Presentati al Parlamento Europeo i risultati dello Studio “Burden of Stroke (Impatto dell'Ictus)

Lo studio “Burden of Stroke” condotto a livello europeo mostra notevoli disparità tra i singoli paesi e anche al loro interno per quanto riguarda l’intero percorso di cura dei pazienti colpiti da ictus cerebrale. Da evidenziare come il post ictus venga trascurato da tutti i Paesi.

COMUNICATO STAMPA

Roma, 11 maggio 2017 – La Stroke Alliance for Europe ha presentato oggi la tanto attesa e completa analisi sull’intero percorso dell’ictus in Europa. Davanti a decine di membri del Parlamento Europeo, Jon Barrick, Presidente di SAFE e Valeria Caso, Presidente dell’European Stroke Organization, hanno illustrato le principali conclusioni della ricerca condotta dal King’s College su 35 Paesi Europei in contemporanea.

“Anche se, in Europa, il tasso di mortalità legato all’ictus cerebrale è diminuito nel corso degli ultimi 20 anni, l’ictus cerebrale rimane una catastrofe umanitaria che si verifica sotto i nostri occhi perché più persone sopravvivono all’ictus e sono sempre più le persone che rimangono con gravi disabilità – ha dichiarato Jon Barrick. Il peso economico e sociale complessivo dell’ictus aumenterà drammaticamente nei prossimi 20 anni a causa dell’invecchiamento della popolazione. Gli organi decisionali in Europa devono individuare il modo migliore per combattere l’ictus cerebrale e rendere più facile la vita per coloro che sopravvivono all’ictus e alle loro famiglie”.

I dati raccolti nello studio Burden of Stroke indicano che tra il 2015 e il 2035 ci sarà complessivamente un aumento del 34% nel numero totale degli eventi cerebrovascolari acuti nell’Unione Europea, dai 613.148 casi nel 2015 agli 819.771 nel 2035.

Un confronto a livello europeo sull’ictus e sull’assistenza sono fondamentali per aiutare ogni singolo Paese a mettere in atto strategie di prevenzione efficace per questa patologia, fornire un’assistenza adeguata e appropriata e supportare tutti quelli che vengono colpiti da ictus. SAFE invita ogni Paese Europeo ad istituire un registro nazionale per l’ictus al fine di mantenere un adeguato controllo sulla patologia.

Il registro consentirebbe di monitorare le risorse e le prestazioni erogate durante l’intero percorso di cura.  La condivisone dei risultati permetterà, inoltre, ad ogni Paese di imparare dagli altri e rinforzare e accelerare il processo di miglioramento dei modelli di cura per l’ictus adottati dai singoli paesi.

Molti milioni di persone viaggiano in Europa da paese a paese ed è spaventoso pensare che possano ricevere cure eccellenti in una nazione mentre in un’altra possano andare incontro alle conseguenze catastrofiche dell’ictus cerebrale a causa della mancanza di adeguate cure per l’ictus.

Il costo totale dell’ictus in Europa è stimato nel 2015 in 45 miliardi di euro ed è destinato ad aumentare, includendo sia i costi derivanti dall’assistenza sanitaria sia quelli indiretti a carico delle famiglie e delle società. Le previsioni mostrano che il numero delle persone colpite da ictus come condizione cronica passerà da 3.718.785 nel 2015 a 4.631.050 nel 2035, rappresentando quindi un incremento del 25% pari circa a 1 milione di persone in Europa. Si tratta di una gigantesca onda che sta per abbattersi su di noi ed è meglio iniziare a prepararsi per affrontarla – ha sottolineato ancora Jon Barrick, aggiungendo che è necessario un piano di azione comune contro l’ictus in Europa in modo che il previsto incremento del 34% del numero di nuovi casi di ictus dal 2017 al 2035 non travolga i Sistemi Sanitari Nazionali e le famiglie dei pazienti colpiti da ictus cerebrale.

SAFE ritiene che il modo migliore per combattere l’ictus sia che ogni Paese membro della Comunità Europea abbia una strategia per l’ictus a livello nazionale attivamente supportata e sostenuta dal Governo e che riguardi l’intero percorso di cura dell’ictus: dalla diffusione della conoscenza tra la popolazione alla prevenzione, diagnosi e trattamenti, dai modelli di rete, riabilitazione specialistica per trattamenti a lungo termine, dall’integrazione sociale alla partecipazione alla vita comune. La strategia dovrebbe prendere in considerazione anche la questione delle cure palliative e del fine vita.

Nella pianificazione di queste strategie è fondamentale che vengano coinvolti i rappresentanti di tutte le professioni coinvolte nella cura dei pazienti, caregiver, persone che sono state colpite da ictus e le associazioni di volontari di ciascun paese.

Per maggiori informazioni, visita i siti www.strokeeurope.eu e www.safestroke.eu

                                                                       -----------------------------------

A.L.I.Ce. Italia Onlus è una Federazione di Associazioni regionali di volontariato - suddivise in oltre 80 tra sedi e sezioni - che ha tra i propri obiettivi statutari: diffondere l’informazione sulla curabilità della malattia; facilitare la informazione per un tempestivo riconoscimento dei primi sintomi come delle condizioni che ne favoriscono l’insorgenza; sollecitare gli addetti alla programmazione sanitaria affinché provvedano ad istituire centri specializzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone colpite da ictus e ad attuare progetti concreti di screening; tutelare il diritto dei pazienti ad avere su tutto il territorio nazionale livelli di assistenza, uniformi ed omogenei.

