Un mondo più green e solidale, il sondaggio tra Millennial e GenZ

la pandemia non cancella la speranza, ma sul lavoro c’è più paura

Uno studio di Deloitte ha fatto le stesse domande prima e dopo la pandemia a quasi 3mila giovani di 40 Paesi diversi: quel che ne è emerso è un quadro complesso ma per nulla rassegnato

Il disastro climatico è già avvenuto, ma non è troppo tardi per limitarne le conseguenze. Il primato del profitto sull’essere umano è la realtà in cui viviamo, ma non è l’unico mondo possibile. Secondo quanto è emerso da uno studio di Deloitte, i millennial e i giovanissimi della Generazione Z (GenZ) non hanno perso le speranze per il futuro. E pensano che la crisi sanitaria ed economia da Coronavirus possa essere una lezione da cui imparare per ricominciare.

L’epoca tardo-capitalista e post-pandemia non è l’apocalisse – con buona pace di tutte le serie tv sulla fine dell’umanità. Gli effetti del Covid e le rotture provocate dal lockdown con il “vecchio” hanno messo sotto i loro occhi la possibilità concreta del cambiamento. Nello studio «The Deloitte Global Millennial Survey 2020», pubblicato a inizio luglio, i ricercatori hanno analizzato le opinioni di quasi 28mila persone in oltre 40 Paesi tra gli 11 e i 39 anni, sia prima che dopo la diffusione del Covid-19. Quel che ne è emerso è una visione consapevole delle criticità, ma anche la voglia di praticare il cambiamento – rinforzata dalla stessa pandemia.

Screen dallo studio Deloitte «The Deloitte Global Millennial Survey 2020»

«Le giovani generazioni sanno che la società post-pandemia può essere migliore della precedente – scrivono nello studio – e sono tenaci abbastanza da farla diventare realtà». Quel che è emerge è un quadro complicato, ma sicuramente ambizioso:

  • Quasi la metà degli intervistati nel pre-pandemia (il 48%) si sentiva stressata per la maggior parte del tempo. Ma le rotture con i modelli del passato prospettate dalla pandemia hanno fatto scendere i livelli di ansia di 8 punti in entrambe le generazioni;

  • Prima della pandemia, la metà degli intervistati era certa che fosse troppo tardi per riparare ai danni del disastro climatico. Una percezione che è migliorata guardando all’impatto del lockdown sui livelli di inquinamento: vedere come una riduzione dei ritmi produttivi abbia migliorato le cose ha ridato speranza per il futuro;

  • La pandemia ha portato un senso più forte di responsabilità individuale. I tre quarti degli intervistati hanno dichiarato che la pandemia li ha resi più empatici verso gli altri e desiderosi di avere un impatto positivo sulle loro comunità;

  • Entrambe le generazioni hanno dichiarato che da ora in poi saranno più impegnate nel preferire i commercianti locali alle grandi multinazionali

La nota dolente: le prospettive sul lavoro e sull’economia

L’idillio ottimistico resta comunque sporcato dalle preoccupazioni in campo economico e lavorativo. In tutti i Paesi presi in considerazione, le giovani generazioni vedono nelle loro finanze la prima fonte di stress e la maggior parte di loro ha ora più remore nel cambiare posto di lavoro e buttarsi in un’altra realtà.

Screen dallo studio Deloitte «The Deloitte Global Millennial Survey 2020»

In Italia, nello specifico, la fiducia nel fatto che la situazione economica migliorerà nel post-pandemia è scesa di due punti tra i millennial e di 1 tra la GenZ rispetto alla domanda sul futuro posta prima del Covid-19.

Prima della pandemia, il 30% dei millennial e il 40% per cento della GenZ aveva
preso una pausa dal lavoro a causa dello stress. Ora, in questo senso, pare esserci meno coraggio. L’Italia, inoltre, gioca una partita a sé anche per quanto riguarda l’interesse sulle questioni ambientali: dal 43% di gennaio si è passati al 35% di aprile.


 

Fonte: OPEN ONLINE articolo di Giada Ferraglioni 13 luglio 2020


 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

DUE IMPORTANTI NOTIZIE

Riceviamo e molto volentieri condividiamo l'annuncio del CnAMC di Cittadinanzattiva che, ringraziando per il sostegno e la collaborazione alle tante iniziative e battaglie comuni, ci rende partecipi di due novità davvero importanti, cui anche A.L.I.Ce. Italia ha dato il proprio contributo. - Come saprete,  il Governo ha inserito all'interno del Maxiemendamento al Decreto...

Per i pazienti cronici e rari difficoltà e ritardi nelle cure; associazioni protagoniste nella risposta alla pandemia. Presentato il XVIII Rapporto nazionale di Cittadinanzattiva sulle politiche della cronicità

Comunicato stampa                                                                            ...

L’alleanza per la vita dei Dispositivi Medici - Fermati dal Covid 19, a fianco dei pazienti nella riconquista della normalità

Le testimonianze delle Associazioni Pazienti Dal 12 al 16 ottobre la Medtech Week dedicata alle tecnologie biomedicali Milano, 5 ottobre 2020 – Milioni di persone, in tutto il mondo, affidano la propria vita e la propria salute ai dispositivi medici. Pacemaker, defibrillatori, valvole cardiache, sistemi per stimolazione cerebrale e dolore cronico, soluzioni terapeutiche per disfunzioni...

XIII Giornata Nazionale dell’Afasia 16 – 17 – 18 ottobre 2020

Come ogni anno la Fondazione Carlo Molo onlus e AITA Piemonte onlus promuovono una campagna di sensibilizzazione alle problematiche legate all’Afasia, attraverso una serie di azioni/eventi. L’AFASIA è un disturbo relativo alla parola e, più genericamente alle difficoltà di comunicazione, che colpisce circa un terzo di coloro che sono vittime di ictus, ischemia,...

Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal CoVid-19 sta comportando danni collaterali alle persone con condizioni invalidanti di diversa eziologia; le restrizioni imposte, necessarie per contenere la diffusione del virus, limitano l'accesso a molti servizi sanitari, tra cui la riabilitazione....