Report Eurostat: in Europa evitabile una morte su tre. Infarti e ictus le priorità d’intervento


 

Nel 2013 l’Unione europea ha registrato 1,7 milioni di morti tra la popolazione che ha meno di 75 anni. Ma ben il 33,7% dei decessi sono da considerare “prematuri”, cioè sarebbe stati evitabili, allo stato attuale delle competenze e tecnologie mediche. L’amaro bilancio arriva dall’ultimo studio di Eurostat - l’ufficio statistico della Ue - sulla mortalità evitabile. Un report che indica a chiare lettere anche le aree dove l’“incuria” è stata maggiore: infarti (184.800 morti) e ictus (circa 94mila morti) - seguiti cancro colorettale e della mammella, da ipertensione e polmonite - che nel complesso cumulano il 48% delle morti premature. Ma cosa significa che questi decessi sarebbero stati “evitabili”? In soldoni, che non si sarebbero verificati a quella data, in presenza di interventi sanitari tempestivi ed efficaci. Tradotto: nei sistemi sanitari dove questo dato è maggiore si registrano performance da correggere; in quelli dove la percentuale è più bassa si è sul giusto (ma sempre migliorabile) binario.
La classifica. Nella classifica Eurostat Romania e Lettonia indossano la maglia nera con, rispettivamente, il 49,4% e il 48,5% delle morti evitabili. A ruota, Lituania (45,4%) e Slovacchia (44,6%). Le best practice, dal 30% in giù, si registrano nella più virtuosa Francia (23,8%) e ancora, a seguire, in Danimarca (27,1%), Belgio (27,5%) e Olanda (29,1%). L’Italia, con il 33%, mostra performance comunque leggermente migliori della media europea. Al di sotto dei capolista, ma più positive rispetto a Paesi con sistemi sanitari universalistici (un tempo) e tradizionalmente efficienti come il Regno Unito. Che a sorpresa presenta ben il 34,2% di morti evitabili.
Il punto dell’Iss. Un aspetto che fa notare il presidente del nostro Istituto superiore di Sanità Walter Ricciardi, che così sintetizza e commenta i dati del rapporto: «Eurostat individua alcune componenti importanti sullo stato di salute del Paese: l’Italia ha performance migliori della media europea e anche di altri servizi sanitari come quelli di Gran Bretagna e Svezia; il lavoro avviato nei passati 3 anni è focalizzato su un ulteriore miglioramento di queste performance attraverso l’appropriatezza organizzativa e professionale perseguita attraverso misure sia regolamentari (come il Regolamento per gli standard organizzativi e funzionali delle strutture ospedaliere) sia di lavoro comune con i professionisti per mettere al centro delle strategie diagnostiche e terapeutiche le migliori pratiche per il paziente; gli investimenti in prevenzione che il Paese intende avviare a partire dai prossimi Livelli essenziali di assistenza consolideranno la strategia di prevenzione di malattie e la riduzione della mortalità evitabile.
La prevenzione che latita. Prevenzione è dunque la parola e l’obiettivo da centrare, se si vuole far sì che l’Italia risalga la china di quel 33% di morti evitabili. In cui come detto il cardiovascolare è un vero e proprio tallone d’Achille. E questo significa lavorare sui corretti stili di vita fin dall’infanzia, sull’equità di accesso alle cure da nord a sud del Paese, sull’alimentazione e su dotazioni anche basilari ma salvavita come i defibrillatori. I governi sono avvertiti. Anche quello italiano, che continua a destinare alla prevenzione un misero 4% più spiccioli rispetto al target 5% indicato da ultimo nel Patto per la salute.

Per saperne di più: in allegato, cliccando qui, ultimo studio di Eurostat sulla mortalità evitabile.
Fonte: Sole 24 ore Sanità, articolo di Barbara Gobbi, 25 maggio 2016

Novità scientifiche ALICe Italia

Convegno 21 novembre: L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS

Partecipazione di A.L.I.Ce. Italia al Convegno intitolato "L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS: DAL PDTA* AL PDTR* (*PDTA: Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale *PDTR: Percorso Diagnostico Terapeutico Riabilitativo), che si svolgerà nella giornata di mercoledì 21 novembre presso la SALA CONGRESSI CRT - CLINICA RIABILITAZIONE TOSCANA SPA - Ospedale...