A.L.I.Ce. Italia Onlus è membro della World Stroke Organization (WSO), di cui fanno parte associazioni di pazienti colpiti da Ictus di 85 Paesi e di SAFE, Stroke Alliance for Europe, organizzazione che riunisce 30 Associazioni di pazienti di Paesi europei e che ha diffuso le linee guida per la prevenzione e una migliore cura dell’ictus in un documento rivolto al Parlamento europeo e a tutti i governi dell’Unione, oltre che di ISO, Italian Stroke Organization ed ESO, European Stroke Organization.

 

Per ulteriori informazioni:

GAS Communication srl

Tel 06 68134260 – Fax 06 68134876

Mara Cochetti

m.cochetti@gascommunication.com

 

Notizie estero

Webinar dell'Organizzazione mondiale per l'ictus - 8 luglio 2020

La World Stroke Organization ha organizzato una serie in tre parti intitolata "Mantenere l'ictus come priorità".  In queste occasioni, le diverse organizzazioni di supporto per l'ictus di America, Europa e Asia / Oceania hanno messo in evidenza l'impatto del COVID 19 sulle persone che hanno vissuto l’esperienza dell’ictus nel corso di tutto il loro...

SAFE promuove un migliore accesso a informazioni accurate e comprensibili sull'ictus

SAFE promuove un migliore accesso a informazioni accurate e comprensibili sull'ictus, aumentando la priorità attribuita all'ictus da parte delle politiche, dei decisori e dei fornitori di assistenza sanitaria. Different Strokes: classi di esercizi online per i sopravvissuti all'ictus 16 giugno 2020 Non si può negare: viviamo in tempi senza precedenti. La...

I leader mondiali dell'ictus lanciano una strategia radicale di prevenzione dell'ictus e della demenza

  COMUNICATO STAMPA 29 maggio 2020, Ginevra La World Stroke Organization (WSO) ha pubblicato un quadro strategico radicale che mira a trasformare la prevenzione dell'ictus e della demenza. Pubblicata nell'ultima edizione di The Lancet Neurology, la Dichiarazione WSO sulla prevenzione globale dell'ictus e della demenza, riconosce la comunanza e la reciprocità...

Giornata europea di sensibilizzazione sull'ictus 2020

Questa giornata europea di sensibilizzazione sull'ictus, il 12 maggio, il secondo martedì di maggio, vorremmo ricordare alle persone che l'ictus continua a verificarsi anche in tempi della pandemia globale di Covid-19. I pazienti con ictus devono chiamare i servizi di emergenza immediatamente dopo l'insorgenza dei sintomi e cercare un aiuto professionale. Nel mezzo della...

Portogallo: sopravvissuti all'ictus senza accesso alla riabilitazione durante la pandemia di COVID-19

L'associazione portoghese dei sopravvissuti all'ictus - PT.AVC - mette in guardia sulle conseguenze dell'attuale crisi sanitaria sulla cura dell'ictus. L'ictus è la prima causa di morte e disabilità in Portogallo. In un sondaggio condotto tra il 20 e il 27 aprile e al quale hanno risposto 868 sopravvissuti all'ictus portoghese, il 91% di tutti i...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
QUESTIONARIO: “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE”

Invito a compilare questionario anonimo per la Campagna informativa sulla Legge 38/2010 “NON SIAMO NATI PER...

COMUNICAZIONE PAUSA ESTIVA: TEMPO DI VACANZE

  A tutti i nostri soci, lettori e amici Siamo nel pieno dell'estate: agosto è un mese in cui tornare a sorridere, a ricaricare le...

Coronavirus/Fnopi, infermieri pronti a sostenere il rientro a scuola in sicurezza

LAVORO E PROFESSIONE Garantire la salute nelle scuole fa parte delle caratteristiche proprie della professione infermieristica: professionisti...

Prima è meglio. La salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di sigarette hanno alle spalle

Lo studio A soffrire di Bpco è il 32,7% delle persone con più di quarant’anni di fumo alle spalle e "solo" il 9,1% di...

Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal...

Diabete: aumentando (anche di poco) il consumo di frutta, verdura e cereali integrali si riduce il rischio di ammalarsi

Chi consuma frutta e verdura in grande quantità ha un rischio del 50% più basso di sviluppare diabete 2. Per ogni 66 grammi al...

Audizione di Cittadinanzattiva in Commissione Parlamentare per la Semplificazione sul SSN

Riceviamo da Cittadinanzattiva e volentieri condividiamo  il comunicato stampa del 1 giugno riguardante "Audizione di...

Looking Forward: Webinar Series 2020

Covid-19, Iniziative e Messaggi per il Futuro del SSN dalle Associazioni dei Pazienti. Mercoledì 3 giugno ore 16.00-18.00 In questo periodo...