Berlino 2018: SAFE Working Conference e Assemblea generale

Una grande partecipazione alla Working Conference e General Assembly di SAFE (Stroke Alliance For Europe) si è registrata anche nel 2018.

L’evento, articolatosi in tre giorni di attività (dal 28 al 30 novembre 2018) a Berlino, ha visto la partecipazione di oltre un centinaio tra delegati e partner di SAFE. L'organizzazione ospitante è stata la Stiftung Deutsche Schlaganfall Hilfe (presidente Michael Brinkmeier).

Il presidente di SAFE Jon Barrick e il membro del consiglio ESO Heinrich Audebert nelle loro presentazioni hanno illustrato lo “Stroke Action Plan for Europe 2018” e le raccomandazioni generali sui sette domini (prevenzione primaria, organizzazione dei servizi, gestione in fase acuta, prevenzione secondaria e follow-up, riabilitazione, valutazione degli outcome e della qualità, vita dopo l'ictus).

La Working Conference è stata dedicata all'aggiornamento dei membri sui progetti in corso e alla presentazione dei progetti per il prossimo periodo.

Il SSOFT (Stroke Support Organisation Faculty Tool) è stato completato poco prima della riunione annuale di SAFE e il direttore del progetto, Victoria Brewer, ha riassunto i risultati ottenuti e illustrato le strategie per il suo futuro utilizzo e per la sua maggiore diffusione. In breve, si tratta della prima piattaforma online per l'apprendimento sull’ictus, il cui obiettivo generale è quello di ottenere una migliore cura e consentire alle Organizzazioni di Supporto allo Stroke (ai membri dell'ESO) e ai loro componenti, pazienti e professionisti, di rafforzare la loro capacità di sostenere e incidere sulle strategie di prevenzione, diagnosi, trattamento e cura del post-ictus: una preziosa risorsa didattica online per aiutare tutti noi ad agire e parlare, connettersi e apportare cambiamenti in tutta Europa. Sia che si abbia avuto esperienza di ictus in ambito personale sia professionale, il programma di apprendimento interattivo, diviso in 6 moduli, consente agli utenti di scoprire di più su come supportare i sopravvissuti all'ictus e far sì che tali cambiamenti possano avvenire nelle loro realtà regionali, territoriali, locali ecc.

Un importante momento di confronto è stato rappresentato dai tavoli di lavoro sui punti caldi dello Stroke Action Plan e sulle questioni aperte da SAFE, organizzati per cluster di Nazioni, concentrandosi in particolare sui seguenti argomenti: come organizzare e promuovere campagne informative sull’ictus, i bisogni del paziente con ictus integrati dal punto di vista della persona sopravvissuta all’ictus e del personale sanitario, strategie di raccolta fondi per associazioni ed attività, strategie di coinvolgimento dei giovani nelle organizzazioni per l’ictus. L’Italia è stata coinvolta nel cluster centrale europeo, partecipando ai tavoli di lavoro sui bisogni dei pazienti, sulla ricerca di fondi e sullo stato dell’arte dello Stroke Action Plan in Italia rispetto all’Europa centrale.

Il 30 novembre si è riunita l’Assemblea Generale e sono stati eletti tre nuovi membri del Consiglio: Grethe Lunde dalla Norvegia (Norsk Forening per Slagrammede - NFS) come rappresentante del North Cluster, Chris Macey dall'Irlanda (Irish Heart Foundation) come tesoriere e Marina Charalambous di Cipro (Cyprus Stroke Organization) come membro del “Board Member at Large”.

Due nuove organizzazioni sono diventate membri del gruppo SAFE: Porážka.sk dalla Slovacchia e CEREBRUM dalla Repubblica ceca.

SAFE ha premiato le organizzazioni di sostegno per l’ictus provenienti da Turchia, Spagna, Serbia, Croazia, Portogallo, Islanda e Cipro per il loro lavoro nella lotta alla patologia, nel sostegno ai sopravvissuti e alle loro famiglie e nel rappresentare la voce dei pazienti durante il 2018.

Inoltre, sono stati discusse la relazione annuale e la strategia SAFE, nonché le imminenti attività politiche SAFE a livello dell'UE.

Toccante l’entusiastico resoconto “Tongue in cheek” della sua prima esperienza alla SAFE Working Conference di Roman Shwed (nella foto sotto il primo sulla sinistra), sopravvissuto all’ictus e rappresentante dell’Ucraina, pubblicato sul sito SAFE (https://www.safestroke.eu/2018/12/04/a-tongue-in-cheek-report-from-safe-working-conference/), la cui eventuale traduzione non renderebbe merito, che si conclude con l’augurio “THANK YOU DELEGATES – JEDI KNIGHTS ALL … MAY THE “SAFE” FORCE BE WITH YOU!”.

