Complicanze


Dopo un ictus possono comparire  disturbi ansiosi, dell’umore (depressione, in particolare), disturbi psicotici, labilità emotiva, apatia e decadimento generale delle funzioni cognitive (demenza post-ictus).
Queste complicanze, interferendo con la partecipazione attiva del paziente e con la sua capacità di apprendimento, ne possono fortemente condizionare il programma riabilitativo, compromettendo il recupero funzionale.
È pertanto necessario che siano correttamente e tempestivamente indagate, diagnosticate e trattate allo scopo di ridurne gli effetti clinici negativi.

 

Il problema del trattamento è un punto centrale, in quanto spesso tali disturbi o non sono trattati o non lo sono in modo adeguato. Va, infatti, ricordato che alcuni farmaci di uso comune nella gestione dei disturbi psichiatrici (neurolettici/ansiolitici) possono avere un’azione sfavorevole sul recupero funzionale e sui risultati riabilitativi, per cui dovrebbero essere utilizzati solo se assolutamente necessari

 

Un episodio depressivo che insorga entro 6-12 mesi dopo un ictus è evento molto frequente. Si stima che un disturbo dell’umore clinicamente evidente si verifichi in circa un terzo dei sopravvissuti. La frequenza di depressione post-ictus è maggiore nei primi mesi dall'evento ictale e tende successivamente a ridursi, sia spontaneamente che per effetto delle terapie; tuttavia può anche cronicizzare, tanto che si può osservare in una percentuale rilevante dei casi (20-30%) anche a 3 anni dall’evento acuto. La depressione post-ictus è tuttora un disturbo largamente non trattato, anche se ormai esistono evidenze scientifiche che i farmaci antidepressivi possono essere utilizzati anche in pazienti con patologie organiche.

 

In considerazione delle evidenze che il trattamento della depressione post-ictus è in grado di migliorare, oltre i sintomi depressivi, anche il recupero funzionale, si sottolinea l'importanza di un precoce trattamento della depressione stessa.

 

 

 

 

 

Attività, notizie ed eventi di ALICe

Leggi tutte le notizie
Fondazione Johnson & Johnson lancia il programma di formazione Health4U

IMPRESE E MERCATO Fondazione Johnson & Johnson lancia oggi Health4U, un programma di formazione e orientamento alle carriere universitarie e...

Il fumo è direttamente legato a un maggior rischio di ictus emorragico

Uno studio su Stroke dimostra l’esistenza di un legame diretto tra il fumo e l’ictus emorragico. Chi fuma o chi è geneticamente...

GRAZIE DI CUORE!

  A.L.I.Ce. Italia ODV ringrazia tutti i benefattori che hanno effettuato donazioni sul conto dell’Associazione!  Alcuni abbiamo...

Covid/Altems: nella seconda ondata 6 volte i casi della prima, costi di 12,5 mld per il Ssn

AZIENDE E REGIONI   In 10 mesi due ondate, che sembrano due diverse pandemie. Il numero di casi di Covid-19 nella seconda ondata è...

Inail: nasce la piattaforma per gli ausili sportivi destinati ai disabili

AL GOVERNO   È stata realizzata una piattaforma informatica che a partire da oggi dovrà essere utilizzata dalle società...

Vaccino Covid, priorità ai pazienti con grandi patologie. Il documento della federazione Foce

ATTUALITÀ   Accolto ai massimi livelli istituzionali il documento proposto dalla Federazione di oncologi, cardiologi ed ematologi per...

FISH: no alla violenza sulle donne, no alla discriminazione

La Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap aderisce e sostiene convintamente la Giornata internazionale per...

Ripensare i medici di medicina generale, vero filtro fra pazienti e ospedali

I CAMBIAMENTI NECESSARI   Occorre una modifica strutturale del Sistema sanitario che metta al centro formazione...