L'italiana Valeria Caso a capo della European Stroke Organization

Risultati immagini per valeria caso esoComplimenti e auguri vivissimi da tutta A.L.I.Ce. Italia alla neo-presidente eletta Dottoressa Valeria Caso per l’importante incarico che le è stato conferito e per il prestigioso traguardo meritatamente raggiunto.

Auspichiamo di proseguire ed incrementare la vicendevole e proficua collaborazione con la Dottoressa Caso, per poter migliorare i comuni obiettivi a favore delle persone colpite da ictus e raggiungerne di nuovi

 

 

 

 

Comunicato Stampa

 ICTUS CEREBRALE: PER LA PRIMA VOLTA UNA DONNA, ITALIANA, A CAPO DELL’EUROPEAN STROKE ORGANIZATION.

LA TASK FORCE DELL’ICTUS CEREBRALE RIUNITA NEI GIORNI SCORSI A BARCELLONA 

Roma, 23 maggio 2016 – Si è chiusa nei giorni scorsi, a Barcellona, la seconda edizione del Congresso della European Stroke Organization (ESO), la Società Europea Ictus Cerebrale; l’evento ha visto la partecipazione di oltre 3700 delegati provenienti da ben 97 paesi, che hanno avuto la possibilità di seguire tre giorni di intensi di lavori e sessioni tenute da 250 esperti, probabilmente la task force mondiale contro l’ictus cerebrale.

Durante il Congresso, la Dottoressa Valeria Caso, neurologa presso la Stroke Unit dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, ha iniziato il suo mandato biennale come Presidente dell’European Stroke Organization. La Dottoressa Caso è la prima italiana e donna Presidente della più grande società scientifica europea dell’ictus, che mette insieme tutti i Paesi Europei e i Paesi dell’ex Unione Sovietica, ma la cui influenza politica si estende a tutta la comunità scientifica internazionale.  La Dottoressa Caso ha illustrato i nuovi obiettivi, focalizzati su una stretta alleanza tra l’ESO, costituita da medici, paramedici e Istituzioni, e le associazioni di supporto ai pazienti affetti da ictus, tra cui A.L.I.Ce. Italia Onlus.

“Non è sufficiente affrontare l’ictus soltanto da un punto di vista clinico – ha dichiarato la neo Presidente. Per raggiungere l’obiettivo “più pazienti affetti da ictus trattati nel miglior tempo possibile” è necessaria un buona politica di prevenzione su tutta la popolazione e un funzionamento ottimale del “percorso stroke” affinchè le persone colpite possano raggiungere nel minor tempo possibile i luoghi elettivi di cura. L’ESO vuole essere un ponte tra i cittadini colpiti da ictus, la comunità scientifica e medica, e le istituzioni affichè si possa intervenire a livello di prevenzione primaria, cura delle persone colpite, e di reiserimento sociale.  L’ESO – conclude la Dottoressa Caso - auspica e promuove la prevenzione e la cura dello stroke anche a livello politico al fine di migliorare la qualità di vita di coloro che sopravivvono all’ictus, delle loro famiglie, e di preservarne l’indipendenza”.

L’ESO è coinvolta in tutti i livelli di pianificazione e programmazione sanitaria a livello europeo. L’impegno con il legislatore, seppur gravoso, è l’unica via per promuovere un’implementazione del sistema di cura e prevenzione dello stroke.

 

A.L.I.Ce. Italia Onlus è una Federazione di associazioni regionali di volontariato sparse su tutto il territorio nazionale, oltre 70 tra sedi e sezioni, le quali, pur autonome e indipendenti nelle proprie attività, collaborano al raggiungimento di comuni obiettivi a livello nazionale.

Loro peculiarità è quella di essere le uniche ad essere formate da persone colpite da ictus, dai loro familiari e caregiver, da neurologi e medici esperti nella diagnosi e trattamento dell'ictus, medici di famiglia, fisiatri, infermieri, terapisti della riabilitazione, personale socio-sanitario e volontari. Sono associazioni senza scopo di lucro, democratiche, apolitiche, con personalità giuridica e non, iscritte nei registri regionali delle associazioni di volontariato.

Tra i propri obiettivi statutari: diffondere l’informazione sulla curabilità della malattia; facilitare l’informazione, anche attraverso i media, per un tempestivo riconoscimento dei primi sintomi come delle condizioni che ne favoriscono l’insorgenza; sollecitare gli addetti alla programmazione sanitaria affinché provvedano ad istituire centri specializzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone colpite da ictus e ad attuare progetti concreti di screening; tutelare il diritto dei pazienti ad avere su tutto il territorio nazionale livelli di assistenza, uniformi ed omogenei.

