LUCA CARBONI INSIEME AI PAZIENTI DELL'ASSOCIAZIONE A.L.I.Ce. CONTRO LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Milano, 27 settembre 2018 – Bayer lancia la campagna “Il battito del cuore”,in occasione della Giornata Internazionale del Cuoreche ci celebra il  29 settembre. 

 

Ogni anno nel mondo la mortalità per malattie cardiovascolariè di circa 17,5 milioni di persone, ovvero il 31% della mortalità mondiale.

In Italia circa 6 milioni di persone sono a rischio di malattie cardiovascolari, anche se non tutti sanno di esserlo, e queste patologie sono anche le principali cause di mortalità. Secondo i dati ISTAT, nel 2014 si sono verificati nel nostro Paese complessivamente oltre 220.000 decessi per malattie cardio-cerebrovascolari, come ad esempio infarto ed ictus (circa 96.000 negli uomini e circa 124.000 nelle donne). 

Inoltre, chi soffre di malattie cardiovascolari può avere conseguenze fisiche importanti, con un’aspettativa di vita ridotta di oltre 7 anni. 

Da questi dati si evince l’importanza di una corretta prevenzione delle patologie in questo ambito e la necessità di gestire i relativi fattori di rischio con il supporto del proprio medico di fiducia.

Al centro dell’iniziativa, un testimonial d’eccezione come Luca Carboni che, attraverso la forza comunicativa della sua musica, vuole sensibilizzare il pubblico alla prevenzione. 

Con lui, un coro di pazienti dell’AssociazioneA.L.I.Ce. Italia onlus, che condivide un vissuto  di patologie cardiocerebro vascolari. 

L’artista ha deciso di partecipare attivamente alla campagna riproponendo il suo celebre brano “Il mio cuore fa ciock”in versione inedita: il ritmo è scandito dal battito del cuore che crea suggestioni intime e pulsanti di vita. La storia di Luca si incontra con quelle dei suoi “coristi per un giorno” e con quella di Bayer, per raccontare esperienze di vite che felicemente vanno avanti.

Carboni ha inoltre ideato e realizzato il logo della campagna: un cuore stilizzato, dai colori caldi; un’immagine evocativa e poetica che mette al centro il cuore nella sua interezza, simbolo di amore, di passione e di vita. 

“Quando mi è stato proposto il progetto per sensibilizzare alla prevenzione cardiovascolare, ne ho compreso subito l’importanza e il potenziale impatto sulle persone“, afferma Luca Carboni. „Per come intendo io la vita, la prevenzione è fondamentale. È importante prendersi cura di sé e  rivolgersi al proprio medico di fiducia quando il corpo lancia dei segnali che non riconosciamo”.

Il coro che si esibisce assieme a Luca Carboni nel remake de ”Il mio cuore fa ciock“ è composto da membri dell’associazione A.L.I.Ce. Italia onlus, che hanno vissuto nel loro passato - più o meno recente - l’esperienza di una  importante patologia cardio-cerebrovascolare. 

“Siamo stati felici di collaborare a questa iniziativa di sensibilizzazione”, ha commentato Nicoletta Reale, Presidente di A.L.I.Ce. Italia onlus. “E’ per noi importante fare capire che la vita può continuare così come diffondere la conoscenza e cultura della prevenzione”.

Bayer da sempre promuove la ricerca di nuove terapie a supporto di efficaci  trattamenti e prevenzione delle patologie cardiovascolari . Oggi, grazie alla collaborazione con Luca Carboni, Bayer si pone l’obiettivo di raggiungere il maggior numero di persone invitandole, come recita la chiusa del video, ad “ascoltare il proprio cuore perché è il gesto d’amore più bello che si possa fare”.

La campagna è stata ideata e realizzata in collaborazione con FCB Milan, sotto la direzione di Francesco Bozza, Chief Creative Officer.

Ad ospitare informazioni sulla campagna il sito ilbattitodelcuore.it e i canali social dedicati, Facebook e YouTube. Hashtag ufficiale#ilbattitodelcuore,sostenuto dal profilo Twitter @BayerItalia e dai social di Luca Carboni. 

“E’ una campagna non convenzionale che punta su un linguaggio universale come la musica per parlare al cuore delle persone”, aggiunge Nordio Sandrin, Business Unit Head General Medicine di Bayer.“Al centro dell’iniziativa abbiamo messo il paziente , certi che l’alleanza tra il paziente, correttamente informato sulle tematiche della prevenzione cardiovascolare, e il suo medico possa generare un circolo virtuoso con chiari benefici sulla salute pubblica”.

Partner dell’iniziativa di prevenzione cardiovascolare anche la Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA) – guidata dal Presidente Claudio Ferri - che, oltre a sensibilizzare la popolazione al controllo del rischio cardiovascolare, promuove da sempre un sano stile di vita e la corretta aderenza alle terapie prescritte.

 

 

 

Attività Notizie Eventi ALICe Italia

L'ictus pediatrico colpisce un bimbo su mille. Sintomi e prevenzione

L'ictus è una patologia neurologica che colpisce ogni anno 9mila persone. L'età si sta abbassando, sempre più. Abbiamo incontrato Clara, una bimba che nella sua disabilità è diventata pittrice https://www.rainews.it/tgr/veneto/video/2019/04/ven-ictus-pediatrico-colpisce-un-bimbo-su-mille-sintomi-e-prevenzione-efbcec5d-b3ed-4402-92df-c0b9f7c79a92.html

“Caregiver Day” 2019: radici di cura e nuove traiettorie

COMUNICATO STAMPA Buone pratiche, servizi e tecnologie per sostenere i familiari che assistono propri cari Clicca qui per scaricare la locandina   “Radici di cura e nuove traiettorie” è il filo conduttore della nuova edizione del “Caregiver Day”: giornate dedicate al caregiver familiare (chi si prende cura di un proprio caro malato, disabile,...

Eventi A.L.I.Ce. Piacenza

http://www.alicepiacenza.it http://www.aliceitalia.org/uploaded/LOCANDINA afasia coro e mostra .pdf   http://www.aliceitalia.org/uploaded/LOCANDINA afasia def con loghi.pdf

MANGIARE MALE UCCIDE PIÙ DEL FUMO

Nel 2017 gli errori della tavola hanno causato 11 milioni di morti. Due milioni sono state causate dallo scarso consumo di frutta   La principale causa di morte nel mondo? Il cibo, o meglio la cattiva alimentazione. Il fumo, per intenderci, fa meno vittime.   Nel 2017 per colpa di diete malsane sono morte nel mondo 11 milioni di persone, mentre il tabacco, secondo i dati...

DAL GOVERNO: Istat: Italia anziana d'Europa e senza ricambio generazionale

Italia prima in Europa per indice di vecchiaia - con 168,9 anziani ogni cento giovani - e tra i primi sei Paesi per indice dipendenza, con 56,1 persone in età non lavorativa ogni cento in età lavorativa. Non si ferma - spiega l'Istat nel focus "Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo", pubblicato sul sito dell'Istituto con dati aggiornati al...