XII CONGRESSO NAZIONALE A.I.N.A.T.

Dal 4 al 6 ottobre 2018 presso la struttura Astoria Palace Hotel di Palermo si svolgerà il XII Congresso Nazionale A.I.N.A.T. con il patrocinio gratuito di A.L.I.Ce. Italia Onlus. Tutti coloro che fossero interessati potranno scaricare il programma delle giornate e tutte le informazioni necessariecliccando sul seguente link http://www.ainat2018.it

Progetto smartCARE: nuova tappa

 Il 19 luglio si svolgerà a Roma il prossimo meeting del progetto smartCARE_2, cofinanziato dalla Agenzia Spaziale Europea (ESA) e finalizzato alla erogazione di un servizio di tele-riabilitazione neuromotoria e cognitiva, a domicilio.   Il meeting ha carattere propedeutico rispetto allo svolgimento della seconda ed ultima campagna di prova e validazione in campo, che si...

Aderenza terapeutica: Regioni attente all’appropriatezza prescrittiva (CITTADINANZATTIVA 18 luglio 2018)

  Riceviamo dall'Ufficio stampa nazionale di Cittadinanzattiva onlus volentieri pubblichiamo:       Comunicato stampa                                                                     ...

Il tabacco «infrange i cuori». L'allarme dell'Oms sui rischi cardiovascolari: «Tre milioni di morti l'anno»

Il cancro, purtroppo, ma anche l'altissimo di rischio di malattie cardiovascolari. Che sono tra i big killer mondiali. In occasione della Giornata mondiale senza tabacco, l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) in un nuovo Rapporto registra la netta diminuzione del consumo della sostanza a partire dal 2000, ma avvisa che «la riduzione è insufficiente per...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Italiani, siamo di meno e più vecchi

Dopo un secolo di crescita costante, la popolazione italiana oggi diminuisce. E nello stesso tempo invecchia: nel 2050 saremo due milioni e mezzo in...

NON È MAI TROPPO TARDI! Over 65: il declino cognitivo si combatte con l’attività fisica

Allenandosi tre volte a settimana per sei mesi si ringiovanisce il cervello di 10 anni Chi mostra segnali di declino cognitivo dovrebbe tirar fuori...

Malattie non trasmissibili: ancora troppe morti premature nel mondo

IL RAPPORTO Malattie non trasmissibili: ancora troppe morti premature nel mondo Cancro, malattie cardiovascolari e respiratorie, diabete sono...

Italiani ossessionati dallo smartphone, ma non allenano il cervello

Solo il 5% degli Italiani allena e stimola correttamente il proprio cervello durante la giornata, mentre il 24% se ne dimentica completamente e non...

40 miliardi la spesa sanitaria privata nel 2018. Malati cronici e anziani i big spender

Gli ultrasessantenni hanno speso oltre la metà (23 miliardi) dei 40 miliardi complessivi di euro che nel 2018 gli italiani hanno speso di...

"CittadinanzAttiva": bene il nuovo Piano per le liste d'attesa

Cittadinanzattiva giudica «positivamente» il nuovo Piano nazionale delle liste di attesa del Governo perché «volto ad...

L'ALLARME: Dalle stelle alle stalle e ritorno. Così le fluttuazioni di reddito fanno impazzire il cuore

L’instabilità economica raddoppia il rischio di infarti e ictus e di morte prematura Chi non può contare su entrate stabili da...

AZIENDE E REGIONI: Partecipazione civica in sanità, Italia ai primordi. Serve un Patto per implementare le politiche e ridurre le disparità

«L'attuazione del Servizio sanitario nazionale compete allo Stato, alle Regioni e agli enti locali territoriali, garantendo la...