Notizie estero

Berlino 2018: SAFE Working Conference e Assemblea generale

Una grande partecipazione alla Working Conference e General Assembly di SAFE (Stroke Alliance For Europe) si è registrata anche nel 2018. L’evento, articolatosi in tre giorni di attività (dal 28 al 30 novembre 2018) a Berlino, ha visto la partecipazione di oltre un centinaio tra delegati e partner di SAFE. L'organizzazione ospitante è stata la Stiftung Deutsche...

EUROPA E MONDO Outlook Deloitte: spesa sanitaria mondiale in crescita del 4% l'anno fino al 2021

  Assistenza sanitaria appropriata erogata al momento e nel luogo giusto; investimenti in tecnologia per la diagnostica per fornire cure sempre più appropriate; dati sui pazienti concentrati a livello centrale, più protetti e più accessibili; maggiore attenzione alle competenze; ruolo attivo del paziente; modelli cost-effective per portare l'assistenza sanitaria in...

Presentati al Parlamento Europeo i risultati dello Studio “Burden of Stroke (Impatto dell'Ictus)

Lo studio “Burden of Stroke” condotto a livello europeo mostra notevoli disparità tra i singoli paesi e anche al loro interno per quanto riguarda l’intero percorso di cura dei pazienti colpiti da ictus cerebrale. Da evidenziare come il post ictus venga trascurato da tutti i Paesi. COMUNICATO STAMPA Roma, 11 maggio 2017 – La Stroke Alliance for Europe ha...

World Stroke Organization: comunicazione del neoeletto Presidente Werner Hacke agli associati

Cari Colleghi, in questo 2016 abbiamo realizzato tanti obiettivi. Abbiamo avuto un grande successo al Congresso World Stroke a Hyderabad, in India, dove ho iniziato il mio viaggio come Presidente della WSO. Il tema  della campagna del 2016 è stato incentrato sulla sensibilizzazione del trattamento dell’ictus utilizzando lo slogan "Affrontiamo la realtà:...

ELETTO IL NUOVO BOARD DELLA WORLD STROKE ORGANIZATION - WSO

Eletto il nuovo Board della World Stroke Organization-WSO   Che cosa è la WSO? La World Stroke Organization (WSO) - Organizzazione Mondiale dell’Ictus (Stroke) - è una delle organizzazioni leader nella lotta contro l'ictus cerebrale. E’ stata fondata nell'ottobre 2006 grazie alla fusione tra la Società International Stroke e la Federazione Mondiale...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Comunicato stampa Fish: Ministro nuovo per sfide note

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il Comunicato stampa, ricevuto dalla Federazione Italiana Superamento Handicap Fish, con l'augurio,...

Fibrillazione atriale: i pazienti destinati a raddoppiare entro il 2060

Sono stati pubblicati sulla rivista Europace, organo ufficiale della European Society of Cardiology e della European Heart Rhythm Association, i...

Value della spesa sanitaria: quando i numeri non bastano più

Gli approcci tradizionali per analizzare la spesa sanitaria si basano sul presupposto che l’intero ammontare della spesa sanitaria (pubblica,...

Farmacia e Cittadini - Compila e diffondi il questionario

Sai che la farmacia sempre più svolge un ruolo di presidio sanitario a disposizione dei cittadini e della loro comunità? Siamo...

C’è sedentarietà e sedentarietà: restare incollati davanti alla Tv è più dannoso che stare seduti in ufficio

Per chi ha un lavoro che richiede di stare seduto per lunghi periodi di tempo, il consiglio è di sostituire il tempo trascorso a casa seduti...

Gli italiani fiduciosi nei medicinali, ma diffidenti verso le aziende che li producono

È un rapporto a due facce quello degli italiani con il mondo del farmaco, che attribuiscono alle aziende una reputazione ancora...

Il diabete può accorciare la vita fino a sette anni

Avere una diagnosi di diabete a 40 anni può ridurre l’aspettativa di vita di circa sei anni negli uomini e di circa sette anni...

Vino, crolla il mito del consumo moderato: smettere di bere è la scelta migliore per la salute

Smettere di bere alcolici non soltanto è salutare, ma non ha nessun impatto sul benessere percepito da chi consuma alcol Dal “buon vino...