ALICe: Percorsi di cura per pazienti post-ictus in Italia - Giovedì 13 settembre 2018 Roma

Quali livelli di cura in Italia per i pazienti colpiti da ictus, dalla fase dell'emergenza a quella della neuriabilitazione fino ai servizi territoriali? Il tema sarà affrontato dagli esperti delle società scientifiche e professionali coinvolte nei percorsi di cura e riabilitazione nel corso dell'incontro organizzato dalla Federazione Italiana delle Associazioni per la Lotta all'Ictus Cerebrale (ALICe), in collaborazione con la Fondazione Santa Lucia IRCCS, il prossimo 13 settembre.

Il Gruppo di Lavoro  si prefigge di fotografare la situazione attuale nel panorama dei diversi contesti sanitari regionali e di proporre soluzioni migliorative per potenziare l'assistenza ai pazienti colpiti da ictus nella fase dell'emergenza e in quella successiva della riabilitazione delle funzioni motorie e cognitive interessate dal danno cerebrale.

In Italia si contano 120.000 nuovi casi di ictus ogni anno, ma la rete di stroke units per l'intervento tempestivo in fase di emergenza resta ancora incompiuto rispetto agli obiettivi fissati dalla programmazione sanitaria nazionale. La patologia rappresenta anche la prima causa di disabilità nell'adulto con quasi un milione di persone che nel nostro Paese coinvive con i postumi della malattia, ma anche su questo fronte i livelli di cura, soprattutto per i percorsi di neuroriabilitazione di alta specialità necessari al trattamento di danni cerebrali gravi, non risponde al fabbisogno reale della popolazione italiana.

Il Gruppo di Lavoro procede nel solco dello studio "La Riabilitazione post-ictus in Italia", presentato dalla stessa Federazione ALICe nell'ottobre dell'anno scorso, in occasione della XIII Giornata Mondiale contro l'Ictus Cerebrale, e servirà anche a individuare strumenti di monitoraggio degli effettivi livelli di cura erogati su tutto il territorio nazionale ai pazienti copiti da ictus.

Per i dettagli dell'iniziativa cliccare sul link:

 https://www.hsantalucia.it/eventi/alice-percorsi-di-cura-pazienti-post-ictus-italia

 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

L'ictus pediatrico colpisce un bimbo su mille. Sintomi e prevenzione

L'ictus è una patologia neurologica che colpisce ogni anno 9mila persone. L'età si sta abbassando, sempre più. Abbiamo incontrato Clara, una bimba che nella sua disabilità è diventata pittrice https://www.rainews.it/tgr/veneto/video/2019/04/ven-ictus-pediatrico-colpisce-un-bimbo-su-mille-sintomi-e-prevenzione-efbcec5d-b3ed-4402-92df-c0b9f7c79a92.html

“Caregiver Day” 2019: radici di cura e nuove traiettorie

COMUNICATO STAMPA Buone pratiche, servizi e tecnologie per sostenere i familiari che assistono propri cari Clicca qui per scaricare la locandina   “Radici di cura e nuove traiettorie” è il filo conduttore della nuova edizione del “Caregiver Day”: giornate dedicate al caregiver familiare (chi si prende cura di un proprio caro malato, disabile,...

Eventi A.L.I.Ce. Piacenza

http://www.alicepiacenza.it http://www.aliceitalia.org/uploaded/LOCANDINA afasia coro e mostra .pdf   http://www.aliceitalia.org/uploaded/LOCANDINA afasia def con loghi.pdf

MANGIARE MALE UCCIDE PIÙ DEL FUMO

Nel 2017 gli errori della tavola hanno causato 11 milioni di morti. Due milioni sono state causate dallo scarso consumo di frutta   La principale causa di morte nel mondo? Il cibo, o meglio la cattiva alimentazione. Il fumo, per intenderci, fa meno vittime.   Nel 2017 per colpa di diete malsane sono morte nel mondo 11 milioni di persone, mentre il tabacco, secondo i dati...

DAL GOVERNO: Istat: Italia anziana d'Europa e senza ricambio generazionale

Italia prima in Europa per indice di vecchiaia - con 168,9 anziani ogni cento giovani - e tra i primi sei Paesi per indice dipendenza, con 56,1 persone in età non lavorativa ogni cento in età lavorativa. Non si ferma - spiega l'Istat nel focus "Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo", pubblicato sul sito dell'Istituto con dati aggiornati al...