Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Un milione di bambini con una grande missione: salvare i nonni

In collaborazione con CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Progetto FAST HEROES “Un milione di bambini con una grande missione: salvare i...

Riforma del terzo settore, Tabò “ecco quali lo sono le sfide per i Csv”

  Intervista al presidente uscente di CSVnet Stefano Tabò che ha accompagnato i centri di servizio per il volontariato negli adeguamenti...

ALIALI-RIPRENDIAMO IL RITMO

Dato l'enorme gradimento, A.L.I.Ce. è lieta di comunicare che il corso di coro e percussioni continuerà per altri 5 incontri. Ora...

LETTERA APERTA AL PROFESSORE MAURO SILVESTRINI

  GRAZIE Prof. Silvestrini, per aver contribuito a far conoscere l’Ictus nella nostra Regione Marche e alla cittadinanza di...

23 OTTOBRE 2021-GIORNATA DI SCREENING CONTRO L'ICTUS CEREBRALE A AYMAVILLES

In occasione della Giornata Mondiale contro l'ictus cerebrale, l'Associazione A.L.I.Ce. Valle d'Aosta proprio per ricordare...

Chiara Tommasini è la nuova presidente di CSVnet

Prima donna nella storia dell'associazione a ricoprire questo incarico, è volontaria da anni nel soccorso e nella protezione civile....