIONE Garantire la salute nelle scuole fa parte delle caratteristiche proprie della professione infermieristica: professionisti laureati, formati ad hoc, esperti di comunicazione ed educazione sanitaria e anche dipendenti già delle strutture sanitarie. È quanto afferma Barbara Mangiacavalli presidente Fnopi secondo cui "tutta la comunità infermieristica,...

Prima è meglio. La salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di sigarette hanno alle spalle

Lo studio A soffrire di Bpco è il 32,7% delle persone con più di quarant’anni di fumo alle spalle e "solo" il 9,1% di chi ha fumato meno di dieci anni.  Smettere di fumare è la scelta giusta, ma è meglio farla anche al momento giusto. Ossia il prima possibile. Perché la salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di dipendenza dal...

Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal CoVid-19 sta comportando danni collaterali alle persone con condizioni invalidanti di diversa eziologia; le restrizioni imposte, necessarie per contenere la diffusione del virus, limitano l'accesso a molti servizi sanitari, tra cui la riabilitazione....