Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Report finale studio 'Impact of the Covid-19 outbreak on informal carers across Europe'

É disponibile il Report finale dello studio sull'impatto del Covid-19 sui caregiver informali in Europa, condotto da Eurocarers e svolto...

DISTURBI DEL LINGUAGGIO E DELLA DEGLUTIZIONE: IL RUOLO CHIAVE DEL LOGOPEDISTA NEL POST ICTUS

Roma, xx maggio 2021 – “So quello che devo dire ma dalla mia bocca escono solo suoni confusi e incomprensibili”, “Ho paura di...

Webinar TREATMENT TEAM 2021 - cross-functional stroke group meeting 13 e 14 aprile 2021 dalle ore 15

Locandina_programma definitivo.pdf Manca davvero poco all'evento che si terrà oggi e domani, 13 e 14 aprile 2021. Dalle ore 15.00...

Evento - L'importanza della prevenzione

Spasticità post ictus: come si riconosce? Quando si sviluppa? Come vivere la quotidianità con questa patologia? Che tipo di supporti si...

INVITO A PARTECIPARE

Il dolore rappresenta una tra le manifestazioni più importanti della malattia; inoltre, fra i sintomi, è quello che tende a minare...

Ictus, quando ripartire dopo il "colpo": ce lo dice la stimolazione magnetica

SALUTE > MOLTOSALUTE Quando un’arteria nel cervello si ostruisce o si lesiona gravemente, fino a subire una rottura,...

La riabilitazione robotica che favorisce il ritorno alla normalità dopo l’ictus

Lo studio Combinare la riabilitazione robotica e la modulazione della serotonina (il cosiddetto ormone della felicità) nella terapia...

Recovery Plan: con riforme e digitale un salto per la ricerca ma servono nuovi fondi

MEDICINA E RICERCA Servono più fondi per la ricerca clinica in Italia. Il finanziamento pubblico in questo settore è, da sempre,...