IL COVID E LE MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO

https://i2.res.24o.it/images2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/2020/05/23/Politica%20e%20societa/ImmaginiWeb/Ritagli/cover-ictus-riabilitazione-distanza-tecnologia-sardegna-ricerche_834-kAvB--1020x533@IlSole24Ore-Web.jpg

Metà dei pazienti con ictus senza cure adeguate, ora è urgente ripartire

Se non trattati in tempo in una stroke unit e senza un opportuno percorso di neuroriabilitazione vanno incontro a conseguenze neurologiche gravissime

Anche per i pazienti con malattie del sistema nervoso, come per altri pazienti, lo stress test a cui è stato sottoposto il Servizio sanitario nazionale, ha prodotto un accesso ridotto a percorsi di cura appropriati e quindi ad un minore livello di assistenza. Uno studio ha rilevato in Italia una riduzione del 50% negli accessi di pazienti colpiti da ictus ischemico ai reparti di terapia intensiva, come la stroke unit.

Questa mancanza di assistenza, verificatasi perché i reparti di terapia intensiva sono stati dedicati prevalentemente alle complicanze respiratorie dei pazienti colpiti da Covid-19, ha riportato indietro il Ssn a prima dell'istituzione delle Unità di Terapia Neurovascolare e delle reti tempo-dipendenti. I pazienti con ictus, se non trattati in tempo in una stroke unit e senza un opportuno percorso di neuroriabilitazione, vanno incontro a conseguenze neurologiche gravissime che comportano disabilità severa o morte. Inoltre, il mancato accesso agli ospedali è stato accompagnato da una riduzione, se non ad un blocco, delle prestazioni ambulatoriali e in day hospital, che ha aggravato il quadro di assistenza, in particolare per i pazienti affetti da malattie neurodegenerative.

Tra gli stessi pazienti Covid-19 non sono stati tempestivamente valutati i sintomi specificamente neurologici della malattia che molte reviews internazionali hanno riscontrato in oltre un terzo dei pazienti. In studi condotti a livello internazionale, è stato riportato un aumento dell’incidenza di patologie come la Guillain-Barré, che colpiscono il sistema nervoso in modo repentino fino anche alla paralisi respiratoria e per le quali non solo è molto spesso necessario un percorso di terapia intensiva, ma anche un complesso periodo di neuroriabilitazione ospedaliera di alta specializzazione.

Un altro elemento su cui riflettere sono le necessità dei pazienti affetti da malattie neurodegenerative croniche, in particolare Sclerosi multipla, Parkinson, Alzheimer e altre patologie. Per i pazienti affetti da Sclerosi multipla, ad esempio, dall’inizio della pandemia, è stato necessario riconsiderare alcuni trattamenti farmacologici. Si è trattato di una misura di prevenzione dovuta alla natura delle terapie immunologiche specifiche della malattia, che possono ridurre le difese del sistema immunitario. Questi pazienti, costantemente seguiti dal loro neurologo, devono riprendere quanto prima le migliori terapie disponibili ed è attualmente in corso un'indagine epidemiologica volta a valutare quali siano stati gli effetti di questo periodo di modificazione del percorso terapeutico.

In questa fase i reparti ospedalieri di neuroriabilitazione devono mantenere la loro centralità per i pazienti e quindi rimanere accessibili e sicuri. Alcuni strumenti, come la telemedicina per la neuroriabilitazione cognitiva e del linguaggio, sebbene si siano rivelati utili durante la crisi, hanno anche dimostrato i loro limiti: il rapporto mediato attraverso uno schermo può impedire, infatti, l'individuazione da parte del neurologo di una progressione della malattia, di nuovi sintomi clinici o di effetti collaterali della terapia in corso.

La risposta di emergenza al Coronavirus, così come l'abbiamo vissuta e come la rileviamo dalle pubblicazioni scientifiche, deve condurre a delle nuove linee guida nazionali disposte dal Ministero della Salute per i percorsi di neurologia, per tornare a garantire l'appropriatezza, la continuità e la sicurezza delle cure per i pazienti.

In conclusione, se intraprendiamo oggi azioni adeguate a garantire equità di accesso alle cure di neuroriabilitazione, indipendentemente dall'evento o dalla patologia che causa la disabilità, saremmo pronti a farlo anche nel malaugurato caso di una seconda ondata pandemica. A quel punto trasformeremo veramente l'emergenza di oggi in un'opportunità di domani.

