Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Andrea Vianello e l’Ictus Cerebrale: l’afasia è una delle conseguenze maggiormente disabilitanti di questa patologia

Roma, 14 gennaio 2020 – La recente testimonianza del giornalista e conduttore Rai Andrea Vianello, colpito da ictus cerebrale il 2 febbraio...

Per i cittadini è importante il ruolo della farmacia a sostegno della salute e dell'aderenza terapeutica

Tre italiani su quattro hanno una propria farmacia di fiducia dove sono soliti recarsi e praticamente altrettanti (73%) sono a conoscenza che da...

Il Libro bianco Onda: Medicina di genere: Italia all’avanguardia in Europa

La diversità tra uomo e donna può riflettersi anche in diverse condizioni di salute. Le donne, per esempio, soffrono di depressione da...

Al via gli incontri di supporto consapevole per le persone colpite da ictus e per i loro familiari

Il “progetto Counseling post ictus. Tra riabilitazione e supporto consapevole” di A.L.I.Ce. Italia è partito con una Giornata di...

CAREGIVER FAMILIARE: STRATEGIE E MISURE CONCRETE DI SOSTEGNO

Lunedì 13 gennaio 2020 ore 9,30-13,00  Aula Magna Regione Emilia Romagna -Viale Aldo Moro 30, Bologna   La Regione Emilia...

"Pesce d'Aprile" - Ravenna

  Grazie alla sinergia di tre associazioni di beneficienza, Associazione A.L.I.Ce Ravenna ODV, Associazione Alzheimer Ravenna e Associazione...

Contro gli sprechi una sanità incentrata sulla persona

È il 2008. La crisi economica iniziata un paio di anni prima nei vicini USA non risparmia il Canada e anche al Providence Healthcare, una...