T.I.A.


Spesso chiamati “mini stroke“ questi segni di ictus , sono dei “ campanelli d’ allarme” e devono essere presi molto seriamente.   Il TIA è causato da un “ coagulo temporaneo”che ostruisce un arteria,  la sola differenza tra ictus e TIA è che il “ blocco dell’ arteria ” è temporaneo.  

I sintomi del TIA si verificano molto velocemente e durano un tempo breve ( da pochi  minuti  ad un ora) .

  Contrariamente all’ ictus il TIA non lascia danni al cervello.

(NOTA: Perchè alcuni coaguli si dissolvono ed altri no?  Il corpo umano possiede degli agenti che “ dissolvono i coaguli “. I coaguli si dissolvono, ma quale sarà il danno dipende da quanto tempo il coagulo rimane  nel sito di occlusione  . Non c è un modo per predire quando un coagulo si dissolve  da solo, il tempo è un  fattore importante.)    

I segni e sintomi del TIA sono gli stessi dell’ ictus.  

Sebbene la maggior parte degli ictus non sia preceduto da un TIA , circa 1/3 dei pazienti che ha avuto un TIA ha un ictus entro un anno. Il TIA è un campanello d'allarme e da la possibilità di prevenire un eventuale ictus Riconoscendo i segni di un TIA  e raggiungendo l’ospedale in tempi brevi, il paziente potrà essere valutato dai medici , si può identificare la causa del TIA ed iniziare un trattamento adeguato, medico o chirurgico (esempio una stenosi critica della carotide ) che può prevenire un ictus più severo.    

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Werbinar cittadinanzattiva

Cittadinanzattiva è lieta di invitarvi il 2 dicembre dalle ore 18.00 alle ore 19.00  al webinar "Dolore: 10 anni di...

FISH: no alla violenza sulle donne, no alla discriminazione

La Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap aderisce e sostiene convintamente la Giornata internazionale per...

INVITO AL WEBINAR "OSSERVATORIO FIBRILLAZIONE ATRIALE" - 25 NOVEMBRE 2020 ORE 15

OGGI a partire dalle ore 15 si terrà il Webinar "Osservatorio Fibrillazione Atriale" Intervengono tra gli altri: Raffaele...

L'ictus non resta a casa

Presentata l'Indagine civica di Cittadinanzattiva sulla legge 38/2010. Ancora poco conosciuta dai cittadini, la gran parte ignora importanti diritti per la terapia del dolore e le cure palliative.

Non_siamo_nati_per_soffrire_leaflet.pdf REPORT_Noi_non_siamo_nati_per_soffrire_compressed.pdf Riceviamo e volentieri condividiamo i risultati...

SAVE THE DATE 5 novembre 2020 ore 16-17.30 Risultati monitoraggio

  Cittadinanzattiva  è lieta di invitarvi il 5 novembre dalle ore 16.00 alle ore 17.30 all'evento "Non...