Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
#Restoacasa ma #Faccioginnastica

Un’attività fisica costante e regolare riduce del 20% il rischio di essere colpiti da ictus i consigli di A.L.I.Ce. Italia ODV In...

SAFE Research Dissemination 2020

  PRESTIGE-AF       Dr Eleni Korompoki, MD, PhD, FESO Clinical Research Fellow in Stroke Medicine  Division of Brain...

CHI RICONOSCE I SINTOMI DI UN ICTUS NON DEVE ASPETTARE PER CHIAMARE IL 112, LE CURE IMMEDIATE SONO FONDAMENTALI

Roma, 19 marzo 2020 – Stiamo vivendo una delle più gravi emergenze sanitarie non solo del nostro Paese ma del mondo intero e...

Progetto counseling post-ictus: tra riabilitazione e supporto consapevole

Il “Progetto Counseling post-ictus: tra riabilitazione e supporto consapevole” è l’iniziativa che A.L.I.Ce. Italia Odv ha...

Ricoveri per ictus dimezzati, è l'effetto Covid-19?

https://www.pharmastar.it/news/neuro/ricoveri-per-ictus-dimezzati-leffetto-covid-19-31811 Come segnalato da A.L.I.Ce. Italia ODV, i ricoveri per...

COMUNICAZIONE IMPORTANTE A.L.I.Ce VdA ODV

SOSPENSIONE TEMPORANEA ATTIVITÀ A.L. I.Ce. VdA ODV  L’associazione A.L.ICe. VdA ODV comunica che in considerazione delle nuove...