I leader mondiali dell'ictus lanciano una strategia radicale di prevenzione dell'ictus e della demenza

I leader globali dell'ictus lanciano una strategia di prevenzione dell'ictus radicale e della demenza

 

COMUNICATO STAMPA 29 maggio 2020, Ginevra

La World Stroke Organization (WSO) ha pubblicato un quadro strategico radicale che mira a trasformare la prevenzione dell'ictus e della demenza.

Pubblicata nell'ultima edizione di The Lancet Neurology, la Dichiarazione WSO sulla prevenzione globale dell'ictus e della demenza, riconosce la comunanza e la reciprocità del rischio di ictus e demenza e chiede un'azione urgente da parte dei governi e degli organi delle politiche sanitarie per affrontare i limiti dell'attuale strategia di prevenzione. 

Negli ultimi dieci anni il rischio di ictus nell'età adulta è aumentato da 1 a 6, a 1 su 4.

Senza nuovi interventi basati sull'evidenza, la WSO proietta una traiettoria attuale di malattia che porterà a un bilancio annuale di 12 milioni di decessi per ictus e 5 milioni di decessi per demenza entro il 2050.

Sottolineando la necessità di agire nelle popolazioni a basso e medio rischio, che alla fine rappresenteranno l'80% dell'onere per ictus e malattie cardiovascolari, la Dichiarazione identifica quattro interventi interdipendenti che ridurranno significativamente l'incidenza e la prevalenza di ictus e demenza. La strategia tiene conto anche delle sfide specifiche affrontate dai governi e dalle comunità nei paesi a basso e medio reddito, mettendo in atto un'alternativa a basso costo agli attuali approcci di prevenzione.

 

Principi chiave della Dichiarazione

1 Adozione di strategie a livello di popolazione che riducono l'esposizione a fattori di rischio di ictus come il tabacco, l'alcool e le politiche alimentari, nonché azioni per affrontare i fattori di rischio ambientale, incluso l'inquinamento atmosferico, per tutta la durata della vita dell'intera popolazione.

2 Implementare e promuovere l'adozione di tecnologie mobili motivazionali, ad esempio il StrokeRiskometer approvato da WSO per identificare i rischi individuali e supportare l'azione sui fattori di rischio dello stile di vita negli adulti.

 

3 Accesso a una combinazione a basso dosaggio di terapie generiche per la pressione arteriosa e ipolipemizzanti in una poli-pillola per la mezza età e gli adulti più anziani con almeno due fattori comportamentali o clinici di rischio di ictus.

 

4 Investimento, formazione e impiego degli operatori sanitari della comunità per facilitare l'attuazione.

La WSO presenta prove di ricerca combinate che dimostrano che una combinazione di questi interventi ridurrebbe l'incidenza e l'ictus del 50% e l'incidenza della demenza del 30%, contribuendo nel contempo a ridurre l'incidenza di altre malattie non trasmissibili che condividono fattori di rischio comuni.

Un altro cambiamento di approccio proposto è quello di cambiare il modo in cui i professionisti della salute comunicano il rischio ai pazienti. L'attuale categorizzazione in rischio a bassa, media e alta corsa può dare un falso senso di sicurezza a coloro a cui viene detto che sono a basso o medio rischio e potrebbero non tenere conto di tutti i fattori di rischio presenti. Il corpo globale dell'ictus richiede invece un approccio più olistico, che pone il rischio di ictus su un continuum e incoraggia un intervento precoce e un approccio a vita per la riduzione del rischio.

Il presidente della WSO, il prof. Michael Brainin, che sostiene lo sforzo di prevenzione dell'organizzazione, ha dichiarato che "COVID-19 ha stimolato livelli inconcepibili di intervento del governo e cambiamenti del comportamento individuale in tutto il mondo, ma da anni viviamo efficacemente con una pandemia di ictus e una strategia di prevenzione fallita.

La necessità di un'azione radicale è chiara e i nostri principi di prevenzione forniscono approcci a basso costo e basati su prove che, se attuati a livello globale, non solo salverebbero milioni di vite, ma consentirebbero risparmi di centinaia di miliardi di dollari all'anno. Questo è il denaro che sarà disperatamente necessario per rafforzare i sistemi sanitari globali e alimentare la ripresa economica sulla scia del COVID-19”.

Per ulteriori informazioni, contattare Anita Wiseman awiseman@kenes.com

 

Note per gli editori

1 L'Organizzazione mondiale per l'ictus è l'unico organo globale focalizzato esclusivamente sull'ictus. Con circa 90 membri organizzativi provenienti da paesi di ogni regione globale, rappresentiamo oltre 55.000 specialisti dell'ictus in ambito clinico, di supporto e di comunità. La visione WSO è una "vita libera da ictus". Lavoriamo per questa visione attraverso un programma strategico che affronti i fattori chiave nella mortalità per ictus e morbilità a livello globale, regionale e nazionale. La nostra strategia combina advocacy basata sull'evidenza, linee guida sensibili al contesto, kit di strumenti, programmi di istruzione e formazione clinica e campagne pubbliche che mirano ad aumentare la consapevolezza dei sintomi dell'ictus e della prevenzione dell'ictus.

