Ictus: la finestra terapeutica delle 24 ore

La Finestra Terapeutica Individuale è il nuovo concetto che si è affacciato nel campo della terapia post ictus: due studi hanno infatti dimostrato l’efficacia del trattamento endovascolare fino a 16-24 ore dal teorico esordio dell’ictus rispetto alle 5-6 ore tradizionalmente ritenute la finestra ottimale.

Finestra terapeutica, core ischemico e penombra ischemica

Già dalla fine degli anni ‘70 era noto, da studi effettuati su animali, che a seguito della chiusura di un’arteria cerebrale si poteva evidenziare un’area di tessuto cerebrale con un flusso sanguigno residuo incompatibile con la sopravvivenza (core ischemico) ed un’area più ampia di tessuto con flusso sanguigno residuo che consentiva la sopravvivenza ma non la normale funzionalità (penombra ischemica).

Quest’area di penombra non sopravviveva a tempo indeterminato, ma in media 4-6 ore che rappresentavano la finestra terapeutica per cercare di impedire al tessuto cerebrale di andare incontro alla definitiva necrosi.

Ma abbiamo dovuto attendere la fine degli anni 90 e i primi anni 2000 per dimostrare l’efficacia della trombolisi intravenosa, ovvero della somministrazione di un farmaco chiamato rt-PA, nel risparmiare il tessuto cerebrale in penombra e favorire un recupero più o meno completo del deficit neurologico.

Nel 2015, poi, sono stati pubblicati i risultati di 5 trial che hanno dimostrato che l’asportazione meccanica per via endovascolare del trombo occludente un’arteria cerebrale, specie se effettuata dopo la somministrazione di rt-PA, era molto efficace per il recupero della normalità in pazienti con occlusione di grandi arterie intracraniche. La finestra terapeutica ottimale per il trattamento era in media di 5-6 ore.

Ictus e Finestra Terapeutica Individuale

“Tuttavia, già da diversi anni era evidente che la durata media della finestra terapeutica era un’astrazione statistica e che c’era la possibilità di individuare pazienti con finestre terapeutiche più lunghe, anche di diverse ore – ha spiegato il Prof. Danilo Toni Direttore Unità di Trattamento Neurovascolare Policlinico Umberto I di Roma, durante la Settimana del Cervello 2018 promossa dalla Società italiana di Neurologia – Si è quindi passati dal concetto di finestra temporale a quello di finestra tessutale, ovvero di una finestra di opportunità terapeutica individuale essenzialmente legata all’efficienza dei circoli collaterali che apportano sangue al cervello in penombra”.

E due trial pubblicati a gennaio e febbraio di quest’anno sul New England Journal of Medicine hanno dimostrato la possibilità di sfruttare al meglio la finestra terapeutica individuale.

Nel trial DAWN (DWI or CTP Assessment with Clinical Mismatch in the Triage of Wake-Up and Late Presenting Strokes Undergoing Neurointervention with Trevo) pazienti con occlusione della carotide interna intracranica o del tratto prossimale dell’arteria cerebrale media sono stati randomizzati a trombectomia meccanica o trattamento standard, entro 6-24 ore dall’ultima volta in cui erano stati visti in condizione normalità. I pazienti sono stati randomizzati in base alle seguenti variabili:

  • gruppo A: età ≥ 80 anni con punteggio NIHSS ≥10 e volume infartuale < 21 ml
  • gruppo B: età < 80 anni con punteggio NIHSS ≥10 e volume infartuale <31 ml
  • gruppo C: età < 80 anni con punteggio NIHSS ≥20 e volume infartuale fra 31 e 51 ml

La NIHSS è una scala per la quale il punteggio 0 corrisponde ad un esame neurologico normale e più alto è il punteggio più grave è il quadro clinico.

Il volume infartuale è stato valutato con risonanza magnetica con sequenze in diffusione (RM DW) o con TC di perfusione ed è stato calcolato con un software automatico.

Il trial Endovascular Therapy Following Imaging Evaluation for Ischemic Stroke (DEFUSE 3) ha randomizzato a trombectomia meccanica o terapia standard, pazienti con ictus ischemico acuto esordito fra 6 e 16 ore dall’ultima volta in cui erano stati visti in condizione normalità. Criteri di inclusione principali erano un’occlusione dell’arteria cerebrale media prossimale o dell’arteria carotidea interna, un volume iniziale dell’infarto inferiore a 70 ml e un rapporto volumetrico fra core ischemico e penombra uguale o superiore a 1.8.  Core ischemico e penombra sono stati valutati con TC di perfusione o con risonanza magnetica con sequenze in diffusione e perfusione e calcolati con un software automatico.

