Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
4° Rapporto Gimbe/ Per una sanità da Paese G7 il fabbisogno 2025 cresca a 230 miliardi.

AZIENDE E REGIONI 4° Rapporto Gimbe/ Per una sanità da Paese G7 il fabbisogno 2025 cresca a 230 miliardi. Cartabellotta: «Serve il...

Si allunga fino a 9 ore la finestra temporale per la somministrazione della trombolisi

Comunicato Stampa     Ictus cerebrale: si allunga fino a 9 ore la finestra temporale per la somministrazione della trombolisi. Grandi...

Case vacanze per persone che hanno subito un Ictus - Bellaria

Anche le persone che hanno subito un ictus hanno diritto a godersi una vacanza al mare!  Abbiamo quindi pensato di segnalarvi alcune strutture...

La videosorveglianza garantisce diritti e dignità?

In sede di esame del cosiddetto decreto legge “sblocca cantieri” le Commissioni Lavori pubblici e Ambiente del Senato hanno approvato un...

Mare per tutti 2019 - Inaugurazione Sabato 1 giugno 2019

Sabato 1 giugno 2019 avrà inizio la stagione estiva 2019 “Mare per tutti”   Spiaggia libera allestita per accogliere...

Il legame: Se i libri salvano la vita, la laurea riduce il rischio di infarto e ictus

Ogni 3,6 anni in più passati a studiare le probabilità di soffrire di malattie cardiovascolari si riducono di un terzo Studere,...

Lo studio: L'obesità ruba cinque anni in salute

L’obesità in tarda età non accorcia la vita, ma riduce il numero di anni passati in buona salute.  Una persona intorno ai...

L'incontro: Riforma del Terzo settore: i pazienti entrano di diritto nelle decisioni sulla sostenibilità del sistema sanitario

Alla riforma giuridica del Terzo settore è stata dedicata la quinta edizione del Patient Advocacy Network (24 e 25 maggio) al Centro Congresso...