Cosa fare


L’ictus è un’emergenza. Perciò la persona con sospetto di attacco deve ricevere istantaneamente le cure più adatte. Va contattato subito il 118, perché è fondamentale trasportarla con urgenza in ospedale, precisamente nei centri organizzati per l’emergenza all’ictus, cioè le Unità Urgenza Ictus - Stroke unit.


Per l’elenco delle Stroke Units in Italia cliccare il pulsante giallo in alto a sinistra sotto le foto che scorrono.

Queste unità sono composte da un team di professionisti di vario genere (sia medici sia infermieri) che conoscono il problema e sono in grado di trattarlo a perfezione.

Confronti fra dati di diversi studi condotti in diversi Paesi, hanno rilevato che con questa modalità gestionale si riducono statisticamente sia la mortalità sia il grado di invalidità di chi ha subito un ictus, indipendentemente dalla gravità e dall’età di chi è colpito.

Essenziale è cercare di far arrivare la persona nella struttura specializzata quanto prima in modo che esegua subito gli esami, la Tac in particolare, per capire se l’ictus è stato determinato da un’ischemia o da un’emorragia. Nel primo caso, infatti, si può procedere alla trombolisi, una tecnica in grado di sciogliere il coagulo che impedisce al sangue di arrivare al cervello.

La cosa importante, però, è agire entro le prime tre-quattro ore al massimo perché, dopo quest’arco di tempo può verificarsi un’emorragia in seguito al trattamento. Naturalmente, prima si interviene, più parti di cervello possono essere salvate.

Se si riconoscono i sintomi di un ictus, anche nel caso in cui colpisca un congiunto, una persona a noi vicina, e, possibilmente, se ci colpisce personalmente, è necessario e importantissimo:

  • NON perdere tempo, e CHIAMARE SUBITO IL 118, spiegando cosa sta accadendo

  • FARSI PORTARE IMMEDIATAMENTE NELL’OSPEDALE PIU’ VICINO, possibilmente dotato di Stroke Unit, cioè reparti adeguatamente attrezzati e con personale addestrato per gestire in maniera appropriata l’emergenza ictus

  • NON chiamare la guardia medica: è una perdita di tempo inutile

  • NON rivolgersi al Medico di Famiglia (idem)

  • NON aspettare che il sintomo passi da solo!!!

RIPETIAMO I SINTOMI DELL'ICTUS:

  • non riuscire più a muovere (paralisi - plegia) o muovere con minor forza (paresi), un braccio o una gamba o entrambi gli arti di uno stesso lato del corpo;
  • accorgersi di avere la bocca storta; rendersi conto di non sentire più, di sentire meno o in maniera diversa (formicolio), un braccio o una gamba o entrambi gli arti di uno stesso lato del corpo;
  • non riuscire a vedere bene metà o una parte degli oggetti (emianopsia);
  • non essere in grado di coordinare i movimenti e di stare in equilibrio;
  • far fatica a parlare sia perché non si articolano bene le parole (disartria) sia perché non si riescono a scegliere le parole giuste o perché non si comprende quanto viene riferito dalle persone intorno (afasia)
  • essere colpito da un violento e molto localizzato mal di testa, diverso dal solito

Se si ha uno di questi sintomi bisogna chiamare subito il 118!

L’ ICTUS ED IL TIA SONO EMERGENZE MEDICHE! 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal...

QUESTIONARIO ONLINE SULLE CADUTE NELLA POPOLAZIONE ANZIANA E NEI PAZIENTI AFFETTI DA PATOLOGIE NEUROLOGICHE

Riceviamo e volentieri condividiamo l’invito a partecipare alla compilazione del questionario online sulle cadute nella popolazione anziana e...

Diabete: aumentando (anche di poco) il consumo di frutta, verdura e cereali integrali si riduce il rischio di ammalarsi

Chi consuma frutta e verdura in grande quantità ha un rischio del 50% più basso di sviluppare diabete 2. Per ogni 66 grammi al...

Cosa pensano 100 gruppi di pazienti italiani di 23 aziende farmaceutiche nel 2019

NOTIFICA DI NUOVA PUBBLICAZIONE PATIENTVIEW Questa è la sesta edizione di "The Corporate Reputation of Pharma - From the Perspective of...

Un mondo più green e solidale, il sondaggio tra Millennial e GenZ

la pandemia non cancella la speranza, ma sul lavoro c’è più paura Uno studio di Deloitte ha fatto le stesse domande prima e...

La prossima pandemia: conoscere il passato, capire il presente e progettare il futuro

"Stranamente, non abbiamo mai avuto più informazioni di adesso, ma continuiamo a non sapere che cosa succede." L'ha detto anche...

Coronavirus: urgente un Piano nazionale di "rientro" delle liste di attesa

AZIENDE E REGIONI Oggi "più di ieri" le liste d'attesa sono un'emergenza sulla quale concentrare subito l'attenzione e...

Coronavirus/Gimbe: stop allo stato di emergenza ma non è tutto finito, ora ci attende la convivenza con l'influenza

Con la delibera del 31 gennaio 2020 è stato dichiarato in Italia lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso...