Portogallo: sopravvissuti all'ictus senza accesso alla riabilitazione durante la pandemia di COVID-19

L'associazione portoghese dei sopravvissuti all'ictus - PT.AVC - mette in guardia sulle conseguenze dell'attuale crisi sanitaria sulla cura dell'ictus. L'ictus è la prima causa di morte e disabilità in Portogallo.

In un sondaggio condotto tra il 20 e il 27 aprile e al quale hanno risposto 868 sopravvissuti all'ictus portoghese, il 91% di tutti i pazienti indicati per il trattamento riabilitativo ha riferito di aver dovuto interrompere o non essere in grado di iniziare questo intervento. Ciò è particolarmente preoccupante in quanto vi sono prove convincenti che i ritardi nella riabilitazione sono associati a una maggiore probabilità di disabilità a lungo termine, minando così l'integrazione sociale e portando a una peggiore qualità della vita.

Inoltre, solo il 15% degli intervistati ha avuto le visite mediche di follow-up dall'inizio della pandemia e, tra i sopravvissuti all'ictus ancora sottoposti a cure mediche, circa la metà ha anche annullato o posticipato gli esami medici previsti.

Complessivamente, circa un terzo degli intervistati ha riferito che la loro salute era peggiore o molto peggiore rispetto a prima dell'epidemia e, tra coloro che avevano avuto un ictus nell'anno precedente, questa percentuale è salita al 50%.

La maggior parte dei partecipanti ha confermato diverse lamentele, come sentirsi ansiosi, sperimentare un peggioramento delle difficoltà motorie e/o del linguaggio e maggiori preoccupazioni riguardo al recupero e al rischio di recidiva di ictus.

È importante sottolineare che il 38% ha affermato che la situazione attuale sta avendo un effetto negativo sulla loro situazione finanziaria, che sappiamo essere spesso già compromessa.

PT.AVC sottolinea quindi che, durante la fase di riapertura che è ora iniziata, sono indispensabili investimenti in espansione, adattamento e riorganizzazione dei servizi di riabilitazione, con controllo costante della qualità. L'associazione portoghese dei sopravvissuti all'ictus sottolinea anche che tutti gli sforzi devono essere fatti per mantenere le cure di riabilitazione, che dovrebbero essere considerate nelle decisioni future come un servizio sanitario essenziale per i casi prioritari, e avverte le parti interessate che è fondamentale evitare le gravi conseguenze che la cura inappropriata dell'ictus ha nella prognosi dei pazienti affetti, il che può potenzialmente portare a conseguenze ancora più devastanti di quelle legate alla stessa infezione da coronavirus.

 

Fonte: SAFE Comunicato stampa del Portogallo AVC 7 maggio 2020

Notizie estero

Giornata europea di sensibilizzazione sull'ictus 2020

Questa giornata europea di sensibilizzazione sull'ictus, il 12 maggio, il secondo martedì di maggio, vorremmo ricordare alle persone che l'ictus continua a verificarsi anche in tempi della pandemia globale di Covid-19. I pazienti con ictus devono chiamare i servizi di emergenza immediatamente dopo l'insorgenza dei sintomi e cercare un aiuto professionale. Nel mezzo della...

Portogallo: sopravvissuti all'ictus senza accesso alla riabilitazione durante la pandemia di COVID-19

L'associazione portoghese dei sopravvissuti all'ictus - PT.AVC - mette in guardia sulle conseguenze dell'attuale crisi sanitaria sulla cura dell'ictus. L'ictus è la prima causa di morte e disabilità in Portogallo. In un sondaggio condotto tra il 20 e il 27 aprile e al quale hanno risposto 868 sopravvissuti all'ictus portoghese, il 91% di tutti i...

Berlino 2018: SAFE Working Conference e Assemblea generale

Una grande partecipazione alla Working Conference e General Assembly di SAFE (Stroke Alliance For Europe) si è registrata anche nel 2018. L’evento, articolatosi in tre giorni di attività (dal 28 al 30 novembre 2018) a Berlino, ha visto la partecipazione di oltre un centinaio tra delegati e partner di SAFE. L'organizzazione ospitante è stata la Stiftung Deutsche...

EUROPA E MONDO Outlook Deloitte: spesa sanitaria mondiale in crescita del 4% l'anno fino al 2021

  Assistenza sanitaria appropriata erogata al momento e nel luogo giusto; investimenti in tecnologia per la diagnostica per fornire cure sempre più appropriate; dati sui pazienti concentrati a livello centrale, più protetti e più accessibili; maggiore attenzione alle competenze; ruolo attivo del paziente; modelli cost-effective per portare l'assistenza sanitaria in...

Presentati al Parlamento Europeo i risultati dello Studio “Burden of Stroke (Impatto dell'Ictus)

Lo studio “Burden of Stroke” condotto a livello europeo mostra notevoli disparità tra i singoli paesi e anche al loro interno per quanto riguarda l’intero percorso di cura dei pazienti colpiti da ictus cerebrale. Da evidenziare come il post ictus venga trascurato da tutti i Paesi. COMUNICATO STAMPA Roma, 11 maggio 2017 – La Stroke Alliance for Europe ha...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
#SaveTheDate: GIOVEDÌ 4 GIUGNO

Siete tutti invitati a partecipare al webinar intitolato "LA RIABILITAZIONE DELLA PERSONA CON ICTUS TRA COVID-19 E REALTÀ CHE...

#NoiConGliInfermieri: campagna raccolta fondi FNOPI per COVID-19

“Adesso abbiamo bisogno di te”. Con questo slogan, gli infermieri impegnati finora in prima linea nell’emergenza coronavirus si...

Ripartire dalle micro reti: così la pandemia può innovare il Ssn e sviluppare nuovi modelli gestionali

Creare "micro reti tecnologiche" tra medici, operatori sanitari e caregivers. Seguire le linee guida e le buone pratiche per la riduzione...

Covid -19 e il ripensamento non procrastinabile dei percorsi di cura e assistenza

MEDICINA E RICERCA Con l’approvazione del “decreto Balduzzi” (158 del 13/09/2012) si era aperta nelle Regioni una riforma per il...

Il Coro degli Afasici di ALICe Cuneo Odv, canta da casa: distanti ma uniti, in un'unica voce

Il Coro degli Afasici di ALICe Cuneo Odv (progetto di musico-terapia e musico-empatia per l'ictus), impossibilitato a...

A.L.I.Ce. ITALIA ODV FA IL PUNTO SULLA SITUAZIONE ICTUS IN ITALIA

 SUPERATA LA FASE DI EMERGENZA COVID-19, A.L.I.Ce. ITALIA ODV FA IL PUNTO SULLA SITUAZIONE ICTUS IN ITALIA Roma, 18 maggio 2020 –...