RIFLETTORI ACCESI SUI POSTI LETTO IN NEUROLOGIA

COSA SUCCEDE ALLE PERSONE COLPITE DA ICTUS O DA ALTRE MALATTIE NEUROLOGICHE DURANTE QUESTA NUOVA FASE DI EMERGENZA COVID-19?

Società italiana di Neurologia (SIN), A.L.I.Ce. ITALIA ODV E Italian Stroke ORGANIZATION LANCIANO L’ALLARME

02.-At_What_Cost_EIOS_Summary_Report.pdf

03.-At_What_Cost_EIOS_Full_Report.pdf

 

Roma, 9 novembre 2020 – Una corsa contro il tempo per aumentare, ancora una volta, la disponibilità dei posti letto per le persone colpite da infezione da Covid-19. A distanza di mesi, purtroppo, stiamo vivendo la seconda ondata di una delle più gravi emergenze sanitarie non solo del nostro Paese ma del mondo intero e stiamo assistendo nuovamente ad un profondo riadeguamento del sistema ospedaliero italiano. La Società Italiana di Neurologia (SIN), insieme ad A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) e all’Organizzazione Italiana per lo Stroke (ISO) esprimono preoccupazione perché i posti letto dei reparti di neurologia di numerosi ospedali sono stati ancora una volta riconvertiti per la cura dei pazienti Covid-19: anche in tempi di pandemia, però, un Sistema Sanitario Nazionale deve riuscire a garantire i migliori servizi possibili per i pazienti affetti da malattie non trasmissibili, in particolare per quelli con condizioni acute come ictus, traumi cranici, crisi epilettiche, polineuriti acute, sclerosi multipla, i cui trattamenti sono comunque sempre tempo-dipendenti.

Nei mesi più acuti della pandemia – ha commentato il Prof. Gioacchino Tedeschi, Presidente della Società Italiana di Neurologia (SIN) - sono diminuiti drasticamente non solo i controlli clinici di pazienti con varie patologie neurologiche, ma anche gli accessi in emergenza ai Pronto Soccorso per malattie diverse dalla infezione da Covid-19, in parte a causa della riorganizzazione degli ospedali e in parte anche per il timore, da parte della popolazione, di contrarre il virus in Ospedale. Sappiamo però che un ictus non curato, o curato in ritardo, comporta non solo un rischio di esito fatale, ma anche maggiori disabilità, con conseguenze drammatiche sulla vita delle persone e sui costi sanitari e sociali conseguenti alla malattia. E sappiamo anche che tanti pazienti affetti da malattie neurologiche croniche (demenza, malattia di Parkinson, cefalee, sclerosi multipla) non riescono, per gli stessi motivi, ad avere l’assistenza di cui necessitano”.

In questi ultimi giorni, in diverse Regioni, sono state già bloccate le attività di ricoveri non urgenti nelle strutture ospedaliere che hanno dovuto essere rapidamente riconvertite per le degenze Covid, ma questa seconda ondata non può trovarci impreparati come nella prima fase. È necessario mantenere il più possibile le attività, in risposta alle patologie e alle problematiche assistenziali dei pazienti non-Covid in elezione e in urgenza, sia in regime ospedaliero sia in quello ambulatoriale.

“Nel corso della prima fase della pandemia – ha dichiarato Nicoletta Reale, Presidente A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) – la nostra Federazione aveva più volte lanciato l’allarme per la notevole diminuzione del numero dei pazienti con ictus cerebrale arrivati nei Pronto Soccorso dei nostri ospedali (circa il  40%-50% di accessi in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), continuando a sottolineare quanto fosse importante non sottovalutare i sintomi che possono costituire i “campanelli d’allarme” di questa patologia ed evidenziando come le persone colpite abbiano comunque continuato ad avere percorsi sicuri e dedicati”.

“Le Unità Neurovascolari o Centri Ictus (Stroke Unit) – ha aggiunto il Prof. Danilo Toni, Presidente Italian Stroke Organization (ISO) - sono riuscite e riescono ancora a rispondere al meglio alla situazione di emergenza, garantendo percorsi diagnostici e terapeutici efficienti ed efficaci; hanno gestito e continuano a gestire i pazienti in totale sicurezza, istituendo corsie specifiche e mantenendo un distanziamento sicuro durante tutto il percorso clinico assistenziale”.

Ma cosa succede a questi pazienti una volta terminata la fase acuta, se non ci sono posti letto disponibili nei reparti di Neurologia? Il percorso del paziente con ictus, così come con altre malattie neurologiche acute, una volta superata la fase di emergenza, prevede assistenza multiprofessionale nei reparti di Neurologia, dove le competenze specialistiche comportano una migliore prognosi, anche a distanza.