 

2 La WSO è una ONG nelle relazioni consultive ufficiali con il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite e un partner di attuazione dell'OMS.

 

Notizie estero

Webinar dell'Organizzazione mondiale per l'ictus - 8 luglio 2020

La World Stroke Organization ha organizzato una serie in tre parti intitolata "Mantenere l'ictus come priorità".  In queste occasioni, le diverse organizzazioni di supporto per l'ictus di America, Europa e Asia / Oceania hanno messo in evidenza l'impatto del COVID 19 sulle persone che hanno vissuto l’esperienza dell’ictus nel corso di tutto il loro...

SAFE promuove un migliore accesso a informazioni accurate e comprensibili sull'ictus

SAFE promuove un migliore accesso a informazioni accurate e comprensibili sull'ictus, aumentando la priorità attribuita all'ictus da parte delle politiche, dei decisori e dei fornitori di assistenza sanitaria. Different Strokes: classi di esercizi online per i sopravvissuti all'ictus 16 giugno 2020 Non si può negare: viviamo in tempi senza precedenti. La...

I leader mondiali dell'ictus lanciano una strategia radicale di prevenzione dell'ictus e della demenza

  COMUNICATO STAMPA 29 maggio 2020, Ginevra La World Stroke Organization (WSO) ha pubblicato un quadro strategico radicale che mira a trasformare la prevenzione dell'ictus e della demenza. Pubblicata nell'ultima edizione di The Lancet Neurology, la Dichiarazione WSO sulla prevenzione globale dell'ictus e della demenza, riconosce la comunanza e la reciprocità...

Giornata europea di sensibilizzazione sull'ictus 2020

Questa giornata europea di sensibilizzazione sull'ictus, il 12 maggio, il secondo martedì di maggio, vorremmo ricordare alle persone che l'ictus continua a verificarsi anche in tempi della pandemia globale di Covid-19. I pazienti con ictus devono chiamare i servizi di emergenza immediatamente dopo l'insorgenza dei sintomi e cercare un aiuto professionale. Nel mezzo della...

Portogallo: sopravvissuti all'ictus senza accesso alla riabilitazione durante la pandemia di COVID-19

L'associazione portoghese dei sopravvissuti all'ictus - PT.AVC - mette in guardia sulle conseguenze dell'attuale crisi sanitaria sulla cura dell'ictus. L'ictus è la prima causa di morte e disabilità in Portogallo. In un sondaggio condotto tra il 20 e il 27 aprile e al quale hanno risposto 868 sopravvissuti all'ictus portoghese, il 91% di tutti i...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
QUESTIONARIO: “NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE”

Invito a compilare questionario anonimo per la Campagna informativa sulla Legge 38/2010 “NON SIAMO NATI PER...

COMUNICAZIONE PAUSA ESTIVA: TEMPO DI VACANZE

  A tutti i nostri soci, lettori e amici Siamo nel pieno dell'estate: agosto è un mese in cui tornare a sorridere, a ricaricare le...

Coronavirus/Fnopi, infermieri pronti a sostenere il rientro a scuola in sicurezza

LAVORO E PROFESSIONE Garantire la salute nelle scuole fa parte delle caratteristiche proprie della professione infermieristica: professionisti...

Prima è meglio. La salute degli ex fumatori dipende da quanti anni di sigarette hanno alle spalle

Lo studio A soffrire di Bpco è il 32,7% delle persone con più di quarant’anni di fumo alle spalle e "solo" il 9,1% di...

Vivere con una disabilità durante la pandemia

Le riposte delle associazioni all'emergenza COVID-19 http://www.aliceitalia.org/uploaded/COVINARFAMIGLIESIMFER.pdf La pandemia causata dal...

Diabete: aumentando (anche di poco) il consumo di frutta, verdura e cereali integrali si riduce il rischio di ammalarsi

Chi consuma frutta e verdura in grande quantità ha un rischio del 50% più basso di sviluppare diabete 2. Per ogni 66 grammi al...

Audizione di Cittadinanzattiva in Commissione Parlamentare per la Semplificazione sul SSN

Riceviamo da Cittadinanzattiva e volentieri condividiamo  il comunicato stampa del 1 giugno riguardante "Audizione di...

Looking Forward: Webinar Series 2020

Covid-19, Iniziative e Messaggi per il Futuro del SSN dalle Associazioni dei Pazienti. Mercoledì 3 giugno ore 16.00-18.00 In questo periodo...