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa A.L.I.Ce. Italia Onlus

GAS Communication

Tel 06 68134260 – Fax 06 68134876

Mara Cochetti

m.cochetti@gascommunication.com

Cell 347 8524261

Notizie estero

Coinvolgere i sopravvissuti all'ictus nella ricerca

 Diffusione della ricerca nell'UE 2021 Introduzione Il 2020 è stato un anno difficile per le persone di tutto il mondo e ha avuto un impatto negativo sulla conduzione di studi di ricerca clinica in Europa.  Stroke Alliance for Europe voleva imparare da alcuni dei partecipanti alla sperimentazione di ricerca dell'UE sul motivo per cui hanno accettato di essere coinvolti...

ALCUNI SCIENZIATI STANNO SVILUPPANDO MICRO-ROBOT PER SBLOCCARE I VASI SANGUIGNI E COMBATTERE L’ICTUS DALL’INTERNO 

 Alcuni scienziati europei hanno iniziato a sviluppare nano-chirurghi che entreranno nel corpo per trattare i coaguli sanguigni Un importante gruppo di scienziati che lavorano in università, in centri di ricerca, e in aziende innovative in Belgio, Germania, Grecia, Portogallo, Spagna e Svizzera ha appena avviato un progetto rivoluzionario sperando di curare definitivamente...

Piccolissimi dispositivi che erogano farmaci esattamente dove necessario

  Foglio informativo per ANGIE –  Progetto di ricerca finanziato dall'UE   ANGIE è un nuovo progetto di ricerca incaricato di creare una tecnologia radicalmente nuova per la somministrazione localizzata e mirata di farmaci. Piccolissimi dispositivi magnetici mobili stanno dimostrando un enorme potenziale per future applicazioni biomediche. Tuttavia, l'uso...

EU research dissemination 2021

Divulgazione delle ricerche nell’UE For translation Per la traduzione Social media posts Post destinati a social media EU RESEARCH PROJE CT 1: ANGIE PROGETTO DI RICERCA UE CT1: ANGIE Twitter On #EuropeanStrokeAwarenessDay @strokeeurope is pleased to share the launch of an exciting EU-funded research project ANGIE https://h2020-angie.eu/ @jPuigmartiLuis @PaneSalvador Su# Giornata...

Life After Stroke - 12 marzo 2021

INVITO A ISCRIVERSI Completato il programma del webinar "Life After Stroke" del 12 marzo 2021 Unisciti ai relatori Bo Norrving, Juliet Bouverie, Caterina Pistarini e Liam Healy al primo webinar della serie Life After Stroke il 12 marzo dalle 9.45 alle 11.30 CET. Alla sessione parteciperà anche Alexia Kountouri, ambasciatrice per l'ictus a Cipro, che condividerà le...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Report finale studio 'Impact of the Covid-19 outbreak on informal carers across Europe'

É disponibile il Report finale dello studio sull'impatto del Covid-19 sui caregiver informali in Europa, condotto da Eurocarers e svolto...

DISTURBI DEL LINGUAGGIO E DELLA DEGLUTIZIONE: IL RUOLO CHIAVE DEL LOGOPEDISTA NEL POST ICTUS

Roma, xx maggio 2021 – “So quello che devo dire ma dalla mia bocca escono solo suoni confusi e incomprensibili”, “Ho paura di...

Webinar TREATMENT TEAM 2021 - cross-functional stroke group meeting 13 e 14 aprile 2021 dalle ore 15

Locandina_programma definitivo.pdf Manca davvero poco all'evento che si terrà oggi e domani, 13 e 14 aprile 2021. Dalle ore 15.00...

Evento - L'importanza della prevenzione

Spasticità post ictus: come si riconosce? Quando si sviluppa? Come vivere la quotidianità con questa patologia? Che tipo di supporti si...

INVITO A PARTECIPARE

Il dolore rappresenta una tra le manifestazioni più importanti della malattia; inoltre, fra i sintomi, è quello che tende a minare...

Ictus, quando ripartire dopo il "colpo": ce lo dice la stimolazione magnetica

SALUTE > MOLTOSALUTE Quando un’arteria nel cervello si ostruisce o si lesiona gravemente, fino a subire una rottura,...

La riabilitazione robotica che favorisce il ritorno alla normalità dopo l’ictus

Lo studio Combinare la riabilitazione robotica e la modulazione della serotonina (il cosiddetto ormone della felicità) nella terapia...

Recovery Plan: con riforme e digitale un salto per la ricerca ma servono nuovi fondi

MEDICINA E RICERCA Servono più fondi per la ricerca clinica in Italia. Il finanziamento pubblico in questo settore è, da sempre,...