Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Werbinar cittadinanzattiva

Cittadinanzattiva è lieta di invitarvi il 2 dicembre dalle ore 18.00 alle ore 19.00  al webinar "Dolore: 10 anni di...

FISH: no alla violenza sulle donne, no alla discriminazione

La Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap aderisce e sostiene convintamente la Giornata internazionale per...

INVITO AL WEBINAR "OSSERVATORIO FIBRILLAZIONE ATRIALE" - 25 NOVEMBRE 2020 ORE 15

OGGI a partire dalle ore 15 si terrà il Webinar "Osservatorio Fibrillazione Atriale" Intervengono tra gli altri: Raffaele...

L'ictus non resta a casa

Presentata l'Indagine civica di Cittadinanzattiva sulla legge 38/2010. Ancora poco conosciuta dai cittadini, la gran parte ignora importanti diritti per la terapia del dolore e le cure palliative.

Non_siamo_nati_per_soffrire_leaflet.pdf REPORT_Noi_non_siamo_nati_per_soffrire_compressed.pdf Riceviamo e volentieri condividiamo i risultati...

SAVE THE DATE 5 novembre 2020 ore 16-17.30 Risultati monitoraggio

  Cittadinanzattiva  è lieta di invitarvi il 5 novembre dalle ore 16.00 alle ore 17.30 all'evento "Non...