Attività, notizie ed eventi

Abbuffate di Natale? Il grasso su fianchi e glutei protegge le donne da ictus e demenza: il nuovo studio

Il team di ricerca del Medical College dell’Università di Augusta negli Stati Uniti ha effettuato studi di laboratorio sui topi e ha scoperto che il grasso sottocutaneo nelle donne potrebbe essere uno dei fattori chiave, oltre agli estrogeni, contro l’infiammazione cerebrale, tra le principali cause di demenza e ictus, almeno fino alla menopausa

02 Gennaio 2023

Gli accumuli di grasso su fianchi e cosce, tipicamente femminili, svolgerebbero in realtà un’importante funzione preventiva per la salute del cervello. Una buona notizia per le tante donne che combattono contro le culotte de cheval, ovvero gli accumuli di grasso localizzati tra coscia e glutei a forma a ‘bisaccia’ o contro gli hips dips, i fianchi a violino. Il team di ricerca del Medical College dell’Università di Augusta negli Stati Uniti ha effettuato studi di laboratorio sui topi e ha scoperto che il grasso sottocutaneo nelle donne potrebbe essere uno dei fattori chiave, oltre agli estrogeni, contro l’infiammazione cerebrale, tra le principali cause di demenza e ictus, almeno fino alla menopausa. Al contrario, i maschi di qualsiasi età hanno una maggiore propensione a depositare grasso intorno agli organi principali nella loro cavità addominale, chiamata adiposità viscerale, che è nota per essere molto più infiammatoria. E, infatti, riferiscono gli scienziati, prima che le donne raggiungano la menopausa, i maschi sono considerati a rischio molto più elevato di problemi legati all’infiammazione, dall’infarto all’ictus. “Quando le persone pensano alla protezione nelle donne, il primo pensiero sono gli estrogeni, ma dobbiamo andare oltre questa idea” afferma Alexis M. Stranahan, neuroscienziato presso il Dipartimento di Neuroscienze e Medicina Rigenerativa presso l’Augusta University. Per scoprire di più sul processo che innesca le infiammazioni cerebrali, i ricercatori hanno eseguito diversi esperimenti sui topi, i risultati completi sono pubblicati su Diabetes. Innanzitutto, hanno osservato l’aumento della quantità e della posizione del tessuto adiposo, nonché i livelli di ormoni sessuali e l’infiammazione cerebrale nei topi maschi e femmine a diversi intervalli di tempo, somministrando loro una dieta ricca di grassi. Dal momento che, proprio come con le persone, le femmine di topo obese tendono ad avere più grasso sottocutaneo e meno grasso viscerale rispetto ai topi maschi, hanno pensato che i modelli distintivi di grasso potrebbero essere una ragione chiave per la protezione dall’infiammazione di cui godono le femmine prima della menopausa.

Gli scienziati hanno ritrovato i modelli distintivi di distribuzione del grasso nei maschi e nelle femmine sottoposti a una dieta ricca di grassi ma non hanno trovato indicatori di infiammazione cerebrale o insulino-resistenza, che aumentano anche l’infiammazione e possono portare al diabete, fino a quando le femmine di topo non hanno raggiunto la menopausa. A circa 48 settimane, le mestruazioni si fermano e la posizione del grasso sulle femmine ha iniziato a spostarsi un po’, per diventare più simile ai maschi. Hanno quindi confrontato l’impatto della dieta ricca di grassi, che è noto per aumentare l’infiammazione in tutto il corpo, nei topi di entrambi i sessi dopo un intervento chirurgico, simile alla liposuzione, per rimuovere il grasso sottocutaneo. Non hanno fatto nulla per interferire direttamente con i normali livelli di estrogeni, come rimuovere le ovaie. La perdita di grasso sottocutaneo ha aumentato l’infiammazione cerebrale nelle donne senza spostare il quadrante sui livelli dei loro estrogeni e altri ormoni sessuali. In conclusione, l’infiammazione cerebrale delle femmine assomigliava molto di più a quella dei maschi, compresi livelli aumentati di classici promotori dell’infiammazione come le proteine ​​di segnalazione IL-1β e TNF alfa nel cervello, riferiscono i ricercatori. A titolo di confronto, solo dopo la menopausa le femmine a cui non è stato rimosso il grasso sottocutaneo, ma che hanno seguito una dieta ricca di grassi, hanno mostrato livelli di infiammazione cerebrale simili a quelli dei maschi, dice Stranahan. Quando il grasso sottocutaneo veniva rimosso dai topi che seguivano una dieta a basso contenuto di grassi in giovane età, questi sviluppavano un po’ più di grasso viscerale e un po’ più di infiammazione nel grasso. Ma Stranahan e i suoi colleghi non hanno riscontrato alcuna evidenza di infiammazione nel cervello. Una lezione da trarre da questo lavoro: non sottoporsi alla liposuzione e poi seguire una dieta ricca di grassi, dice Stranahan. Un’altra è che l’IMC, che divide semplicemente il peso per l’altezza ed è comunemente usato per indicare il sovrappeso, l’obesità e di conseguenza l’aumento del rischio di una miriade di malattie, probabilmente non è uno strumento molto significativo. Un indicatore facile e più accurato del rischio metabolico e potenzialmente della salute del cervello è il rapporto vita/fianchi, anch’esso facile da calcolare. “Non possiamo limitarci a parlare di obesità. Dobbiamo iniziare a parlare di dove si trova il grasso. Questo è l’elemento critico”, afferma Stranahan.

Fonte: Ilfattoquotidiano.it di 30science per Il Fatto | 24 /12/2022

ALICe

A.L.I.Ce. Italia ODV

  • Privacy Policy - Cookie Policy
  • Termini e condizioni
  • Login
  • sito realizzato da Studio Indaco