L’Associazione che rappresenta i pazienti colpiti da ictus nel nostro Paese in sintonia con i Neurologi italiani tramite le Società Scientifiche intendono far sentire nuovamente la propria voce, ribadendo quanto sia importante mantenere attivi i posti letto delle Neurologie in modo da garantire la continuità del trattamento più adeguato anche nella delicata fase del post ictus e della fase post-acuta delle altre malattie neurologiche. È fondamentale riuscire a organizzare al meglio, oltre alla routinaria assistenza al paziente, gli eventuali trasferimenti nelle neuroriabilitazioni, non trascurando le necessità di adattamento alla malattia e le possibili difficoltà di famiglie e caregiver, perno fondamentale di tutta la riorganizzazione, laddove sia possibile e auspicabilmente previsto il rientro al domicilio.

La riduzione e, in alcuni casi, la sospensione delle visite ambulatoriali e degli accessi ai Day Hospital neurologici a causa del Covid rischia di avere conseguenze catastrofiche, con un probabile aumento della mortalità e della disabilità, anche superiore a quello della prima ondata, cui si aggiunge un rischio ovviamente maggiore di non sopravvivere al virus per chi soffre di malattie cerebro-cardiovascolari.

 

Notizie estero

RIFLETTORI ACCESI SUI POSTI LETTO IN NEUROLOGIA

COSA SUCCEDE ALLE PERSONE COLPITE DA ICTUS O DA ALTRE MALATTIE NEUROLOGICHE DURANTE QUESTA NUOVA FASE DI EMERGENZA COVID-19? Società italiana di Neurologia (SIN), A.L.I.Ce. ITALIA ODV E Italian Stroke ORGANIZATION LANCIANO L’ALLARME 02.-At_What_Cost_EIOS_Summary_Report.pdf 03.-At_What_Cost_EIOS_Full_Report.pdf   Roma, 9 novembre 2020 – Una corsa contro il tempo per...

World Stroke Organization: Virtual Members Forum

WSO Members Forum November 2020.pdf Ieri, giovedì 5 novembre 2020, si è tenuto il WSO Virtual Members Forum: un importante evento del WSO (World Stroke Organization), organizzato in forma virtuale, che ha visto la partecipazione di professionisti della salute e di associazioni di pazienti da più parti del mondo, tra le quali A.L.I.Ce. Italia Odv, rappresentata da Fabrizio...

Riunione del WSO Members Forum

l 5 Novembre prossimi, tra le 13:00 e le 15:00 si terrà la riunione virtuale del WSO Members Forum, orientata ai temi dell’Advocacy, presso gli attori politici ed istituzionali. Questo meeting virtuale è promosso dalla World Stroke Organization (Organizzazione Mondiale per l’Ictus) in preparazione della conferenza congiunta (con ESO, European Stroke Organisation)...

Assistenza per gli anziani: al via la Commissione

L’INIZIATIVA È VOLUTA DAL MINISTERO DELLA SALUTE L’emergenza Coronavirus, soprattutto nelle sue fasi più emergenziali, ha messo in luce tutti i limiti che il SSN ha nell’assistenza agli anziani. RSA, nosocomi e cure domiciliari non sono in grado di assistere e proteggere i cittadini più fragili. Le colpe di tutto questo non si possono però imputare...

Lettera del Presidente sulle attività SAFE durante la pandemia da COVID-19

Cari amici, Siamo in tempi molto difficili. Non abbiamo mai visto una pandemia come questa che ha colpito la nostra vita quotidiana. Spero che voi e i vostri cari stiate bene e al sicuro. Vogliamo farvi sapere che SAFE è qui per voi e continua a lavorare nonostante tutti i problemi che ci circondano. Mentre il COVID-19 è in prima linea nel nostro pensiero,...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Fondazione Johnson & Johnson lancia il programma di formazione Health4U

IMPRESE E MERCATO Fondazione Johnson & Johnson lancia oggi Health4U, un programma di formazione e orientamento alle carriere universitarie e...

Il fumo è direttamente legato a un maggior rischio di ictus emorragico

Uno studio su Stroke dimostra l’esistenza di un legame diretto tra il fumo e l’ictus emorragico. Chi fuma o chi è geneticamente...

GRAZIE DI CUORE!

  A.L.I.Ce. Italia ODV ringrazia tutti i benefattori che hanno effettuato donazioni sul conto dell’Associazione!  Alcuni abbiamo...

Covid/Altems: nella seconda ondata 6 volte i casi della prima, costi di 12,5 mld per il Ssn

AZIENDE E REGIONI   In 10 mesi due ondate, che sembrano due diverse pandemie. Il numero di casi di Covid-19 nella seconda ondata è...

Inail: nasce la piattaforma per gli ausili sportivi destinati ai disabili

AL GOVERNO   È stata realizzata una piattaforma informatica che a partire da oggi dovrà essere utilizzata dalle società...

Vaccino Covid, priorità ai pazienti con grandi patologie. Il documento della federazione Foce

ATTUALITÀ   Accolto ai massimi livelli istituzionali il documento proposto dalla Federazione di oncologi, cardiologi ed ematologi per...

FISH: no alla violenza sulle donne, no alla discriminazione

La Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap aderisce e sostiene convintamente la Giornata internazionale per...

Ripensare i medici di medicina generale, vero filtro fra pazienti e ospedali

I CAMBIAMENTI NECESSARI   Occorre una modifica strutturale del Sistema sanitario che metta al centro formazione...