Novità scientifiche ALICe Italia

RIFLETTORI ACCESI SUI POSTI LETTO IN NEUROLOGIA

COSA SUCCEDE ALLE PERSONE COLPITE DA ICTUS O DA ALTRE MALATTIE NEUROLOGICHE DURANTE QUESTA NUOVA FASE DI EMERGENZA COVID-19? Società italiana di Neurologia (SIN), A.L.I.Ce. ITALIA ODV E Italian Stroke ORGANIZATION LANCIANO L’ALLARME 02.-At_What_Cost_EIOS_Summary_Report.pdf 03.-At_What_Cost_EIOS_Full_Report.pdf   Roma, 9 novembre 2020 – Una corsa contro il tempo per...

IL COVID E LE MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO

Metà dei pazienti con ictus senza cure adeguate, ora è urgente ripartire Se non trattati in tempo in una stroke unit e senza un opportuno percorso di neuroriabilitazione vanno incontro a conseguenze neurologiche gravissime Anche per i pazienti con malattie del sistema nervoso, come per altri pazienti, lo stress test a cui è stato sottoposto il Servizio sanitario...

L'ICTUS AL TEMPO DI COVID-19

A fine aprile, le principali società scientifiche nazionali nel campo dell’ictus si sono riunite per organizzare un webinar per discutere dell’impatto della pandemia di SARS-Cov-2 sulla gestione dell’ictus acuto. L' iniziativa comune ha avuto lo scopo di offrire la possibilità di condividere esperienze e opinioni, ma anche di avvicinare gli operatori sanitari...

A.L.I.Ce. ITALIA ODV FA IL PUNTO SULLA SITUAZIONE ICTUS IN ITALIA

   SUPERATA LA FASE DI EMERGENZA COVID-19, A.L.I.Ce. ITALIA ODV FA IL PUNTO SULLA SITUAZIONE ICTUS IN ITALIA Roma, 18 maggio 2020 – Nel corso della pandemia causata dal Covid-19, A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) ha più volte lanciato l’allarme a causa della notevole diminuzione del numero dei pazienti con ictus...

Un grande grazie agli Infermieri - Giornata Internazionale dell’Infermiere

Il 12 maggio 2020 si celebra la Giornata Internazionale dell’Infermiere, voluta fin dal 2000 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS); quest’anno si celebrano anche i 200 anni dalla nascita di Florence Nightingale, l’inglese considerata la pioniera dell’assistenza infermieristica moderna.  Anche A.L.I.Ce. Italia Odv – associazione per la...

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Report finale studio 'Impact of the Covid-19 outbreak on informal carers across Europe'

É disponibile il Report finale dello studio sull'impatto del Covid-19 sui caregiver informali in Europa, condotto da Eurocarers e svolto...

DISTURBI DEL LINGUAGGIO E DELLA DEGLUTIZIONE: IL RUOLO CHIAVE DEL LOGOPEDISTA NEL POST ICTUS

Roma, xx maggio 2021 – “So quello che devo dire ma dalla mia bocca escono solo suoni confusi e incomprensibili”, “Ho paura di...

Webinar TREATMENT TEAM 2021 - cross-functional stroke group meeting 13 e 14 aprile 2021 dalle ore 15

Locandina_programma definitivo.pdf Manca davvero poco all'evento che si terrà oggi e domani, 13 e 14 aprile 2021. Dalle ore 15.00...

Evento - L'importanza della prevenzione

Spasticità post ictus: come si riconosce? Quando si sviluppa? Come vivere la quotidianità con questa patologia? Che tipo di supporti si...

INVITO A PARTECIPARE

Il dolore rappresenta una tra le manifestazioni più importanti della malattia; inoltre, fra i sintomi, è quello che tende a minare...

Ictus, quando ripartire dopo il "colpo": ce lo dice la stimolazione magnetica

SALUTE > MOLTOSALUTE Quando un’arteria nel cervello si ostruisce o si lesiona gravemente, fino a subire una rottura,...

La riabilitazione robotica che favorisce il ritorno alla normalità dopo l’ictus

Lo studio Combinare la riabilitazione robotica e la modulazione della serotonina (il cosiddetto ormone della felicità) nella terapia...

Recovery Plan: con riforme e digitale un salto per la ricerca ma servono nuovi fondi

MEDICINA E RICERCA Servono più fondi per la ricerca clinica in Italia. Il finanziamento pubblico in questo settore è, da sempre,...