Trattamento endovascolare efficace fino a 16-24 ore

Entrambi i trial hanno dimostrato l’efficacia del trattamento endovascolare fino a 16-24 ore dal teorico esordio dell’ictus nel consentire un recupero funzionale a tre mesi dal trattamento, a fronte di un rischio di complicanze emorragiche e di mortalità comparabile a quello del trattamento standard.

Si apre quindi un fronte nuovo nel mondo della cura dell’ictus cerebrale ischemico, nel quale l’opportunità di intervenire con trattamenti di rivascolarizzazione potrà essere valutata con finestre terapeutiche individuali, secondo il principio della medicina di precisione.

La selezione dei possibili candidati al trattamento, comunque, richiede il ricorso a tecniche di neuroimmagini avanzate come la TC di perfusione o la risonanza magnetica con sequenze in diffusione e perfusione ed il calcolo dei volumi lesionali e delle aree di ipoperfusione attraverso software automatizzati.

Fonte: Salutepiu.info March 20, 2018 in: Neurologia   Vene e Arterie

 

Novità scientifiche ALICe Italia

Convegno 21 novembre: L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS

Partecipazione di A.L.I.Ce. Italia al Convegno intitolato "L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS: DAL PDTA* AL PDTR* (*PDTA: Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale *PDTR: Percorso Diagnostico Terapeutico Riabilitativo), che si svolgerà nella giornata di mercoledì 21 novembre presso la SALA CONGRESSI CRT - CLINICA RIABILITAZIONE TOSCANA SPA - Ospedale...

XII CONGRESSO NAZIONALE A.I.N.A.T.

Dal 4 al 6 ottobre 2018 presso la struttura Astoria Palace Hotel di Palermo si svolgerà il XII Congresso Nazionale A.I.N.A.T. con il patrocinio gratuito di A.L.I.Ce. Italia Onlus. Tutti coloro che fossero interessati potranno scaricare il programma delle giornate e tutte le informazioni necessariecliccando sul seguente link http://www.ainat2018.it

Progetto smartCARE: nuova tappa

 Il 19 luglio si svolgerà a Roma il prossimo meeting del progetto smartCARE_2, cofinanziato dalla Agenzia Spaziale Europea (ESA) e finalizzato alla erogazione di un servizio di tele-riabilitazione neuromotoria e cognitiva, a domicilio.   Il meeting ha carattere propedeutico rispetto allo svolgimento della seconda ed ultima campagna di prova e validazione in campo, che si...

Aderenza terapeutica: Regioni attente all’appropriatezza prescrittiva (CITTADINANZATTIVA 18 luglio 2018)

  Riceviamo dall'Ufficio stampa nazionale di Cittadinanzattiva onlus volentieri pubblichiamo:       Comunicato stampa                                                                     ...

Il tabacco «infrange i cuori». L'allarme dell'Oms sui rischi cardiovascolari: «Tre milioni di morti l'anno»

Il cancro, purtroppo, ma anche l'altissimo di rischio di malattie cardiovascolari. Che sono tra i big killer mondiali. In occasione della Giornata mondiale senza tabacco, l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) in un nuovo Rapporto registra la netta diminuzione del consumo della sostanza a partire dal 2000, ma avvisa che «la riduzione è insufficiente per...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Convegno 21 novembre: L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS

Partecipazione di A.L.I.Ce. Italia al Convegno intitolato "L’EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL’ICTUS: DAL PDTA* AL PDTR* (*PDTA:...

Caregiver familiare, A.L.I.Ce. in audizione al Senato: “Scrivete questa legge con il cuore”

La 11° Commissione Lavoro del Senato, nell’ambito della discussione dei testi di proposte di legge che riguardano la figura del caregiver...

MEDICINA E RICERCA: Centri Ictus, la "rete" per l'emergenza funziona ma al Sud restano vistose lacune

In occasione della Giornata Mondiale contro l'Ictus e in concomitanza con la chiusura della terza edizione di "Riprenditi la vita", la...

Dal Parkinson all’emicrania: 4 milioni di italiani convivono con una malattia neurologica

Trecento mila sono quelli che soffrono di malattia di Parkinson, 120 mila sono coloro che sono affetti da sclerosi multipla, 800mila quelli che...

Iniziative per la Giornata Mondiale dell'Ictus - Arezzo

AREZZO – Domani, lunedì 29 ottobre, ricorre la Giornata Mondiale dell’Ictus, una malattia acuta che deriva dalla occlusione (ictus...

Iniziative per la Giornata Mondiale dell'Ictus - Venezia

UNO SCATTO CONTRO L'ICTUS Il 29 Ottobre in occasione della giornata mondiale contro l'ictus cerebrale, partecipa anche tu ad...

Iniziative per la Giornata Mondiale dell'Ictus - Varese

  Alice Varese assieme alla Stroke Unit della ASST-Settelaghi di Varese, in data 7 ed 8 Novembre, metterà a disposizione  un...