ICTUS Un disturbo in crescente e preoccupante aumento

A fronte di un costante e preoccupante aumento di casi di ICTUS si registra una insensibilità e disattenzione da parte delle istituzioni competenti, non solo in Umbria ma anche su tutto il territorio nazionale. Essendo l'”ictus cerebrale” (stroke in inglese) la terza causa di mortalità e la principale causa di disabilità nel mondo occidentale c'è, o ci sarebbe, veramente da preoccuparsi. La malattia è in continuo e crescente aumento: attualmente, con l'accrescimento dell'età media e di alcuni “vizi” umani (fumo, alcol, stili di vita non corretti), l'ICTUS (cerebrale) colpisce una persona su 6, ma tra pochissimi anni potrebbe scendere e quindi salire di frequenza a una persona su 4.

Si parla di una malattia che, se presa in tempo dopo i primi sintomi, può essere combattuta e vinta. “Presa in tempo” significa un ricovero entro le tre ore e mezzo/quattro e consentire alla “Stroke Unit” di intervenire con la cosiddetta terapia di trombolisi, dopo i primi sintomi: improvvisa difficoltà a muovere uno o più arti, formicolio o perdita di sensibilità a uno o più arti, perdita della vista, difficoltà di linguaggio, vertigini con difficoltà a rimanere in piedi.

Attualmente la struttura del Santa Maria della Misericordia a Perugia, per rimanere in ambito regionale e di Perugia in particolare, dispone di soli 12 “posti letto” a fronte di una media di 10 casi al giorno di ricoveri per sintomi di ICTUS. Posti ovviamente insufficienti per il primo trattamento corretto e il più delle volte risolutivo. Questa situazione comporta che soltanto il 50% può ricevere ospitalità e cure adeguate e che l'altro 50% dei colpiti da ICTUS viene dirottato in altri reparti o strutture non specifiche e non adeguate alle prime, immediate cure che la malattia richiede.

Se si considera che l'equipe della Stroke Unit del Santa Maria della Misericordia è all'avanguardia non solo a livello “nazionale” ma addirittura europeo e mondiale dovrebbe essere messa in condizione di avere almeno altri “posti letto”, con incremento dunque anche del personale medico e infermieristico dedicato alla riabilitazione, e offrire ai pazienti cure adeguate per la risoluzione dei casi evitando o limitando gli ingenti costi per la riabilitazione e per sollevare anche A.L.I.Ce.(Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale) che, con numerosi volontari e professionalità specifiche si interessa della riabilitazione di quanti sono stati colpiti da ICTUS.

I medici della Stroke Unit del S.M.della Misericordia hanno creato l'acronimo R.A.P.I.DO. Per riconoscere i disturbi dell'ICTUS e chiamare tempestivamente il 118. Per esteso l'acronimo significa: R= Ridi: chiedi alla persona di sorridere. La bocca è asimmetrica? A= Alza le braccia: chiedi alla persona di alzare le braccia. Riesce a sollevarle entrambe? P= Parla: chiedi alla persona di parlare. Ci riesce? E' comprensibile quello che dice? I= ICTUS. DO= Domanda aiuto: chiama il 118! Controlla l'ora per riferire quando sono cominciati i disturbi.

Ogni anno in Umbria si verificano circa 2000 nuovi casi e, ovviamente, siamo lontani, molto più della distanza chilometrica, dai paesi del nord Europa dove le strutture dispongono già da anni di autoambulanze dotate di attrezzature specifiche per intervenire già durante il trasporto in ospedale del paziente colpito da sintomi di ICTUS.

 

14.5.18

gino goti

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

La Spezia: Conoscere, Prevenire, Riconoscere l'Ictus cerebrale

Domenica 2 dicembre 43 km per sostenere l’Ambulatorio del Gaslini per i pazienti colpiti da ictus cerebrale neonatale e pediatrico ALICe La Spezia ( Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale ) con il patrocinio dell’ASL 5 “Spezzino” e del Comune della Spezia  organizza  per il  23  ed il 24 novembre. In particolare il 23 novembre si...

A.L.I.CE. ITALIA ONLUS CORRE LA GENOVA CITY MARATHON A FAVORE DEI PICCOLI PAZIENTI COLPITI DA ICTUS CEREBRALE

Domenica 2 dicembre 43 km per sostenere l’Ambulatorio del Gaslini per i pazienti colpiti da ictus cerebrale neonatale e pediatrico La prima edizione della Genova City Marathon è anche una gara all’insegna della solidarietà: chi si iscrive, infatti, avrà la possibilità di effettuare una donazione alle associazioni GASLINI ONLUS e A.L.I.Ce. Italia Onlus,...

Non è mai troppo presto per controllare la pressione

L’INVITO Non è mai troppo presto per controllare la pressione Valori elevati prima dei 40 anni aumentano il rischio di infarto e ictus Sull’ultimo numero di Jama, interamente dedicato all’ipertensione, sono ospitati due studi che invitano ad anticipare il controllo della pressione. I giovani con valori elevati hanno un rischio maggiore di avere un infarto o un ictus...

RAPPORTO ISTISAN: Italia sedentaria. Solo 1 bambino su 4 svolge attività fisica

La gran parte dei bambini dedica a giochi di movimento meno di un’ora a settimana   Le conseguenze dell’inattività sono enormi: la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutte le morti in Italia, pari a circa 88.200 casi all’anno, e di una spesa in termini di costi diretti sanitari di 1,6 miliardi di euro annui. Solo un italiano su due tra gli...

Convegno 21 novembre: L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS

Partecipazione di A.L.I.Ce. Italia al Convegno intitolato "L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS: DAL PDTA* AL PDTR* (*PDTA: Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale *PDTR: Percorso Diagnostico Terapeutico Riabilitativo), che si svolgerà nella giornata di mercoledì 21 novembre presso la SALA CONGRESSI CRT - CLINICA RIABILITAZIONE TOSCANA SPA - Ospedale...